Tecnologia a ricerca di calore

Tecnologia di ricerca del calore è più comunemente associato alla rilevazione della radiazione infrarossa. Tutti gli oggetti con una temperatura maggiore dello zero assoluto emettono energia infrarossa, la cui caratteristica più comune è il calore. La rilevazione di questo calore può essere utilizzata per molti scopi.

Gli adattamenti militari della tecnologia a infrarossi iniziarono durante la seconda guerra mondiale. Un dispositivo chiamato Sniperscope è stato sviluppato dagli alleati, consentendo ai soldati di vedere e sparare di notte distinguendo i differenziali di calore del terreno. Oltre allo Sniperscope e ad altri dispositivi per la visione notturna, si è iniziato a realizzare il potenziale di questa tecnologia a scopo di guida. Un rilevatore a infrarossi potrebbe essere aggiunto a un missile, consentendo al missile di cercare e seguire il calore emesso dal bersaglio. Da allora l'esercito americano ha sviluppato un certo numero di missili di questo tipo, a cominciare dal Sidewinder, un missile antiaereo testato con successo nel 1953 e dispiegato nel 1956. Questo nuovo missile è stato rapidamente adattato per essere utilizzato dagli altri rami di servizio, in particolare dall'aeronautica. Da quel momento, i missili equipaggiati con cercatori a infrarossi, tra cui Sidewinder e Maverick, sono stati responsabili della distruzione di bersagli aerei, marittimi e terrestri. I missili a ricerca di calore sono stati utilizzati in tutti i principali conflitti militari statunitensi dalla guerra del Vietnam.

i satelliti dotati di sensori a infrarossi utilizzano la tecnologia di ricerca del calore per la ricognizione. I sensori a infrarossi possono aiutare negli scopi standard di raccolta di informazioni o per fornire un preallarme del lancio di un missile attaccante. Questa tecnologia in tempo reale è stata utilizzata durante la Guerra del Golfo Persico (1991), quando i satelliti dotati di sensori a infrarossi lungimiranti hanno rilevato il lancio di missili Scud iracheni.

I cercatori di infrarossi offrono una serie di vantaggi rispetto ad altri sistemi di guida (come il radar). Primo, i sensori a infrarossi costano meno per unità; secondo, i sensori di ricerca del calore funzionano bene di giorno o di notte, con il bel tempo e con il cattivo tempo. Inoltre, sono efficaci nonostante le contromisure elettroniche. Infine, i cercatori di infrarossi migliorano la sicurezza dei piloti i cui aerei portano i missili attraverso l'uso di capacità "spara e dimentica". Dopo aver rilasciato il missile, il pilota può lasciare l'area mentre il missile si guida verso il bersaglio.

Questi sensori non forniscono un sistema perfetto. Uno svantaggio è che gli oggetti che emettono poco calore sono difficili da rilevare: il missile da crociera Tomahawk, ad esempio, è quindi difficile da rilevare con un sensore a infrarossi. Il secondo problema è che i sensori di calore sono sensibili agli urti e possono essere lanciati fuori rotta durante il volo da un'esplosione o disturbo nelle vicinanze. Tuttavia, la tecnologia di ricerca del calore continua a svolgere un ruolo importante nei sistemi di osservazione e guida delle forze armate statunitensi.
[Vedi anche Missili.]

Bibliografia

John Lester Miller, Principles of Infrared Technology, 1994.

Michelle L. Nelson