Van Cortlandt, Philip

Van cortlandt, philip. (1749–1831). Ufficiale continentale. New York. Nato a New York City il 21 agosto 1749 con grande privilegio, Van Cortlandt era il figlio maggiore di Pierre Van Cortlandt (1721-1814), che fu il primo luogotenente governatore di New York (eletto nel 1777 e periodicamente rieletto per diciotto anni), e Joanna Livingston. Van Cortlandt ha trascorso i dieci anni precedenti la Rivoluzione nella tenuta di famiglia, dove ha esaminato, smaltito tratti di terra che facevano parte del maniero originale e gestito mulini per suo padre. Nell'aprile 1775 partecipò alla Convenzione provinciale e il mese successivo fu scelto come rappresentante della contea di Westchester al primo Congresso provinciale di New York.

Commissionato tenente colonnello del Quarto reggimento di New York il 18 giugno 1775, raggiunse Albany verso la fine di agosto con quattro compagnie, ma fu impedito dalla malattia di partecipare all'ala di Montgomery dell'invasione canadese. Ha prestato servizio nello staff di Washington per un breve periodo prima di essere nominato colonnello del Secondo reggimento continentale di New York il 21 novembre 1776. Questo posto vacante è il risultato della defezione di Rudolph Ritzema agli inglesi. Philip si unì alla sua unità a Trenton il giorno dopo la battaglia e la comandò per il resto della guerra. Ordinato a Peekskill, si stava spostando a nord per opporsi alla spedizione di St. Leger quando il successo di Benedict Arnold nell'agosto 1777 lo portò invece al principale esercito del nord. Il suo reggimento prese parte ad entrambe le battaglie di Saratoga, arrivando tra gli ultimi a rinforzare Arnold alla Freeman's Farm e servendo nella brigata dei poveri nella battaglia del 7 ottobre. Rientrò nell'esercito principale per i quartieri invernali a Valley Forge. Il suo reggimento era di stanza nella contea di Ulster, New York, e come parte della divisione di Clinton accompagnò la spedizione di Sullivan contro gli Irochesi nel 1779. Si sedette alla corte marziale di Arnold (26 dicembre 1779-26 gennaio 1780) e, in disaccordo con il sentenza a maggioranza di un rimprovero, ha ritenuto che Arnold dovesse essere licenziato dal servizio. Nella primavera del 1780 fu inviato a Fort Edward, New York, e più tardi nello stesso anno fu ordinato a Schenectady, dove il Secondo, il Quarto e il Quinto continente di New York furono consolidati sotto il suo comando. Nel giugno 1781 gli fu ordinato a sud di unirsi alle forze che si preparavano a marciare contro Cornwallis in Virginia, e nella campagna di Yorktown si distinse per coraggio e intraprendenza mentre prestava servizio sotto il marchese de Lafayette. Fu brevettato generale di brigata il 30 settembre 1782 per la sua esibizione a Yorktown.

Dopo la guerra, Van Cortlandt era un commissario per l'appropriazione delle terre lealiste a New York. In qualità di delegato alla convenzione di Poughkeepsie nel 1788, Van Cortlandt si oppose a suo padre e al suo alleato politico, il governatore George Clinton, e votò per la ratifica della Costituzione federale. Dopo aver partecipato all'assemblea statale nel 1788-1790 e al senato statale nel 1791-1793, entrò nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti nel dicembre 1793 e servì diciassette anni, sebbene, essendo diventato un jeffersoniano e sostenitore della schiavitù, vinse alcune vittorie limitate , uno per soli tredici voti. Poco distinto come membro del Congresso, perse il seggio nelle elezioni del 1808 dopo aver prima votato a favore e poi contro l'Embargo Act di Jefferson. Emerse dal pensionamento per accompagnare Lafayette in gran parte del suo viaggio trionfale nel 1824 e morì nel suo maniero il 5 novembre 1831.