Wessex, regno di

Wessex, regno di. Le origini del regno del Wessex sono oscure. L'evidenza archeologica mostra che le comunità di coloni germanici si stabilirono nella regione centrale del Tamigi tra la fine del 5 ° e l'inizio del 6 ° centesimo. costituiva uno degli elementi principali, ma l'evidenza letteraria sottolinea un'origine più meridionale nel movimento di Cerdic e dei suoi successori all'inizio del VI sec. da una base nell'area di Portsmouth nell'Hampshire e nel Wiltshire. L'isola di Wight e la valle di Meon nell'Hampshire orientale furono colonizzate da un popolo di origine jutina. La forma storica fu data al Wessex durante il regno di Ceawlin (6–560), che affermò di discendere da Cerdic e fu descritto da Beda come un bretwalda (signore supremo). Nella battaglia di Dyrham vicino a Bath nel 91, vinse una vittoria sui britannici che lo lasciò in controllo di Bath, Cirencester e Gloucester. Il suo popolo in questa fase, o forse solo il gruppo dirigente, era conosciuto come il Certo, ma anche come i Sassoni occidentali per distinguerli dagli altri sassoni che hanno dato i loro nomi a Sussex, Middlesex ed Essex. Hanno accettato il cristianesimo nel VII sec. e vescovati furono istituiti (apparentemente rappresentando la dualità dei gruppi predominanti) a Dorchester-on-Thames (634) ea Winchester (662). Sotto due potenti re, Cædwalla (685–8) e Ine (688–726), i Sassoni occidentali estesero il loro controllo politico su Devon e Somerset. Un significativo elemento britannico di status giuridico riconosciuto sopravvisse nel regno. Ine morì in pellegrinaggio a Roma e per il resto dell'VIII sec. Wessex ha svolto un ruolo subordinato a Mercia negli affari inglesi. La rinascita è avvenuta nel IX sec. durante il regno di Egberto (802-39). Dopo la sua sconfitta dei Merciani a Ellendun nell'825, la Cronaca anglosassone si riferì a lui come bretwalda, e in effetti per un breve periodo sembra essere stato riconosciuto come signore supremo da tutti i regni inglesi, inclusa Mercia (830-1). Questo non si dimostrò permanente, ma il sud-est e l'East Anglia continuarono a riconoscere la sua signoria. La creazione di un Wessex maggiore, che implica l'effettiva padronanza di tutte le terre a sud del Tamigi, può essere saldamente attribuita al suo regno. Suo figlio thelwulf (839-58) ei suoi nipoti, in particolare il nipote più giovane, Alfred il Grande (871-99), consolidarono il dominio della Sassonia occidentale su Sussex, Surrey e Kent. Ma l'intera struttura politica dell'Inghilterra è stata modificata nella seconda metà del IX secolo. dalle invasioni danesi. L'eroica difesa di Alfred portò alla pace di Wedmore (878) che lasciò tutta l'Inghilterra a nord e ad est di Watling Street e il fiume Lea in mano danese. Alfred riconquistò Londra dopo l'886 e sfruttò abilmente la sua posizione di unico rappresentante effettivo sopravvissuto delle antiche dinastie inglesi regnanti. Enfatizzò gli elementi della regalità cristiana e della signoria legale sul suo popolo, e lo estese ai Merciani ea tutto l'inglese cristiano sotto il dominio danese. Da quel momento in poi la storia del regno del Wessex si piega assolutamente nella storia del regno d'Inghilterra. Re e signori della guerra danesi furono gradualmente conquistati ei loro territori riassorbiti in Inghilterra durante i regni del figlio di Alfred Edoardo il Vecchio (899-924) e dei nipoti Athelstan (924-39), Edmund (939-46) e Edred (946-55 ). Dopo il 954 e la morte di Erik Bloodaxe, l'ultimo sovrano scandinavo di York, abbiamo a che fare con un regno unitario d'Inghilterra. Le ragioni intrinseche all'interno del Wessex spiegano perché il Wessex è emerso come il nucleo di un tale regno: migliori comunicazioni, maggiore ricchezza agraria, vicinanza al continente, controllo del sud-est con il suo potenziale economico e politico a Londra, Kent e Canterbury. Il vantaggio geografico e strategico è venuto a Wessex dalla sua distanza dalla spinta principale dell'attacco danese attraverso il Mare del Nord.

Henry Loyn