United negro college fund

Lo United Negro College Fund, un'alleanza di quarantuno college e istituti di istruzione superiore neri, è un'impresa filantropica fondata per finanziare l'istruzione dei neri. È stato creato durante la seconda guerra mondiale, in un momento in cui quasi tutti i college neri erano in condizioni finanziarie pericolosamente povere. La Grande Depressione e la carenza di guerra avevano inciso profondamente sulle donazioni di beneficenza e molti studenti non erano in grado di pagare le proprie tasse scolastiche. Nel 1943 il presidente del Tuskegee Institute, Frederick Douglass Patterson, scrisse un articolo nel Corriere di Pittsburgh, proponendo che i college neri snelliscano la raccolta di fondi unendosi in un appello di finanziamento congiunto. L'anno successivo, i presidenti di ventisette college si incontrarono e accettarono di sostenere una campagna di raccolta fondi di massa unificata, i cui proventi avrebbero diviso tra i loro college. Con l'aiuto delle donazioni del Julius Rosenwald Fund e del General Education Board con sede a Rockefeller, è stata fondata l'organizzazione, denominata United Negro College Fund (UNCF) e con sede a New York. Era composto da college neri sostenuti privatamente (in gran parte meridionali), che autorizzavano l'UNCF a raccogliere tutti i fondi per le spese operative come borse di studio, stipendi degli insegnanti e attrezzature. Ogni presidente del college ha accettato di servire un mandato di trenta giorni rotante che guida gli sforzi dell'UNCF. William Trent, un manager formato alla Wharton School dell'Università della Pennsylvania, è stato il suo primo direttore esecutivo.

Nel 1944 l'UNCF inaugura la sua prima campagna nazionale. È stato un enorme successo: l'organizzazione ha raccolto $ 765,000, tre volte l'importo totale che i suoi college membri avevano raccolto l'anno precedente. Spinta dal suo rapido successo, l'UNCF crebbe presto, assumendo uno staff permanente indipendente. Nel 1951 l'UNCF iniziò una campagna di capitali separata, la Mobilitazione Nazionale delle Risorse, affinché gli United Negro Colleges pagassero i fondi per la costruzione e la dotazione, e raccolse 18 milioni di dollari in quattro anni con l'aiuto di John D. , con il sostegno del presidente John F. Kennedy e della Fondazione Ford, ha avviato un'ulteriore richiesta di fondi per la manutenzione e l'espansione a lungo trascurate degli impianti fisici del campus e ha raccolto 1963 milioni di dollari in un solo anno.

Nel 1964 Trento si dimise. Mentre lottava per ridefinire la sua missione e per promuovere la legittimità dell'istruzione universitaria nera di fronte alla desegregazione universitaria tradizionale, l'UNCF ha attraversato sei presidenti, a cominciare da Patterson, nei dieci anni successivi. La turbolenza del movimento per i diritti civili ha spaventato i potenziali donatori e i livelli di finanziamento sono diminuiti.

Nel 1972 l'UNCF è stato accettato dal Consiglio della pubblicità e la pubblicità televisiva e radiofonica è diventata un'importante strada per la raccolta di fondi. Lo slogan dell'UNCF, "Una mente è una cosa terribile da sprecare", divenne così noto da essere incluso in Citazioni familiari di Bartlett. Sotto la guida di Christopher Edley (presidente dal 1973 al 1990), le entrate annuali della campagna dell'UNCF sono passate da $ 11.1 milioni a $ 48.1 milioni e i suoi membri sono cresciuti a quarantuno college. Nel 1978 l'UNCF ha inaugurato un Capital Resources Development Program, che ha raccolto 60 milioni di dollari per le sue istituzioni membri, e un College Endowment Funding Program, progettato da Patterson per ridurre la dipendenza del college dal finanziamento federale per le spese permanenti. Nel 1980 l'UNCF iniziò anche un telethon annuale per la raccolta di fondi, "The Lou Rawls Parade of Stars".

Nel 1990 Christopher Edley si dimise e l'anno successivo William Gray III, la maggioranza della Camera degli Stati Uniti, lasciò il suo seggio al Congresso per diventare il nuovo presidente dell'UNCF, sottolineandone l'importanza nella comunità nera. Quell'anno l'UNCF diede inizio alla "Campagna 2000", una campagna per raccogliere 250 milioni di dollari entro il 2000. Con il sostegno del presidente George HW Bush e un regalo di 50 milioni di dollari dal magnate dei media Walter Annenberg, raccolse 86 milioni di dollari nel suo primo anno.

Lo United Negro College Fund rimane la principale fonte di finanziamento non governativa per i college storicamente neri. Il suo obiettivo ristretto di raccolta fondi di dotazione e di appello ai donatori di tutto lo spettro politico gli ha portato una certa quantità di critiche in quanto ente di beneficenza politicamente "sicuro". Tuttavia, i suoi difensori hanno sottolineato che i college neri di qualità rimangono un'alternativa necessaria per gli studenti in cerca di istruzione superiore, e gli sforzi dell'UNCF hanno assicurato la sopravvivenza e la crescita di queste istituzioni.

Nel 2003, dopo aver trasformato l'UNCF in una potente organizzazione filantropica, Gray annunciò che si sarebbe dimesso da presidente. Nel 2004 il Dr. Michael L. Lomax è diventato presidente e CEO.

Guarda anche Istruzione negli Stati Uniti; Gray, William H., III

Bibliografia

Patterson, Frederick Douglass. Chronicles of Faith: The Autobiography of Frederick Douglass Patterson. Tuscaloosa: University of Alabama Press, 1991.

greg robinson (1996)
Aggiornato dall'editore 2005