Tendenze familiari e sociali: fonti documentarie

Nota: la stragrande maggioranza delle persone durante il periodo 1350-1600 non sapeva leggere. La maggior parte delle persone ha ricevuto le proprie idee sulla famiglia e sui ruoli appropriati di uomini e donne, come per qualsiasi altra cosa, dall'ascoltare altre persone, partecipare a sermoni o presentazioni formali o guardare vetrate, statue o altre immagini. Se erano alfabetizzati, la maggior parte di ciò che leggevano era materiale religioso. Quindi l'opera più influente sulla vita familiare, la sessualità, lo sviluppo personale e i ruoli di genere è stata la Bibbia.

Leon Battista Alberti, Sulla famiglia (1435-1444) —Un libro di consigli di un umanista italiano. Alberti ha scritto il testo in volgare (in opposizione al latino) per renderlo più accessibile alla popolazione generale.

Giovanni Boccaccio, Decameron (1348-1353) —Conosciuto anche come Dieci giorni di lavoro. Dieci persone fittizie, in fuga dalla Firenze colpita dalla peste, raccontano storie di avventura, inganno e amore. Boccaccio dichiara che la vera felicità si trova nell'accettare il proprio destino senza amarezza e le conseguenze delle proprie azioni.

Baldassare Castiglione, II cortegiano (The Courtier, 1513-1518) - Un classico della letteratura italiana, II cortegiano esamina sotto forma di dialogo le qualità del cortigiano ideale o assistente di corte reale. Tra queste qualità ci sono un comportamento aggraziato, sprezzatura (l'impressione di disinvoltura), umorismo, linguaggio corretto, modestia discreta e amore onorevole. Il libro di Castiglione ha attraversato molte edizioni (almeno una all'anno per il secolo successivo alla sua pubblicazione iniziale) ed è stato tradotto in spagnolo (1534), francese (1537), latino (1561), inglese (1561), tedesco (1565) e Polacco (1566).

John Knox, Primo squillo di tromba contro il mostruoso reggimento di donne (1558) —Una veemente espressione della convinzione comune che l'esercizio del potere da parte delle donne sia innaturale e irreligioso. L'opuscolo era rivolto specificamente all'Inghilterra, alla Scozia e alla Francia, dove le donne detenevano le redini del governo.

Luis de Leon, Il perfetto sposato (The Perfect Married Woman, 1583) —Scritto da un monaco spagnolo, questo testo offre uno scorcio pittoresco delle usanze femminili del tempo.

Martin Lutero, Sul matrimonio (1566) —La dichiarazione principale di Lutero sulle responsabilità religiose e sociali del matrimonio e della famiglia.

Christine de Pizan, Il libro della città delle signore (The Book of the City of Ladies, 1405) —Un volume sulle donne contemporanee note per il loro comportamento eroico e virtuoso.

Pizan, Il libro delle tre virtù (The Book of Three Virtues, 1406) —Un seguito a Il libro della città delle signore che classifica i ruoli delle donne nella società medievale e fornisce istruzione morale alle donne in vari contesti sociali.

Juan Luis Vives, Istruzione di una donna cristiana (1540) - Una guida alla corretta educazione religiosa e morale delle donne da parte dell'umanista spagnolo che fu tutore della principessa Mary Tudor d'Inghilterra.