Trattato dell’Oregon del 1846

Trattato dell'Oregon del 1846. Questo accordo ha stabilito il confine tra gli Stati Uniti e il Canada al 49 ° parallelo ad ovest delle Montagne Rocciose, girando intorno all'isola di Vancouver e poi procedendo attraverso lo stretto di San Juan de Fuca. Il Trattato dell'Oregon ha risolto la controversia tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sull'area dell'Oregon situata tra il fiume Columbia e il 49 ° parallelo. Nel 1818, entrambi i paesi avevano concordato un'occupazione congiunta dell'Oregon, e questo accordo era stato rinnovato con un trattato nel 1827.

Eletto nel 1844 su una piattaforma espansionista che includeva l'acquisizione dell'intero territorio dell'Oregon, che si estendeva a 54 gradi, 40 minuti a nord, il presidente James K. Polk dovette soddisfare le richieste dei suoi connazionali per la regione. Dopo che una proposta di compromesso fu respinta nel luglio 1845, Polk acquisì l'autorità del Congresso in dicembre per abrogare il trattato del 1827. Il 15 giugno 1846, il Senato ratificò un trattato che stabiliva il confine al 49 ° parallelo. Il deterioramento delle relazioni con il Messico e l'opinione pubblica favorevole resero il compromesso accettabile per gli Stati Uniti, mentre la Gran Bretagna era ugualmente interessata a una soluzione pacifica perché aveva questioni interne ed estere più urgenti da considerare.

Bibliografia

Bergeron, Paul B. La presidenza di James K. Polk. Lawrence. University Press of Kansas. 1987.

Jones, Howard. Crogiolo di potere: una storia delle relazioni estere americane fino al 1913. Wilmington, Del .: Scholarly Resources, 2002.

Ronda, James P. Astoria e Empire. Lincoln: Pressa dell'Università del Nebraska, 1990.

GregoryMoore