Vita familiare: corteggiamento e matrimonio

Cambiare la moralità. Nel diciottesimo secolo circa il 10 per cento delle spose americane arrivò all'altare già incinta del loro primo figlio, un livello ineguagliato fino alla fine del ventesimo secolo. Nel New England rurale durante gli anni 1780 e 1790 fino a un terzo di tutte le giovani donne erano incinte al momento del matrimonio. La maggior parte delle persone pensava che fintanto che la coppia si era sposata, c'era poca vergogna nelle gravidanze prematrimoniali. Durante il primo quarto del diciannovesimo secolo, tuttavia, questo atteggiamento ha subito un cambiamento significativo. Nel 1840 c'erano meno di una su cinque gravidanze prematrimoniali nella maggior parte delle città del New England, e nel 1860 il tasso era sceso a uno su venti. Con l'ascesa dell'ideale sentimentale domestico, che considerava la femminilità americana come un esempio di purezza, gli americani ora stabilirono codici morali e sessuali molto più rigidi.

Corteggiamento. Il tipico corteggiamento iniziava in chiesa o durante una festa di famiglia. Mentre in passato i genitori sceglievano spesso il coniuge dei loro figli con l'obiettivo di aumentare la ricchezza o la proprietà terriera della famiglia, a metà del XIX secolo la maggior parte dei giovani e molti genitori credevano che uomini e donne dovessero sposarsi per amore. Questa idea romantica di amore basata sull'attrazione reciproca è stata rafforzata dalla poesia sentimentale e dai racconti in riviste come il Repository delle donne con Il libro della signora di Godey. Il permesso dei genitori era ancora importante,

ma i giovani spesso seguivano le proprie inclinazioni, anche al Sud, dove i genitori esercitavano ancora un maggiore controllo sulla vita dei propri figli. La maggior parte dei giovani disapprovava i flirt. L'idea che qualcuno avrebbe "compensato" una persona del sesso opposto senza gravi intenzioni di matrimonio era considerata "veloce", per non dire poco raccomandabile. Sebbene questa regola si applicasse sia agli uomini che alle donne, le critiche al flirt femminile erano più acute.

Fidanzamento e matrimonio. I lunghi impegni erano comuni; non era considerato appropriato che una giovane coppia si sposasse fino a quando l'uomo non avesse potuto mantenere la moglie in una casa decente e fino a quando la sposa non avesse raccolto i suoi abiti da sposa e stabilito il suo corredo, che includeva oggetti importanti come biancheria da letto, lenzuola, tende e cucina -ware. Gli impegni potrebbero essere interrotti per diversi motivi, di solito incomprensioni, gelosie o la scoperta che il proprio partner non era compatibile. Prima del 1860 la coppia tipica si sposava a casa della sposa alla presenza di parenti stretti e di pochi amici intimi. Durante gli anni 1860 e 1870 i matrimoni della classe media divennero più elaborati. La famiglia della sposa inviava spesso inviti incisi a una vasta gamma di parenti e conoscenti. I matrimoni in chiesa divennero più comuni perché il tipico salotto di famiglia non poteva contenere tutti gli ospiti, e spesso i matrimoni erano seguiti da sontuosi ricevimenti. Molte spose della classe media che potevano permetterselo

per farlo indossava abiti e veli bianchi fluenti, uno stile che ebbe origine nelle donne ricche negli anni '1830 dell'Ottocento. Le spose e gli sposi americani si sono sposati un po 'più tardi rispetto alle loro controparti europee. Nel 1860 la maggior parte degli americani aveva tra i XNUMX ei XNUMX anni quando si sposò, con un'età media un po 'più bassa nel sud. Le donne schiave si sono sposate nella tarda adolescenza e hanno iniziato la loro gravidanza intorno ai diciannove anni.

Divorzio. Sebbene le statistiche sui divorzi siano incomplete, era diventato più facile ottenere un divorzio entro la metà del diciannovesimo secolo. A quel tempo la maggior parte degli stati aveva approvato leggi che consentivano a una coppia di ottenere il divorzio in un tribunale, invece di dover presentare una petizione al legislatore statale come in passato. A partire dal 1839 alcuni stati iniziarono ad approvare leggi che consentivano alle donne sposate di mantenere la propria proprietà e i propri guadagni, rendendo più facile per una donna mantenersi dopo lo scioglimento del matrimonio. Durante il diciannovesimo secolo il tasso di divorzi negli Stati Uniti è cresciuto più rapidamente che nei paesi europei, ma il numero di divorzi era piccolo rispetto alle statistiche per gli Stati Uniti nel ventesimo secolo.

Contraccezione. Il tasso di natalità a livello nazionale negli Stati Uniti è sceso da sette o otto bambini per famiglia intorno al 1800 a cinque o sei durante la guerra civile. (La dimensione media della famiglia era leggermente più alta tra i meridionali, sia neri che bianchi.) Sebbene queste statistiche suggeriscano che gli americani stessero deliberatamente limitando la dimensione delle loro famiglie, ci sono poche informazioni disponibili sui metodi che hanno impiegato. L'argomento era considerato tabù, persino osceno. La contraccezione era raramente discussa nei diari o nelle lettere e gli americani che volevano praticare il controllo delle nascite trovavano difficile conoscere le opzioni a loro disposizione. I pochi libri e opuscoli disponibili divennero ancora più difficili da ottenere dopo l'approvazione della legge Comstock nel 1873. L'obiettivo principale di questa legge, che rendeva illegale l'invio di materiale osceno tramite la posta statunitense, erano le pubblicazioni che discutevano dei metodi di controllo delle nascite. . Presumibilmente, gli americani praticavano gli stessi metodi contraccettivi prevalenti in Europa, incluso il ritiro maschile, il metodo del ritmo, l'astinenza o vari metodi di barriera rozzi e inefficaci (prime versioni di preservativi e diaframmi). La maggior parte delle donne sapeva anche che l'allattamento al seno intensivo spesso inibisce il concepimento.

Aborto. L'aborto è stato utilizzato anche come metodo di controllo delle nascite. Intorno al 1840 il tasso di aborto iniziò ad aumentare notevolmente, non solo tra le donne povere non sposate, ma anche tra le donne sposate più benestanti. Molti americani credevano che prima dell '"accelerazione", il primo segno di movimento o di vita in un feto non ancora nato, la rimozione di una "ostruzione" o "interruzione" non fosse un aborto. In effetti, tali aborti precoci erano legali in quasi tutti gli stati, e alcuni stati non avevano leggi contro l'aborto in nessuna fase della gravidanza di una donna. A partire dalla metà degli anni 1850 ci fu un movimento nazionale per rendere illegali gli aborti; queste leggi erano dirette principalmente agli abortisti e motivate in gran parte dall'elevata incidenza di morti per aborti strumentali falliti. Tra il 1860 e il 1880 almeno quaranta stati e territori approvarono nuove leggi sull'aborto, la maggior parte vietando l'aborto in qualsiasi fase. Molte persone hanno continuato a credere che terminare una gravidanza prima dell'accelerazione non fosse un aborto. Le donne rurali di solito ricorrevano a rimedi casalinghi, inclusi infusi di erbe e lavande, mentre le giovani donne nelle città e nei paesi avevano maggiori probabilità di rischiare la vita ricorrendo agli aborti.

Parto. A partire dal 1820 circa, sempre più donne della classe alta e della classe media, in particolare nelle aree urbane, erano assistite da medici maschi durante il parto. Eppure le ostetriche hanno continuato a partorire la maggior parte dei bambini. (Anche nel 1910 le ostetriche assistevano alla nascita di quasi la metà dei bambini nati a livello nazionale). La maggior parte dei bambini nasceva in casa. Le nascite ospedaliere si sono verificate solo in casi di estrema emergenza. Alcune donne della classe superiore stavano iniziando a provare nuovi metodi di parto, compreso l'uso di droghe come l'etere e la morfina per rendere più facile il travaglio. La febbre puerperale, un'infezione causata da misure igieniche inadeguate durante il parto, ha ucciso molte donne. Il tasso di mortalità per questa malattia è diminuito gradualmente dopo gli anni 1880.