Stone, thomas

Stone, thomas. (1743–1787). Firmatario. Maryland. Nato nella contea di Charles, nel Maryland, nel 1743, Stone studiò legge con Thomas Johnson ad Annapolis, fu ammesso all'albo nel 1764 e quattro anni dopo sposò la ricca Margaret Brown. Nel 1771 acquistò un terreno vicino a Port Tobacco, nella contea di Charles, e stabilì uno studio legale di successo. Nel 1774, Stone è stato uno degli avvocati dello sceriffo che ha perseguito Thomas Johnson, Samuel Chase e William Paca per aver contestato la legalità delle tasse elettorali per sostenere il clero. Sebbene fosse un conservatore, Stone si schierò dalla parte dei Patriots quando arrivò la rottura con l'Inghilterra. Ha servito nel Congresso continentale dal 13 maggio 1775 fino all'ottobre 1778, ad eccezione di una parte del 1777, quando ha rifiutato la rielezione. Altri firmatari della Dichiarazione di indipendenza dal Maryland furono Chase e Paca, e anche Johnson prestò servizio al Congresso con Stone.

Stone prestò servizio anche nella Convenzione del Maryland del 1775–1776 e nel senato dello stato dal 1776 al 1791, diventando noto soprattutto per il suo silenzio. Sembra che avesse mantenuto le sue opinioni moderate sulla guerra con l'Inghilterra, e uno dei suoi pochi discorsi registrati sosteneva di venire a patti con Lord Richard Howe nel settembre 1776. Riprese il suo seggio al Congresso il 26 marzo 1784. Verso la fine di questa sessione egli è stato nominato presidente pro tempore, ma ha rifiutato la rielezione al Congresso e ha ripreso la pratica legale. Fu nominato alla Convenzione costituzionale federale a Filadelfia, ma rifiutò di prestare servizio a causa della malattia della moglie. Morì nel giugno 1787 Stone abbandonò il suo lavoro e morì di "malinconia" il 5 ottobre 1787.