Vasche da bagno e balneazione

Vasche da bagno e balneazione. Per la maggior parte della storia, fare il bagno è stato un lusso associato ai viaggi alle terme e ai resort. Anche le persone benestanti non facevano regolarmente il bagno con il sapone. Di tanto in tanto si pulivano da soli usando solo una bacinella e un panno. Il desiderio di fare il bagno è diventato comune durante il diciannovesimo secolo, quando una maggiore ricchezza ha permesso a più persone di eliminare lo sporco dalle loro case, vestiti e corpi. Tuttavia, a metà del secolo, solo ricchi

Gli americani avevano bagni con acqua corrente. Le famiglie tipiche acquistavano i lavabi come mobili per le loro camere da letto e fornivano spazio per un lavabo, una brocca e un vaso da notte. La maggior parte delle vasche da bagno erano oggetti metallici e portatili che potevano essere riposti in modo discreto fino al momento del bisogno. Poiché venivano riempite a mano con secchi d'acqua, le famiglie facevano ancora il bagno raramente, spesso in cucina, senza preoccuparsi di cambiare l'acqua del bagno dopo ogni bagnante.

Una volta che il bagno divenne una routine tra le classi medie, adottarono nuovi standard di pulizia. Le persone che desideravano prosperare facevano il bagno per avanzare socialmente ed economicamente. Nel 1870, le madri della classe media avevano indottrinato i loro figli con standard e abitudini moderne. Una ricca letteratura prescrittiva ha incoraggiato i loro sforzi, compresi i consigli di esperti medici, che ora consideravano il bagno salutare. Questi nuovi atteggiamenti hanno portato insegnanti di scuola e riformatori della classe media urbana a fare campagne attive per cambiare i comportamenti di una classe operaia sempre più immigrata, la cui mancanza di igiene era vista come una minaccia per la società. Poiché i bagni privati ​​rimanevano proibitivi, i riformatori sostenevano le strutture pubbliche.

I bagni moderni con vasche, lavandini, servizi igienici e acqua corrente non sono diventati comuni fino al ventesimo secolo, quindi gli interessi commerciali sono stati lenti a promuovere l'ideale della pulizia tra la popolazione generale. Alcune società, come Procter e Gamble, pubblicizzavano in modo aggressivo saponi per le masse, ma i produttori di lavelli e vasche da bagno in ghisa non vendevano prodotti direttamente ai consumatori. Vendevano a lavoratori - intermediari che collegavano i produttori con gli idraulici che installavano i prodotti. Prima del 1920, anche i produttori di vasche e lavelli di grande successo non producevano servizi igienici, che richiedevano una finitura vitrea prodotta da vasai piuttosto che da lavoratori del metallo. Di conseguenza, l'industria idraulica è rimasta decentralizzata, senza un leader integrato che potesse promuovere l'igiene in modo aggressivo.

In previsione del boom immobiliare degli anni '1920, si verificarono cambiamenti radicali. Le società di vendita per corrispondenza, in particolare Sears Roebuck, iniziarono a commercializzare suite di servizi igienici, lavandini e vasche da bagno a basso costo. Riconoscendo il mercato potenziale, le grandi aziende idrauliche come American Standard, Crane e Kohler hanno consolidato le partecipazioni e adottato metodi di produzione ad alta intensità di capitale. Durante il boom, hanno prodotto un grande volume di articoli idraulici a prezzi moderati per il bagno comune. Nel 1940, circa tre delle quattro famiglie urbane avevano residenze con bagni moderni. Entro un decennio, il bagno era diventato un'attività abituale per la maggior parte degli americani.

Per due generazioni, gli americani hanno preferito impianti idraulici meno costosi e utilitari, rendendo impossibile per i produttori trasformare gli infissi in articoli di lusso. Le famiglie erano più preoccupate dei costi, soprattutto quando iniziarono ad aggiungere un secondo e persino un terzo bagno alle loro case. Nel corso del ventesimo secolo, tuttavia, i consumatori iniziarono ad acquistare spa e vasche idromassaggio in fibra di vetro. Spesso elaborati, questi nuovi apparecchi hanno reintrodotto il concetto di balneazione come un lusso per la classe media.

Bibliografia

Bigott, Joseph C. Dal cottage al bungalow: le case e la classe operaia nella metropolitana di Chicago, 1869-1929. Chicago: University of Chicago Press, 2001.

Blaszcyk, Regina Lee. Consumatori immaginari: design e innovazione da Wedgwood a Corning. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 2000.

Bushman, Richard L. e Claudia L. Bushman. "La prima storia della pulizia in America". Journal of American History 74 (1988): 1213–1238.

Joseph C.Bigott