Todd madison, dorothy payne (1768-1849)

First lady

Società di amici. Dorothy Payne Todd Madison, la moglie del presidente James Madison, è nata nella contea di Guilford, North Carolina, il 20 maggio 1768. I suoi genitori, John e Mary Coles Payne, possedevano schiavi ma li liberarono subito dopo la nascita di Dorothy. I Paynes si unirono quindi alla Society of Friends e si trasferirono a Philadelphia. Allevarono la figlia nella fede quacchera e nel 1790 sposò un giovane avvocato di nome John Todd Jr. Il matrimonio fu breve; nel 1793 Todd morì improvvisamente e lasciò la moglie e il figlio appena nato, John Payne, con pochi soldi. Di conseguenza Dorothy Payne Todd è andata a vivere nella pensione di sua madre in città.

La bellezza di Philadelphia. In questo momento la vedova abbandonò la sua fede nella fede quacchera e iniziò a vestirsi in modo più elegante. Tutti coloro che l'hanno incontrata hanno commentato la bellezza e il carattere allegro della giovane donna chiamata affettuosamente “Dolley” (a volte si scrive Dolly). Tra i pensionanti di sua madre c'erano due uomini di spicco, il membro del Congresso James Madison (Virginia) e il senatore Aaron Burr (NY). Nel 1794 Madison e Dorothy Payne Todd si sposarono.

Washington Socialite. Madison divenne segretario di stato nel 1801 e presidente degli Stati Uniti nel 1809. Durante la lunga carriera politica del marito Dolley Madison divenne il centro della scena sociale a Washington, DC, il diplomatico britannico Sir Augustus John Foster riferì che Dolley Madison era "una donna molto bella donna e sebbene una mente incolta e appassionata di pettegolezzi, era così perfettamente di buon carattere e di buon umore che ha reso la casa di suo marito per quanto dipendeva da lei gradita a tutte le parti. " Nel 1803, quando Thomas Jefferson aprì la sua casa per i ricevimenti di Capodanno e il 1809 luglio, Dolley Madison servì come hostess per il presidente vedovo. Quando James Madison assunse la presidenza, la first lady fece ristrutturare la Casa Bianca per adeguarsi alla dignità dell'alto ufficio di suo marito. Nel maggio XNUMX iniziò il primo dei suoi "salotti" del mercoledì presto diventati famosi, in cui invitava i membri del Congresso e le loro mogli, le belle della città e gli emissari stranieri a visitare la coppia presidenziale ea giocare al gioco delle carte. . Dolley Madison era la perfetta first lady per il riservato presidente e fissò gli standard che dominarono la vita sociale di Washington fino alla guerra civile.

Dovere. Durante la guerra del 1812 un esercito britannico sbarcò sulla costa e fece una rapida marcia verso la capitale. Dopo la battaglia di Bladensburg, nel Maryland, il 24 agosto 1814 il presidente e il suo gabinetto fuggirono in Virginia, ma la first lady si sentì in dovere di rimanere alla Casa Bianca e caricare documenti importanti e targhe d'argento su una carrozza in attesa. Quando un messaggio scritto del marito la implorò di lasciare la città, Dolley Madison lo fece, ma non prima di negare un trofeo agli inglesi: rimosse personalmente dalla sua cornice un ritratto a figura intera di George Washington di Gilbert Stuart. Quando le truppe nemiche arrivarono al palazzo presidenziale, trovarono la tavola imbandita per quaranta ospiti, la prima famiglia che aveva organizzato una grande cena per quel giorno. Dopo aver mangiato il cibo e bevuto tutto il vino, gli ufficiali britannici hanno ordinato di bruciare la Casa Bianca.

La pensione. Il mandato di James Madison come presidente terminò nel 1817 e lui e sua moglie si ritirarono nella loro casa in Virginia, Montpelier. Dopo la morte dell'ex presidente nel 1836, Dolley Madison tornò a Washington, dove mantenne gran parte della sua vivacità e grazia fino al suo ottantunesimo anno. Morì il 12 luglio 1849. James e Dolley Madison non ebbero figli.

Fonte

Elswyth Thane, Dolley Madison: Her Life and Times (New York: Crowell-Collier, 1970).