Università di Lincoln

La Lincoln University si trova nel sud della contea di Chester, a quattro miglia a nord di Oxford, in Pennsylvania. Fondata nel 1854, l'università è la più antica istituzione di istruzione superiore nera esistente negli Stati Uniti. L'università è stata fondata da John Miller Dickey, un pastore anziano bianco della Oxford Presbyterian Church. Prima di fondare la Lincoln University, Dickey aveva mostrato preoccupazione per il benessere degli afroamericani. Nel 1850 contribuì in modo decisivo alla liberazione di due sorelle, Rachel ed Elizabeth Parker, rapite a Oxford per essere vendute in schiavitù. Dickey ha anche sostenuto l'American Colonization Society e ha ritenuto che gli africani emancipati dovrebbero tornare nel continente africano come missionari. Nel 1852 Dickey fece tentativi infruttuosi di collocare James Ralston Amos, un afroamericano e tesoriere del fondo per l'edificio "Negro Church" istituito da Richard Allen nel 1794, nel Seminario dell'Università di Princeton e anche in un'accademia religiosa gestita dal Sinodo presbiteriano di Filadelfia. Frustrato da uno sforzo fallito per garantire l'ammissione a uno studente "di colore" in un istituto "bianco", Dickey cercò una soluzione per creare un istituto per uomini "di colore".

L'istituto fondato da Dickey è stato originariamente istituito dallo stato della Pennsylvania come Ashmun Institute, chiamato in onore di Jehudi Ashmun, il primo governatore della Liberia. Dopo la guerra civile e in riconoscimento del ruolo che il presidente Abraham Lincoln ha svolto nell'emancipazione degli schiavi, l'Ashmun Institute è stato ribattezzato Lincoln University. Il curriculum educativo è stato originariamente concepito per includere non solo tutti gli aspetti delle arti liberali, ma anche diritto, medicina e teologia. I problemi finanziari e il calo delle iscrizioni, tuttavia, hanno reso necessaria la chiusura del seminario e delle scuole di diritto e medicina. Le carte dell'università del 1854 e del 1866 limitarono l'ammissione agli studenti maschi. Tuttavia, nel 1953 l'università ha modificato il suo statuto per consentire la coeducazione. Nel 1972 la Lincoln University è diventata un'istituzione statale all'interno del Commonwealth System of Higher Education della Pennsylvania ed è stata collocata sulla stessa base per gli aiuti di Stato della Temple University e dell'Università di Pittsburgh e della Pennsylvania State University.

La Lincoln University ha svolto un ruolo fondamentale nella formazione dei leader, non solo tra gli afroamericani ma anche tra gli africani. Nei primi cento anni della sua esistenza, la Lincoln University ha laureato il venti per cento dei medici afroamericani e più del dieci per cento degli avvocati afroamericani negli Stati Uniti. Nelle parole della dottoressa Niara Sudarkasa, l'undicesimo presidente della Lincoln University, "l'elenco degli ex studenti della Lincoln University si legge come una sezione di Who's Who of the Twentieth Century". I suoi illustri alunni includono Thurgood Marshall, che non solo ha discusso con successo lo storico caso di desegregazione della scuola davanti alla Corte Suprema nel 1954, ma è diventato anche il primo afroamericano nominato alla Corte Suprema, e il poeta Langston Hughes, che era nella classe di Lincoln University 1929. Due ex capi di stato in Africa furono istruiti alla Lincoln University: Kwame Nkrumah, il primo primo ministro del Ghana, si laureò nel 1939, e Nnamdi Azikiwe, il primo presidente della Nigeria, era nella classe 1930 della Lincoln University. Gli ex alunni di Lincoln sono stati presidenti di trenta -sei college e università.

L'impatto positivo di Lincoln è stato particolarmente sentito nel Commonwealth della Pennsylvania, dove molti dei suoi laureati si sono distinti come educatori, medici, giudici, avvocati e scienziati. I diplomati di Lincoln includono Harry W. Bass, il primo legislatore afroamericano della Pennsylvania; Robert NC Nix, il primo membro del Congresso afroamericano dello stato; Herbert Millen, il primo giudice afroamericano dello stato; e Roy C. Nichols, il primo vescovo afroamericano della United Methodist Church.

La Lincoln University ha continuato la tradizione di istruire gli studenti africani che tornano nel loro continente per assumere posizioni di leadership. Il primo gabinetto del governo per l'indipendenza della Namibia aveva almeno sei laureati della Lincoln University. Questo impressionante record di alunni nazionali e internazionali di Lincoln in vari campi delle attività umane testimonia il valore di una preparazione solidamente radicata in un'educazione alla libertà.

Dagli anni '1960 la Lincoln University ha intensificato la sua tradizione di coinvolgimento internazionale. Nel 1961 il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha sponsorizzato il Programma di lingue africane e studi di area presso l'università. Dal 1963 al 1971 il Programma di addestramento dei corpi di pace degli Stati Uniti ha preparato i volontari nel campus della Lincoln University e li ha inviati in Africa e nei Caraibi. Sudarkasa, un antropologo riconosciuto a livello internazionale e la prima donna afroamericana ad essere nominata presidente di Lincoln, ha evidenziato il focus internazionale della Lincoln University. Sotto la sua guida Lincoln istituì il Center for Public Policy and Diplomacy, il Center for the Study of Critical Languages ​​e il Center for the Comparative Study of the Humanities. Questi centri sono diventati punti focali per gli studi internazionali all'università. Inoltre, oltre alle lingue europee tradizionalmente insegnate nei college, Lincoln insegna anche le lingue cinese, giapponese, russa e araba.

Il dottor Horace Mann Bond, laureato alla Lincoln University, è stato il primo presidente afroamericano dell'istituto. Ha servito dal 1945 al 1957. Il dottor Bond è stato sostituito dal dottor Marvin Wachman, che era bianco. Dopo il dottor Wachman, i presidenti successivi, il dott. Herman Branson (1970–1985), Dr. Sudarkasa (1987–1998) e Dr. Ivory V. Nelson (1999 -) - sono stati neri.

La popolazione studentesca della Lincoln University era tradizionalmente di circa quattrocento, ma nel 2005 il numero era salito a circa duemila. Gli studenti vengono reclutati da diversi contesti sociali, economici e nazionali. L'università ha continuato ad espandere le strutture fisiche sui suoi 350 acri di terra.

Guarda anche Bethune-Cookman College; Dillard University; Fisk University; Howard University; Morehouse College; Spelman College; Università di Tuskegee; Wilber-force University

Bibliografia

Bond, Horace Mann. Education for Freedom: A History of Lincoln University, Pennsylvania. Lincoln, Penn: Lincoln University, 1976.

Carr, George B. John Miller Dickey. Philadelphia: Westminster Press, 1929.

Lewis, Thomas E. "Lincoln University: la prima scuola di apprendimento superiore per negri al mondo". Bollettino di Philadelphia (26 agosto 1951): 3.

Sudarkasa, Niara. "Dimensione internazionale della Lincoln University". In Istruzione per la competenza internazionale in Pennsylvania, a cura di Andrew Dinniman e Burkart Holzner. Harrisburg: Pennsylvania Department of Education, 1988.

levi a. nwachuku (1996)
Aggiornato dall'editore 2005