Tipu Sultano

Tipu Sultan (1750-1799) era un sovrano musulmano di Mysore. Era il più potente di tutti i principi indigeni dell'India e la più grande minaccia per la posizione inglese nell'India meridionale.

Tipu è nato a Devanhalli, figlio di Haidar Ali. Egli stesso analfabeta, Haidar era molto particolare nel dare al figlio maggiore un'istruzione da principe e una precoce esposizione agli affari militari e politici. Dall'età di 17 anni Tipu ricevette incarichi indipendenti di importanti missioni diplomatiche e militari. Era il braccio destro di suo padre nelle guerre da cui Haidar emerse come il più potente sovrano dell'India meridionale.

Nel 1782, quando Haidar morì durante la seconda guerra anglo-Mysore, Tipu fu molto efficace nel portare la costa occidentale sotto il suo controllo. Dopo la sua adesione, ha continuato la guerra fino a quando gli inglesi sono stati costretti a fare la pace con lui.

Mysore era ormai troppo forte e, sotto l'amministrazione efficiente e dedicata di Tipu, stava crescendo troppo al potere perché i suoi stati vicini si sentissero sicuri. I Marathas nel nord-ovest, unendosi ai Nizam nel nord, furono coinvolti con Tipu nel 1785. Furono sconfitti, ma Tipu diede loro termini di pace molto clementi nella vana speranza di vincere la loro amicizia contro gli inglesi, che sapeva avrebbero ripreso le ostilità con lui appena potevano. Allo stesso tempo, ha continuato le sue amichevoli aperture agli inglesi. Isolato dai suoi vicini in India, inviò anche ambasciate in Francia e presso il Califfo a Costantinopoli per ottenere il loro sostegno, ma ne derivò ben poco.

Nel 1790 la Compagnia delle Indie Orientali, molto meglio organizzata che mai e ora direttamente sostenuta dal governo britannico, era decisa a soggiogare Tipu. Alleandosi con i Marathas e i Nizam, ha messo tutte le sue forze in una spedizione contro Mysore. Tipu ha perso metà del suo regno.

Nonostante questa riduzione del suo territorio, Tipu si riprese con tale rapidità da essere ancora considerato un rivale molto pericoloso dagli inglesi. Nel 1799 la Compagnia delle Indie Orientali, di nuovo raggiunta dai Marathas e dai Nizam, attaccò Tipu. Respinto nella sua capitale e assediato, il coraggioso sultano cadde, combattendo fino all'ultimo; Mysore cadde in mano agli inglesi.

Il potere di Tipu non dipendeva solo dal suo grande ed eccellente esercito, ma dalla grande prosperità dello stato che sviluppò attraverso politiche agrarie e mercantilistiche umane e sistematiche. Temendo Dio, sforzandosi per i suoi sudditi e perdonando con indulgenza le trasgressioni, spazzò via con fermezza ogni ostinata slealtà allo stato senza parzialità di casta o credo.

Ulteriori letture

Ancora utile è LB Bowring, Haidar Alí e Tipú Sultan (1893). Mohibbul Hasan Khan, Storia di Tipu Sultan (1951), è simpatico e ben equilibrato. Per informazioni di base PE Roberts, Storia dell'India britannica (1921; 3d ed. 1952) e Percival Spear, India: una storia moderna (1961), sono raccomandati.

Fonti aggiuntive

Ali, B. Sheikh. Tipu Sultan: uno studio sulla diplomazia e il confronto, Mysore: Geetha Book House, 1982.

Sharma, HD (Hari Dev). Il vero Tipu: una breve storia di Tipu Sultan, Varanasi: Rishi Publications, 1991.

Jalaja Caktitacan. Tippu Sultan, un fanatico ?, Madras: Nithyananda Jothi Nilayam, 1990.