Tram

tram. I sistemi di ferrovia leggera per il trasporto di passeggeri, prevalentemente in uso urbano, che prendono il nome dalle carrozze pre-1800 del nord-est, furono introdotti in Europa dagli Stati Uniti negli anni 1850. Con la bassa resistenza al rotolamento delle rotaie, i tram offrivano una guida fluida, con una notevole economia di potenza: un tram a due cavalli e 2 tonnellate poteva trasportare 50 passeggeri, il doppio del carico di un omnibus con una squadra simile. Istituiti in cinque centri nel 1859-62 da George Francis Train, utilizzando binari sporgenti in modo inaccettabile, i tram britannici hanno effettivamente iniziato con il sistema di Liverpool nel 1868. Il Tramways Act del 1870 ha facilitato la crescita, ma la sua fornitura per l'acquisto municipale al valore attuale dopo 21 anni alla fine innovazione inibita. A causa dei problemi di peso, la trazione a vapore aveva un'applicazione limitata ai tram britannici, ma l'elettrificazione era fondamentale per avanzare ed è stata ritardata dalla legge. Applicato per la prima volta sui principi Siemens della terza rotaia alla linea tranviaria di Newry nel 1880, l'elettrificazione divenne generalizzata utilizzando conduttori aerei e fu dimostrata con successo nella linea dimostrativa fornita da Thomson-Houston a Leeds nel 1890. L'elettrificazione si diffuse rapidamente nelle tramvie municipalizzate, a partire da Bristol (1895) e Glasgow dal 1898, dove l'impresa municipale dei tram raggiunse il culmine.

I tram si occupavano dei lavoratori "più abbienti" e fornivano un servizio luminoso e affidabile, producendo una crescita stellare di paesi e città, poiché i valori immobiliari e lo sviluppo seguivano le linee del tram verso l'esterno. Si sono dimostrati altrettanto redditizi, producendo dividendi piuttosto migliori rispetto alle ferrovie intorno al 1900, attirando richieste di regolamentazione municipale del monopolio. I successivi 25 anni videro un boom del traffico: i viaggi aumentarono da 992 milioni nel 1899-1900 a 4,706 milioni al loro picco nel 1927-8 e le miglia di rotta raggiunsero il picco nel 1924 a 2,605. Si poteva viaggiare con il tram municipale da Leeds a Liverpool negli anni '1930, con una breve passeggiata tra le reti terminali. In seguito sono diminuiti costantemente, con un po 'di traffico trasferito ai filobus, pionieri di Leeds e Bradford nel 1911, ma che, al loro apice, trasportavano solo poco più di 2,000 milioni di passeggeri. I tram si sono dimostrati relativamente rigidi dagli anni '1920, sebbene alcune città, come Leeds, abbiano introdotto nuove rotte espresse all'inizio degli anni '1920. Erano affamati di capitale poiché i loro profitti venivano munti per tenere bassi i tassi: nuovi investimenti avrebbero potuto rallentare il declino, ma non potevano impedirlo, e nel 1938 il chilometraggio della rotta era sceso a metà del suo livello massimo. Il tram urbano britannico è in gran parte scomparso alla metà degli anni '1950, spesso in mezzo a commoventi cerimonie municipali. La preoccupazione per l'incipiente ingorgo urbano ha portato negli anni '1990 a revival a Manchester e Sheffield, sebbene ancora con enormi problemi di sotto-capitalizzazione, e più linee tranviarie potrebbero ancora essere dissotterrate.

JA Chartres