Unione internazionale dei lavoratori di miniera, mulino e fonderia

Unione internazionale dei lavoratori di miniera, mulino e fonderia. Nella sua prima incarnazione come Federazione occidentale dei minatori (WFM), istituita in una convenzione a Butte, Montana, il 15 maggio 1893, l'Unione internazionale dei lavoratori minerari, mulini e fonditori (IUMMSW) organizzò i lavoratori che estraevano rame, bauxite, nichel, uranio, piombo, zinco, oro e argento così come quelli che fondevano e raffinavano il rame. Guadagnandosi la reputazione di una delle principali istituzioni radicali nel West americano, il sindacato vinse alcune importanti iniziative organizzative nei suoi primi anni, tra cui una vittoria chiave a Cripple Creek, in Colorado, nel 1894. Con la proprietà di società minerarie sempre più consolidate tra poche corporazioni, tuttavia, il WFM sciolse un certo numero di suoi locali e fu quasi defunto dalla prima guerra mondiale. Sperando di mettere da parte la sua reputazione radicale, il sindacato riemerse come IUMMSW nel 1916.

Nell'atmosfera anti-sindacale dei ruggenti anni Venti, l'IUMMSW è rimasto un guscio di se stesso. Come per molti altri sindacati industriali, tuttavia, la sua leadership si è aggrappata alla promessa del New Deal di riaffermare la sua presenza nelle miniere occidentali. Dopo uno sciopero di cinque mesi a Butte e Anaconda, Montana, nel 1934, la IUMMSW non solo è stata rivitalizzata come organizzazione sindacale, ma anche saldamente stabilita come partner nella coalizione del New Deal di leader sindacali, riformatori sociali e altri attivisti. Eppure le divisioni interne continuarono ad affliggere il sindacato sotto la presidenza di Reid Robinson, eletto in carica nel 1936 con l'impegno a rinnovare l'atteggiamento aggressivo di organizzazione e contrattazione del sindacato. Robinson ha suscitato polemiche quando ha nominato il membro del Partito Comunista Maurice Travis a un ufficio internazionale IUMMSW. I membri anticomunisti della IUMMSW costrinsero Robinson alle dimissioni dall'incarico nel 1947 per il trasferimento, ma furono ulteriormente irritati quando Travis successe a Robinson come presidente IUMMSW. Sebbene Travis abbia tagliato formalmente i suoi legami con il Partito Comunista al fine di soddisfare il divieto del Taft-Hartley Act contro i leader sindacali che detengono membri del partito, la pubblicità sopra il lembo ha attirato l'attenzione nazionale sul sindacato al culmine dell'era McCarthy. rosso spaventa.

A indebolire ulteriormente l'energia del sindacato fu la sua espulsione dal Congresso delle Organizzazioni Industriali (CIO) nel 1950.Sebbene fosse un membro fondatore del CIO nel 1935, l'IUMMSW fu uno degli undici sindacati espulsi in una mossa per eliminare elementi comunisti dall'organizzazione . L'IUMMSW ha anche affrontato nuove accuse di influenza comunista con il film del 1954 Sale della terra, basato su uno sciopero contro Empire Zinc da IUMMSW Local 890 ad Hanover, New Mexico. Con il suo produttore, regista, sceneggiatore e attore protagonista già su una lista nera dell'industria cinematografica per le loro attività di sinistra, il film sembrava giustificare i sospetti di dominio comunista nell'IUMMSW al momento della sua uscita.

Durante gli anni '1950, la IUMMSW affrontò numerose sfide da parte della United Steel Workers of America (USWA), che usava la retorica anticomunista e razzista per fare irruzione nei sindacati locali. Anche se ha mantenuto circa 37,000 membri in 300 sindacati locali, i funzionari dell'IUMMSW hanno votato per fondersi con l'USWA il 30 giugno 1967. Altri 13,000 lavoratori in locali canadesi IUMMSW si sono uniti alla fusione il giorno successivo. IUMMSW Local 598 a Sudbury, Ontario, tuttavia, rifiutò di accettare la fusione e dopo il 1985 mantenne un'affiliazione con il sindacato canadese dei lavoratori automobilistici.

Bibliografia

Jameson, Elizabeth. Tutto ciò che luccica: classe, conflitto e comunità a Cripple Creek. Urbana: University of Illinois Press, 1998.

Mercier, Laurie. "'Invece di combattere il nemico comune': Mine Mill contro Steelworkers nel Montana, 1950-1967." Storia del lavoro 40, n. 4 (1999): 459–480.

Zieger, Robert H. Il CIO, 1935-1955. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1995.

Timothy G.Borden