Teissèdre de fleury, francois louis

TEISSÈDRE DE FLEURY, FRANÇOIS LOUIS. (1749-prima del 1814). (Viscomte de.) Volontario francese. Nato a Saint-Hippolyte, Aveyron, era volontario nel reggimento di fanteria di Roergue a partire dal 15 maggio 1768, era diventato un sottotenente entro agosto ed è stato promosso a sotto importanti aiuti il 5 febbraio 1772. Fu nominato Primo Tenente nel 1777 e partì per l'America con Tronson du Coudray. Quando il Congresso si rifiutò di assumere Coudray e i suoi ufficiali, Fleury si unì all'esercito come volontario. Nella vicenda di Piscataway, nel New Jersey, il 10 maggio 1777, si distinse e il 22 maggio il Congresso gli commissionò il capitano degli ingegneri.

Il 3 ottobre 1777, Washington nominò maggiore di brigata Fleury a Pulaski con il commento che doveva "essere rispettato come tale". Servendo a Fort Mifflin come ingegnere, entrò in conflitto con il comandante del forte, il tenente colonnello Samuel Smith, che Washington alla fine ordinò di "fare il miglior accordo". A causa di ciò che il Congresso ha definito la sua "galanteria disinteressata", il 26 novembre hanno brevettato Fleury tenente colonnello. Durante il gennaio e il febbraio 1778, il Congresso aveva sperato che avrebbe appiccato il fuoco alla spedizione britannica sul fiume Delaware, ma non fu in grado di portare a termine il suo progetto. Questo piano fu interrotto dal suo desiderio di unirsi a Lafayette per la spedizione in Canada; Fleury aveva cercato di comandare un corpo di canadesi francesi lì, ma la campagna canadese di Lafayette fu annullata più tardi a febbraio. Nell'aprile 1778, in assenza di un incarico militare, Washington inviò Fleury temporaneamente come subispettore sotto Steuben per manovrare e disciplinare le truppe del generale di brigata Smallwood. A giugno è stato assegnato alla divisione del generale Lee, ma il mese successivo è stato inviato come rappresentante di Washington con Hamilton a Estaing a Newport. Poiché il congedo di Fleury dall'esercito francese stava per scadere, il 29 novembre chiese al Congresso di intercedere direttamente presso il ministro francese Gérard, ma Washington si oppose all'intervento del Congresso con le potenze straniere. Washington ordinò nuovamente a Fleury di assistere nell'addestramento del battaglione alla fine di aprile 1779.

La performance di Fleury nell'attacco a Stony Point il 16 luglio 1779 eclissò gli altri suoi successi. Fu il primo ad entrare e ne prese la bandiera. Quando ha chiesto la bandiera al Congresso, ha rifiutato e lo ha votato come una delle otto medaglie del Congresso conferite durante i nove anni di guerra. Hamilton ha persino suggerito di diventare segretario di La Luzerne. Il 27 settembre il Congresso gli concesse il permesso di tornare in Francia e lo lodò ulteriormente il 1 ° ottobre 1779, cosa che lo indusse a ritardare i suoi piani ea considerare di entrare a far parte di Estaing nella Carolina del Sud. Poco dopo è partito per la Francia. In risposta a una raccomandazione di Vergennes, il 19 marzo 1780 fu promosso maggiore nel reggimento di Saintonge e nel 1781 fu nominato cavaliere nell'Ordine di Saint Louis. Correndo per unirsi al suo reggimento, chiese a Franklin di inviare la medaglia a suo padre e tornò in America sotto Rochambeau. Il 22 maggio 1780 il Congresso estese il suo congedo per consentirgli di servire con le forze francesi, ma nel gennaio 1781 sospese la sua paga e benefici durante la sua assenza dall'esercito americano. Tornò come maggiore nel reggimento Saintonge dell'esercito di Rochambeau e si distinse durante l'assedio di Yorktown. Nell'ottobre 1782 Rochambeau mise Fleury al comando di una forza francese di stanza a Portsmouth, nel New Hampshire, per respingere un possibile attacco britannico. Dopo il suo ritorno in Francia nel giugno 1783, Franklin gli regalò un duplicato della medaglia d'oro il 15 agosto 1783.

Il 16 gennaio 1784 Fleury fu nominato colonnello del reggimento di Pondichéry e divenne comandante dell'Ile-de-France e dell'Ile-de-Bourbon nel 1785. Nell'aprile 1790 tornò in Francia e il 30 giugno 1791 fu promosso a maresciallo di campo. Il 30 aprile 1792 fu ferito nella ritirata da Mons quando cercò di radunare la retroguardia. La sua cattiva salute costrinse le sue dimissioni il 24 giugno 1792, e si ritirò a Rebais. Nel 1799 viveva a Grenoble e sembra che sia morto a Parigi qualche tempo prima del 1814.