Ufficio dei bambini

Ufficio dei bambini. Firmata come legge dal presidente William Howard Taft nel 1912, durante l'era progressista, l'US Children's Bureau (CB) è la più antica agenzia federale per l'infanzia ed è attualmente uno dei sei uffici all'interno del Dipartimento della salute e dell'amministrazione dei servizi umani degli Stati Uniti per Bambini e famiglie, amministrazione su bambini, giovani e famiglie. Il Children's Bureau nasce da un'idea di Lillian D. Wald e Florence Kelley, pioniere nella difesa dei diritti dei bambini. Dopo nove anni di sforzi e una Conferenza della Casa Bianca sulla cura dei bambini a carico, questa agenzia federale è stata creata per indagare e promuovere i mezzi migliori per proteggere il diritto all'infanzia; la prima direttrice è stata Julia Clifford Lathrop, una donna accreditata per aver contribuito a definire il ruolo delle donne nello sviluppo delle politiche pubbliche.

Per i suoi primi trentaquattro anni di esistenza, l'ufficio è stata l'unica agenzia focalizzata esclusivamente sui bisogni dei bambini. Lathrop ei suoi successori furono gli autori principali della politica per il benessere dei bambini fino al 1946, durante questo periodo diedero un contributo significativo alla sensibilizzazione sui bisogni dei bambini e delle famiglie sia in contesti urbani che rurali. I loro sforzi sono stati più evidenti nella riduzione del tasso di mortalità materna e infantile della nazione. Il tasso di mortalità materna è sceso da 60.8 decessi per 10,000 nati vivi nel 1915 a 15.7 nel 1946. Il tasso di mortalità infantile è sceso da 132 decessi per 1,000 nati vivi nel 1912 a 33.8 nel 1946. L'agenzia è stata anche notevole in questo periodo per i suoi studi che ha riconosciuto razza, etnia, classe e regione come fattori nelle esperienze dei bambini. Nel 1946, la riorganizzazione del governo trasferì l'agenzia alla neonata Agenzia per la sicurezza federale e trasferì molte delle sue responsabilità amministrative ad altre agenzie, riducendo così il potere e lo status dell'agenzia all'interno del governo federale.

L'ufficio di presidenza non è stato all'altezza durante questi primi tre decenni nel sostenere i bambini provenienti da famiglie non tradizionali, compresi i figli di madri lavoratrici. L'agenzia inoltre non è riuscita a riconoscere e sostenere i bisogni dei bambini che non provenivano da famiglie della classe media, equiparando una normale vita domestica agli ideali della classe media. La soluzione dell'agenzia per molte famiglie in difficoltà è stata quella di mettere i loro figli in famiglie affidatarie dove avrebbero potuto vivere una "normale vita familiare".

Oggi l'ufficio è diretto da un commissario associato che consiglia il commissario dell'Amministrazione per l'infanzia, la gioventù e le famiglie su questioni relative al benessere dei bambini, compresi gli abusi sui minori e l'incuria, i servizi di protezione dei bambini, la conservazione e il sostegno della famiglia, l'adozione, l'affidamento e l'indipendenza. vita. Raccomanda proposte legislative e di bilancio, obiettivi e iniziative del sistema di pianificazione operativa, progetti e aree tematiche per attività di valutazione, ricerca e dimostrazione. Con un budget di oltre quattro miliardi di dollari, l'agenzia fornisce sovvenzioni a stati, tribù e comunità per gestire servizi come servizi di protezione dei bambini, conservazione e sostegno della famiglia, affidamento, adozione e vita indipendente.

Il Children's Bureau ha cinque filiali: l'Ufficio per l'abuso e l'incuria sui minori; la divisione della politica; la divisione dell'attuazione del programma; la Divisione Dati, Ricerca e Innovazione; e la Divisione Sviluppo delle capacità di benessere dei bambini. Attraverso questi cinque rami, l'agenzia lavora per l'applicazione del Child Abuse Prevention and Treatment Act (CAPTA), del Children's Justice Act, dell'Indian Child Welfare Act, e dirige il National Center on Child Abuse and Neglect Information Clearinghouse e la National Adoption Informazioni Clearing house.

Bibliografia

Ufficio dei bambini, Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, Amministrazione per bambini e famiglie. In linea, http://www.acf.dhhs.gov/programs/cb/index.htm, consultato il 23 febbraio 2002.

Levine, Murray e Adeline Levine. Una storia sociale dei servizi di aiuto: clinica, tribunale, scuola e comunità. New York: Appleton-Century-Crofts, 1970.

Lindenmeyer, Cristo. "A Right to Childhood": The US Children's Bureau and Child Welfare, 1912-46. Urbana: University of Chicago Press, 1997.

Mary AnneHansen