Traffico di droga, illegale

Traffico di droga, illegale. Il mercato nero delle droghe illegali rappresenta l'8% delle entrate commerciali mondiali, secondo le stime delle Nazioni Unite. Si possono ottenere profitti enormi per coloro che contrabbandano con successo narcotici dall'America Latina, dal Sud-est asiatico e da altre parti del globo nel più grande mercato nero di droghe illegali del mondo: gli Stati Uniti. Il contrabbando di cocaina negli Stati Uniti negli anni '1990 ha portato con successo profitti tra il 700 e il 900 percento rispetto ai costi del prodotto originale. I funzionari della Drug Enforcement Agency (DEA) stimano che un'organizzazione farmaceutica potrebbe avere dal 70 all'80% dei suoi prodotti confiscati prima della vendita e continuare a realizzare un profitto. A causa dell'economia del mercato nero, gli sforzi per arginare il flusso di droghe illegali sono stati per lo più frustrati. Le migliori stime concludono che l'interdizione del governo cattura un terzo delle droghe illegali che i trafficanti cercano di portare negli Stati Uniti; i due terzi dei narcotici che attraversano i confini degli Stati Uniti hanno fornito un mercato al dettaglio stimato di $ 60 miliardi all'anno nel 2000.

Dall'approvazione del primo importante pezzo della legislazione federale sul controllo della droga, l'Harrison Act, nel 1914, fino alla fine degli anni '1960, gli sforzi per vietare le droghe illegali furono organizzati dalle divisioni antidroga all'interno del Dipartimento del Tesoro. Nello stesso periodo la maggior parte del traffico di droga era controllato da organizzazioni mafiose con sede negli Stati Uniti. L'aumento del consumo di droga alla fine degli anni '1960 spinse il presidente Richard Nixon a dichiarare una "guerra alla droga" e gli sforzi per fermare il contrabbando furono intensificati. Nel 1973 la DEA è stata creata come parte del Dipartimento di Giustizia per coordinare l'interdizione di droga e la raccolta di informazioni sul traffico di droga tra le agenzie federali. Altre agenzie coinvolte nell'arresto del traffico di droga includono il Dipartimento di Stato, il Dipartimento della Difesa, la Guardia Costiera degli Stati Uniti, il Servizio doganale degli Stati Uniti e il Federal Bureau of Investigation. Il governo federale ha speso circa 1.5 miliardi di dollari in iniziative di interdizione della droga nel 1997.

Tra le operazioni più importanti per fermare il traffico di droga negli Stati Uniti avvenne negli anni '1970 con lo scioglimento del "French Connection", il nome dato a una rotta del contrabbando di eroina che iniziò in Turchia, passò per il porto di Marsiglia e terminò a New York. Gli anni '1980 e '1990 hanno visto ulteriori importanti operazioni che hanno portato alla distruzione delle principali organizzazioni internazionali del traffico di droga, come i cartelli di Medellin e Cali in America Latina. Nel 2000 la dogana degli Stati Uniti ha sequestrato 1.3 milioni di libbre di marijuana, 150,000 libbre di cocaina e 2,550 libbre di eroina. Importanti sequestri in un singolo caso includono la cattura di 1,071 libbre di eroina sulla nave da carico Presidente Truman nel 1991 e la cattura di 13 tonnellate di cocaina dalla nave da carico Svesda Maru nel 2001. Entrambi i sequestri di navi sono avvenuti al largo della costa della California.

Bibliografia

Bertram, Eva, et al. Politica della guerra alla droga: il prezzo della negazione. Berkeley: University of California Press, 1996.

Meier, Kenneth J. La politica del peccato: droghe, alcol e politica pubblica. Armonk, NY: ME Sharpe, 1994.

Musto, David. The American Disease: Origins of Narcotic Control.3d ed. New York: Oxford University Press, 1999.

Richard M.Flanagan