Yazov, dmitry timofeyevich

(nato nel 1923), ministro della Difesa e maresciallo dell'Unione Sovietica.

Un veterano della Grande Guerra Patriottica, Dmitry Yazov si arruolò nell'esercito prima di essere incaricato nel 1942 e prestò servizio come ufficiale di fanteria da combattimento. Nel decennio del dopoguerra Yazov salì nei ranghi degli ufficiali e frequentò l'Accademia militare di Frunze dal 1956 al 1958. Trascorse il decennio successivo in servizio con il gruppo delle forze sovietiche in Germania, nel distretto militare di Leningrado ea Cuba durante la crisi missilistica. Dal 1968 al 1970 ha frequentato l'Accademia Militare Voroshilov dello Stato Maggiore. Yazov ha continuato a comandare il Trentaquattresimo Corpo d'Armata e la Quarta Armata. Dal 1976 al 1979 è stato a capo della Direzione generale dei quadri del Ministero della Difesa. Seguirono una serie di incarichi di alto livello: vice comandante del distretto militare dell'Estremo Oriente, comandante del gruppo centrale di forze e comandante del distretto militare dell'Asia centrale. Nel 1987, all'indomani dell'Affare Rust, Yazov fu nominato ministro della Difesa in sostituzione del maresciallo Sokolov. Yazov ha supervisionato il Ministero durante gli ultimi giorni dell'intervento sovietico in Afghanistan, la negoziazione di accordi chiave sul controllo degli armamenti e un periodo di crescenti critiche nei confronti dei militari sotto la glasnost e la perestrojka. Durante il suo mandato, le forze sovietiche furono usate per intervenire nei punti caldi interni del Caucaso, dell'Asia centrale e delle Repubbliche baltiche. Nel 1991 Yazov si è unito a una giunta di otto uomini, il Comitato di Stato per la Situazione di Emergenza, composto da personale di alto livello, militari e dei servizi di sicurezza, che ha scommesso su un colpo di stato per rimuovere Gorbaciov e impedire lo smembramento dell'Unione. Tra il 19 e il 21 agosto, Yazov è stato responsabile del movimento delle forze per garantire un trasferimento ordinato del potere. Ha fallito e il colpo di stato è crollato. Yazov è stato arrestato per la sua parte nel colpo di stato e mandato in prigione, ma nel febbraio 1994 ha ricevuto un'amnistia parlamentare. Nel 1998 Yazov è stato nominato consigliere della Direzione della Cooperazione Internazionale presso il Ministero della Difesa.