Trattato con le sei nazioni (1784)

I nativi americani delle valli del fiume St.Lawrence, Ohio, Mississippi e Mohawk hanno svolto un ruolo importante durante il secolo di guerra dal 1680 al 1780, quando francesi, inglesi e americani combatterono per il controllo del Nord America. Durante l'ultima grande competizione, la Guerra per l'indipendenza americana (1775–1783), la maggior parte delle tribù indiane si allearono con gli inglesi. Questa opposizione ai patrioti americani era vera per le Sei Nazioni degli Irochesi. Il Trattato di Parigi del 1783 che pose fine alla guerra diede ai nuovi Stati Uniti il ​​controllo della regione dai Monti Appalachi al fiume Mississippi, che comprendeva innumerevoli villaggi indiani e migliaia di guerrieri. Il nuovo governo degli Stati Uniti organizzato secondo gli Articoli della Confederazione ha dato al Congresso il potere di stipulare trattati con le nazioni indiane. Nel 1784, il Congresso nominò Oliver Wolcott, Richard Butler e Arthur Lee a negoziare un trattato con le tribù sconfitte di Cayuga, Seneca, Mohawk, Oneida, Tuscarora e Onondaga dello stato di New York. Il trattato risultante, firmato dai commissari americani e dai rappresentanti delle tribù, delineava i confini delle nazioni indiane, richiedeva che gli ostaggi indiani fossero consegnati alle autorità americane e accettò di portare rifornimenti ai nativi assediati. Questo trattato, come molti trattati prima e dopo la firma degli Stati Uniti e delle tribù indiane nordamericane, sarebbe di breve durata. La guerra sarebbe scoppiata di nuovo durante i dieci anni successivi fino a quando gli indiani non furono nettamente sconfitti a Fallen Timbers nel 1794.

RussellLawson,
Bacone College

Guarda anche ; .

Articoli conclusi a Fort Stanwix, il ventidue ottobre millesettecentottantaquattro, tra Oliver Wolcott, Richard Butler e Arthur Lee, plenipotenziario dei Commissari degli Stati Uniti, riuniti al Congresso, da una parte , e dall'altra i Sachem e i Guerrieri delle Sei Nazioni.

Gli Stati Uniti d'America danno la pace a Seneca, Mohawk, Onondagas e Cayuga e li ricevono sotto la loro protezione alle seguenti condizioni:

Articolo I.

Sei ostaggi saranno immediatamente consegnati ai commissari da dette nazioni, per rimanere in possesso degli Stati Uniti, fino a quando tutti i prigionieri, bianchi e neri, che furono presi dai detti Seneca, Mohawk, Onondagas e Cayuga, o da uno qualsiasi di loro, alla fine della guerra, tra il popolo degli Stati Uniti, saranno consegnati.

Articolo II.

Le nazioni Oneida e Tuscarora saranno assicurate in possesso delle terre su cui sono stabilite.

Articolo III.

Sarà tracciata una linea, che inizia alla foce di un torrente a circa quattro miglia a est di Niagara, chiamato Oyonwayea, o Johnston's Landing-Place, sul lago chiamato dagli indiani Oswego, e da noi Ontario; da lì a sud in una direzione sempre quattro miglia a est del sentiero di trasporto, tra il lago Erie e Ontario, fino alla foce del Tehoseroron o Buffaloe Creek sul lago Erie; di là da sud fino al confine nord dello stato della Pennsylvania; di là ad ovest fino alla fine di detto confine nord; di là a sud lungo il confine ovest di detto stato, fino al fiume Ohio; la suddetta linea dalla foce dell'Oyonwayea all'Ohio, sarà il confine occidentale delle terre delle Sei Nazioni, in modo che le Sei Nazioni cedano e cedano agli Stati Uniti, tutte le rivendicazioni al paese ad ovest di detto confine , e poi saranno assicurati nel pacifico possesso delle terre in cui abitano a est ea nord delle stesse, riservando agli Stati Uniti solo sei miglia quadrate intorno al forte di Oswego, per il sostegno degli stessi.

Articolo IV.

I Commissari degli Stati Uniti, in considerazione delle attuali circostanze delle Sei Nazioni, e in esecuzione delle opinioni umane e liberali degli Stati Uniti alla firma degli articoli di cui sopra, ordineranno che le merci siano consegnate a dette Sei Nazioni. per il loro uso e comfort.

Oliver Wolcott, [LS] Richard Butler, [LS] Arthur Lee, [LS] Mohawks: Onogwendahonji, il suo marchio x, [LS] Touighnatogon, il suo marchio x, [LS] Onondagas: Oheadarighton, il suo marchio x, [LS] Kendarindgon , il suo marchio x, [LS] Senekas: Tayagonendagighti, il suo marchio x, [LS] Tehonwaeaghrigagi, il suo marchio x, [LS] Oneidas: Otyadonenghti, il suo marchio x, [LS] Dagaheari, il suo marchio x, [LS] Cayuga: Oraghgoanendagen, il suo marchio x, [LS] Tuscaroras: Ononghsawenghti, il suo marchio x, [LS] Tharondawagon, il suo marchio x, [LS] Seneka Abeal: Kayenthoghke, il suo marchio x, [LS] Testimoni: Sam. Jo. Atlee, Wm. Maclay, Fras. Johnston, Commissari della Pennsylvania, Aron Hill, Alexander Campbell, Saml. Kirkland, missionario, James Dean, Saml. Montgomery, Derick Lane, capitano, John Mercer, tenente, William Pennington, tenente, Mahlon Hord, guardiamarina, Hugh Peebles.

FONTE: "Trattato con le Sei Nazioni, 1784". In Trattati indiani, 1778-1883. A cura di Charles J. Kappler. Washington, DC: 1904.