Thomas edward lawrence

Il soldato e scrittore britannico Thomas Edward Lawrence (1888-1935), noto come Lawrence d'Arabia, coordinò la rivolta araba contro i turchi con le operazioni militari britanniche. È diventato una figura leggendaria ed è difficile valutare con precisione la sua vita.

Sembra stabilito che TE Lawrence sia nato il 15 agosto 1888 a Remadoc, nel Galles del nord, uno dei cinque figli di Thomas Robert Chapman, proprietario terriero della contea di Meath, in Irlanda, e Sarah Madden, per la quale Chapman aveva abbandonato la sua moglie legale . Il signore e la signora Thomas Lawrence, come furono chiamati, vagarono dall'Irlanda alla Scozia alla Bretagna e di nuovo in Inghilterra. Nel 1896 la famiglia si stabilì a Oxford, dove il giovane Thomas ei suoi fratelli furono mandati alla Oxford High School. Col tempo parteciparono anche alle riunioni della Oxford Archaeological Association, e Lawrence, molto interessato alle prime ceramiche, venne a conoscenza del DG Hogarth, archeologo e custode dell'Ashmolean Museum. Nelle estati prima di entrare al Jesus College e durante le vacanze che seguirono, Lawrence, sotto la direzione di Hogarth, attraversò in bicicletta la Francia e si aggirò per la Siria studiando i castelli medievali. Queste visite formarono la base per la sua tesi, "L'influenza delle crociate sull'architettura militare europea", che gli valse il massimo dei voti nella storia nel 1910. La tesi fu successivamente (1936) pubblicata come Castelli crociati.

Ufficiale dell'intelligence

Con il sostegno di Hogarth, Lawrence ricevette un demyship senior (un premio post-laurea) e si unì a una spedizione archeologica sul sito della città ittita di Carchemish in Asia Minore, allora sotto la direzione del grande orientalista Leonard Woolley. Lawrence fece subito amicizia tra gli arabi e iniziò a imparare la loro lingua, indossare i loro abiti e mangiare il loro cibo. Nel gennaio 1914 lui e Woolley si unirono a una spedizione dell'intelligence militare britannica nel deserto del Sinai.

Con lo scoppio della guerra e l'ingresso della Turchia (ottobre 1914) dalla parte delle potenze centrali, Lawrence e Woolley furono formalmente assegnati all'Ufficio di intelligence militare del Cairo. Lawrence organizzò, molto probabilmente senza autorità, la sua piccola rete di agenti tra i nativi. La rivolta araba contro la Turchia iniziò nel giugno 1916 e in ottobre Lawrence accompagnò Sir Ronald Storrs, un ufficiale britannico in Egitto, a Jidda, il porto marittimo della Mecca sul Mar Rosso, per coordinare questa rivolta con le operazioni britanniche. Lawrence divenne ufficiale di collegamento con Emir Faisal, figlio dello sceriffo della Mecca. Nel 1917 tutto l'Hejaz a sud di Agaba, tranne Medina, era sotto il controllo arabo-britannico. Nell'agosto 1917 Faisal e le sue forze insieme a Lawrence furono trasferite al Corpo di spedizione britannico sotto il generale Edmund Allenby. Lawrence, ora maggiore, ricevette 200,000 sterline in oro con cui vincere il sostegno arabo. A settembre si è verificata la battaglia di Megiddo in Palestina, la vittoria decisiva sui turchi, seguita dalla cattura di Damasco.

Indipendenza araba

Faisal ha insistito sul fatto che Damasco e tutta la Siria rimangano sotto la sua amministrazione preparatoria per diventare uno stato arabo indipendente in conformità con vaghe assicurazioni fornite in precedenza dagli inglesi. Ma presto incontrò l'accordo segreto Sykes-Picot del 1916, che aveva assegnato sfere di influenza: la Siria alla Francia e la Palestina alla Gran Bretagna. Lawrence propose subito al gabinetto di guerra britannico che la Francia fosse limitata al Libano, con Faisal a governare la Siria e Abdullah ibn Husein, suo fratello, a governare l'Iraq. Ma la Conferenza di pace di Parigi stabilì un mandato britannico in Iraq e un mandato francese in Siria, una decisione che Faisal rifiutò di accettare fino a quando non fu cacciato da Damasco dalle forze francesi nel 1920. Subito dopo, Winston Churchill, un grande ammiratore di Lawrence e ora coloniale segretario, ha convinto Lawrence a diventare un consigliere del dipartimento del Medio Oriente. Il risultato dei loro sforzi fu che nel 1921 Faisal fu insediato come re dell'Iraq e Abdullah come re della Transgiordania, attenuando così il senso di colpa di Lawrence per aver fallito i suoi alleati arabi.

Anni dopo

In Sette pilastri della saggezza, La sua famosa storia della sua carriera, Lawrence dice che ora era pronto a lasciare il Medio Oriente alle spalle e scomparire nell'oscurità. Apparentemente per nascondere la sua identità, ha cambiato il suo nome prima in JH Ross e poi in TE Shaw. Rifiutando fermamente le commissioni, entrò nella Royal Air Force, poi passò al Tank Corps, e poi tornò alla Royal Air Force, dove il suo compito era quello di testare le attrezzature. Nel 1926 era stato inviato in India alla frontiera sovietica, ma fu richiamato nel 1928 quando si sollevarono sospetti sovietici.

Lawrence si estraniò sempre di più dalla società, tranne che per associazione con alcuni individui come Lady Astor e George Bernard Shaws. Ha proibito la pubblicazione di Sette pilastri della saggezza durante la sua vita, sebbene apparve nel 1926, stampato privatamente, in un'edizione di 100 copie, a 30 ghinee una copia. Un riassunto, Rivolta nel deserto (1927), compensò le perdite e i profitti andarono in beneficenza. Lawrence scrisse anche un racconto cupo e duro della sua vita nell'aviazione, La menta, che ancora una volta non fu pubblicato fino a dopo la sua morte.

Lawrence non si è mai sposato. Nel febbraio 1935, all'età di 46 anni, si ritirò dai servizi e si stabilì a Clouds Hill, il suo cottage vicino a Moreton nel Dorset. C'è una storia che ha respinto la proposta di riorganizzare la difesa di casa. Anche il modo in cui è morto è controverso. Ma i fatti sembrano essere che il 13 maggio 1935 fu sbalzato dalla motocicletta mentre cercava di evitare due ragazzi in bicicletta. Incosciente da 6 giorni, è morto il 19 maggio.

Ulteriori letture

Gli scritti di Lawrence sono indispensabili per la verità e la leggenda. La sua carriera è seguita con simpatia in David Garnett, ed., Le lettere di TE Lawrence (1938). Ci sono molti studi biografici su Lawrence, alcuni dei quali si avvicinano all'agiografia. Questi sono esaminati criticamente in Richard Aldington, Lawrence d'Arabia: un'indagine biografica (1955). Il trattamento più affidabile è in Philip Knightley e Colin Simpson, Le vite segrete di Lawrence d'Arabia (1970). Vedi anche Robert Graves, Lawrence e l'avventura araba (1928) e BH Liddel-Hart, Colonnello Lawrence: L'uomo dietro la leggenda (1934).

Fonti aggiuntive

Yardley, Michael, TE Lawrence: una biografia, New York: Stein and Day, 1987, 1985.

Lawrence, TE (Thomas Edward), L'essenziale TE Lawrence, Oxford; New York: Oxford University Press, 1992.

Wilson, Jeremy, Lawrence d'Arabia: la biografia autorizzata di TE Lawrence, New York: Collier Books; Toronto: Maxwell Macmillan Canada; New York: Maxwell Macmillan International, 1992.

Mack, John E., Un principe del nostro disordine: la vita di TE Lawrence, Boston: Little, Brown, 1976. □