Waters, Maxine Moore

15 Agosto 1938

Maxine Moore, la figlia di Remus Carr e Velma Moore, è nata a Saint Louis, Missouri, e alla fine è diventata deputata. Ha frequentato le scuole pubbliche di Saint Louis e ha sposato Edward Waters subito dopo il diploma di scuola superiore. Nel 1961 si trasferì con il marito e due figli nella sezione Watts di Los Angeles. Dopo aver lavorato in una fabbrica di abbigliamento e come operatore per Pacific Telephone, Waters è stato assunto nel 1966 come assistente insegnante in un programma locale Head Start e in seguito è stato promosso a supervisore.

Nel 1971 Waters ha conseguito la laurea in sociologia presso la California State University di Los Angeles. Divenne attiva nella politica locale e statale, servendo come consigliere principale per la corsa di successo di David S. Cunningham per un seggio nel consiglio comunale nel 1973. Dopo l'elezione di Cunningham, Waters divenne il suo vice capo.

Nel 1976 Waters fu eletta all'Assemblea dello Stato della California, dove prestò servizio per quattordici anni. Rappresentava l'area di Watts ed era una nota portavoce delle questioni femminili. Nel 1978 ha co-fondato il Black Women's Forum, un'organizzazione nazionale progettata per fornire una piattaforma per la discussione di questioni di interesse per le donne nere: programmi per i poveri e le minoranze e la cessione degli investimenti in Sud Africa. Tra i suoi numerosi risultati, Waters ha contribuito a stabilire il Programma di formazione per la prevenzione degli abusi sui minori e ha sponsorizzato una legislazione per proteggere gli inquilini e le piccole imprese, per imporre standard rigorosi alle scuole professionali e per limitare l'autorità di perquisizione della polizia. Waters è stata la prima donna nera membro dell'assemblea del Comitato Regole e il primo membro del Comitato Giudiziario che non era un avvocato.

Nel 1990 Waters è stato eletto per rappresentare un'ampia area di South Central Los Angeles nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Negli anni successivi, ha espresso le sue critiche al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Golfo Persico e ha sostenuto una serie di servizi di reinserimento per le truppe nere al loro ritorno a casa.

In seguito allo scoppio delle rivolte nel suo distretto di Los Angeles dopo l'assoluzione degli agenti di polizia accusati nel caso Rodney King nell'aprile 1992, Waters ha ricevuto l'attenzione nazionale per le sue dichiarazioni sulle cause sociali profonde delle rivolte. Nel 1993 Waters ha proposto una legislazione per il programma Youth Fair Chance, un programma di formazione professionale nei centri urbani, e ha sostenuto l'approvazione della legislazione sull'AIDS e sul diritto all'aborto. Nel corso dei suoi primi due mandati, Waters è rapidamente emersa come una delle principali portavoce della comunità nera e una delle donne più importanti del Congresso. Nel 1998 si è distinta come difensore del presidente Bill Clinton e ha votato contro l'impeachment come membro della Commissione giudiziaria della Camera.

All'inizio degli anni 2000, Waters ha lavorato con vari artisti hiphop per rivendicare l'hip-hop da ciò che sentiva essere cooptato e razzista da parte dell'industria della musica bianca. Nel 2004 Waters ha sponsorizzato una risoluzione al Congresso per fornire assistenza al paese devastato di Haiti.

Guarda anche Politica negli Stati Uniti

Bibliografia

Mathews, Jay. "La matricola della California porta un tocco caldo alla sua posizione ferma." Il Washington Post, Febbraio 19, 1991.

Newman, Maria. "Il legislatore di Riot Zone insiste su un nuovo ruolo per i politici neri". Il Washington Post, Può 19, 1992.

louise p. maxwell (1996)
Aggiornato dall'editore 2005