William e mary (william iii, 1650-1702; governata dal 1689-1702)

Guglielmo e Maria (Guglielmo III, 1650–1702; governò dal 1689 al 1702), re d'Inghilterra, Scozia e Irlanda; (Maria II, 1662–1694; governata dal 1689–1694), regina d'Inghilterra, Scozia e Irlanda. Guglielmo III d'Orange, statista delle Province Unite, nacque il 4 novembre 1650, figlio di Guglielmo II d'Orange (1626–1650), che morì poco prima della nascita, e di Mary Stuart (1631–1660), figlia maggiore di Carlo I d'Inghilterra. Ferocemente antifrancese, il futuro Guglielmo III guidò gli olandesi nella guerra contro la Francia del 1672-1678 in seguito alla rivoluzione del 1672 che fece rivivere lo stadtholderate. La futura Maria II nacque il 30 aprile 1662, la figlia maggiore di James, duca di York (Giacomo II; regnò nel 1685-1688) e la sua prima moglie, Anne Hyde (1638-1671). William e Mary si sposarono il 4 novembre 1677 come parte del piano di Thomas Osborne (1632-1712), conte di Danby, per spostare l'Inghilterra fuori dall'orbita francese e per garantire la successione protestante sulla scia della conversione di York al cattolicesimo. A quel tempo Mary era la seconda in fila al trono dopo suo padre, e William era il quarto.

Allarmato dagli sviluppi politici sotto Giacomo II dopo il 1685 e determinato a portare l'Inghilterra nella sua alleanza antifrancese, Guglielmo si offrì di invadere l'Inghilterra entro l'aprile 1688 se gli fosse stato garantito il sostegno necessario. La nascita di un principe di Galles alla seconda moglie di Giacomo II il 10 giugno 1688, tuttavia, fornì lo spunto immediato per l'azione. Un gruppo di sette politici Whig e Tory ha inviato a William un invito firmato a venire in soccorso dell'Inghilterra. William, usando la voce che il bambino non era realmente della regina ma era stato introdotto clandestinamente nella camera da letto in una padella riscaldata come pretesto, ha affermato che James era quindi colpevole di aver tentato di frodare William e sua moglie dei loro diritti di eredità. La gloriosa rivoluzione del 1688-1689 che seguì portò al rovesciamento di Giacomo II e alla nomina di Guglielmo e Maria come sovrani congiunti di Inghilterra, Scozia e Irlanda, sebbene con pieno potere regale investito solo in Guglielmo.

L'adesione di Guglielmo portò l'Inghilterra all'alleanza continentale per prevenire le ambizioni espansionistiche di Luigi XIV (governato dal 1643 al 1715) in Europa. Guglielmo per primo assicurò l'Irlanda, sconfiggendo l'esercito franco-irlandese di Giacomo II sul fiume Boyne il 1 ° luglio 1690 (sebbene la resistenza giacobita in Irlanda non crollò alla fine per un altro anno). William poi guidò la campagna continentale nei Paesi Bassi, ma la guerra della Lega di Augusta (1688–1697) terminò in modo inconcludente con il Trattato di Ryswick (Rijswijk) nel 1697, lasciando indecisa la questione cruciale del destino dell'eredità spagnola. Nel 1698-1700 Guglielmo negoziò due trattati con la Francia per dividere l'impero spagnolo alla morte del re spagnolo Carlo II (governato dal 1665 al 1700). Ma quando Carlo morì nell'ottobre 1700, lasciando il suo intero impero al nipote di Luigi XIV Filippo d'Angiò (governato 1700-1724, 1724-1746 come Filippo V), Luigi rinnegò l'accordo, spingendo Guglielmo a forgiare una nuova Grande Alleanza (agosto 1701 ) per proteggere la partizione con la forza. La guerra di successione spagnola (1701-1714) scoppiò poco dopo la morte di William.

La spesa della guerra rese necessaria una rivoluzione finanziaria e l'istituzione della Banca d'Inghilterra nel 1694. L'istituzione del debito nazionale, che doveva essere coperto da regolari sovvenzioni di tassazione parlamentare, fece più di ogni altra cosa per rendere la monarchia inglese dipendente dal Parlamento . Il regno di Guglielmo vide anche il passaggio della Legge Triennale nel 1694 (che garantisce nuovi parlamenti ogni tre anni) e la scadenza del Licensing Act nel 1695 (stabilendo così la libertà di stampa), mentre le ripetute assenze di William nel condurre la guerra nel Continente portarono a l'inizio del sistema di governo del gabinetto. Tuttavia, Mary non era una totale nullità politica. Un atto del maggio 1690 la rese reggente durante le assenze del marito, e mostrò una notevole abilità nell'affrontare varie crisi emerse fino alla sua morte prematura per vaiolo nel dicembre 1694. Mary morì senza figli e l'unico figlio superstite di sua sorella Anne, il duca di Gloucester, morì nel 1700. Di conseguenza nel 1701 il Parlamento approvò l'Atto di insediamento, che conferiva la successione alla casa di Hannover una volta che la linea protestante degli Stuart si estinse, stabilì che i futuri monarchi dovevano comunicare i membri della Chiesa d'Inghilterra e limiti alla capacità della corona di coinvolgere l'Inghilterra nella guerra combattuta in difesa dei possedimenti della monarchia all'estero.

In Scozia, William raggiunse la notorietà per aver autorizzato il massacro del clan MacDonald a Glencoe nel 1692, quando il clan saltò accidentalmente il termine per giurare fedeltà al nuovo regime di cinque giorni. In Irlanda, il regime di William ha presieduto l'approvazione di una serie di leggi penali progettate per colpire la fede cattolica che erano in chiara violazione del Trattato di Limerick, che aveva posto fine alla guerra giacobita nel 1691. Con la sua salute già peggiorata, aveva soffrì a lungo di asma: William cadde e si ruppe la clavicola quando il suo cavallo inciampò in un cumulo di terra ad Hampton Court Park il 20 febbraio 1702. Morì di pleurite l'8 marzo. La leggenda giacobita attribuisce la sua scomparsa al "piccolo gentiluomo in velluto nero".