St. Louis

St. Louis, conosciuta come la città Gateway, si trova vicino alla confluenza dei fiumi Mississippi e Missouri. La sua posizione lo rese il centro naturale dell'attività economica e politica per la regione, nonché il punto di partenza logico per l'espansione occidentale degli Stati Uniti oltre il Mississippi. St. Louis è stato il centro economico e politico dell'Alta Louisiana spagnola, il punto di partenza per il Corpo delle Scoperte di Lewis e Clark e il centro economico e sociale di quello che sarebbe diventato lo stato del Missouri.

Insediato nel 1764 da Pierre Laclède, St. Louis è stato chiamato per il re Luigi XV di Francia e il suo santo patrono, Luigi IX. Laclède non sapeva che la Francia aveva trasferito le sue pretese alla parte della Louisiana a ovest del fiume Mississippi alla Spagna nel 1762. Tuttavia, la regione rimase sotto il controllo francese fino all'arrivo del governatore spagnolo nel 1766, dopo la guerra franco-indiana (1754-1763). ). St. Louis servì quindi come sede del governo per la Louisiana settentrionale spagnola fino al trasferimento negli Stati Uniti nel 1804.

La città era anche il centro economico logico per il commercio di pellicce e pellicce su entrambi i fiumi, ma soprattutto lungo il Missouri e il suo drenaggio. In effetti, i residenti della città erano così presi dal commercio con gli indiani che si interessavano poco all'agricoltura. Ci furono alcuni sforzi nell'agricoltura e nei raccolti da reddito nella regione, ma St. Louis era principalmente una città commerciale.

Nel maggio 1780 la città fu teatro di una delle battaglie della rivoluzione americana. Una piccola forza britannica, insieme ad alcuni canadesi e alleati nativi americani, assalì Fort San Carlos. Gli inglesi furono respinti, ma la zona fu di guardia per qualche tempo. La conclusione della rivoluzione americana ha portato alla Spagna un nuovo vicino indesiderato, gli americani. Gli spagnoli cercarono di limitare la minaccia degli americani al loro possesso nordamericano. Nel 1789 la soluzione era quella di consentire la migrazione dei non spagnoli nella regione a condizione che diventassero cittadini spagnoli. Questa offerta ha giocato un ruolo nello spostamento della composizione etnica della regione dal francese all'americano, così che al momento dell'acquisto della Louisiana c'era già una significativa popolazione americana nella regione. La crescita della popolazione della città, non rapida per gli standard moderni, fu tuttavia costante durante l'era spagnola, raggiungendo circa un migliaio entro il 1800.

Nel 1800 la Louisiana coloniale fu "restituita" ai francesi dal Secondo Trattato di Sant'Ildefonso; ma la Francia non prese mai il controllo effettivo di St. Louis o dell'Alta Louisiana. Nel 1803 la Francia vendette la Louisiana agli Stati Uniti. Come citato da William Foley in La genesi del Missouri, Il capitano dell'esercito americano Amos Stoddard ha descritto St. Louis come contenente "più di 200 case, per lo più molto grandi e costruite in pietra; è elevato e in salute, e le persone sono ricche e ospitali. Vivono in uno stile uguale a quelli di le grandi città portuali, e tra loro non trovo nessuna mancanza di istruzione "(p. 85).

Nel 1804 St. Louis servì come punto di partenza per il Corpo di Scoperta di Lewis e Clark. Nel 1803–1804 il campo invernale del corpo d'armata era fuori città, nell'Illinois, ma entrambi i capi trascorsero molto tempo a St. Louis per prepararsi al viaggio. Nel 1806 servì come punto di arrivo della spedizione. Tra il 1807 e il 1820 sia Meriwether Lewis (1807-1809) che William Clark (1813–20) avrebbero servito la regione come governatore territoriale.

St. Louis rimase al centro del nuovo distretto della Louisiana, che fu posto sotto il Territorio dell'Indiana nel 1804. Quando la Louisiana divenne uno stato nel 1812, la regione in cui si trova St. Louis fu ribattezzata territorio del Missouri. La crescita di St. Louis è accelerata sotto il nuovo governo degli Stati Uniti poiché la posizione della città ha continuato a farne un centro commerciale per i fiumi Missouri, Mississippi e Ohio. Nel 1810 la città aveva una popolazione stimata di 1,400, su una popolazione regionale approssimativa di 20,000, e nel 1830 la popolazione della città era cresciuta fino a circa 5,000. La popolazione della contea, inclusi gli schiavi, passò da 5,677 nel 1810 a 10,049 nel 1820 a oltre 14,125 nel 1830. Gli schiavi costituivano il 18% della popolazione di St. Louis nel 1820 ed erano cresciuti fino a circa il 20% entro il 1830. Nel 1820 St. La contea di Louis era la seconda, dietro la contea di Howard sia per popolazione totale che per schiavi; nel 1830 era il primo. La popolazione nera libera della contea di St. Louis rappresentava circa il 2% nel 1820, ma era scesa all'1.5% nel 1830.

La contea di St. Louis rimarrebbe un importante centro commerciale, culturale e politico per tutto il periodo territoriale e del primo stato. La "Dichiarazione sulla produzione" del governo degli Stati Uniti del 1810 mostrava la contea come il cuore della limitata capacità produttiva del territorio della Louisiana (con le notevoli eccezioni di fabbri, calzolai e distillerie). Con l'apertura dell'Occidente, il commercio accelerò a St. Louis e la città divenne un importante centro per l'approvvigionamento e la preparazione di coloro che si dirigevano verso la frontiera. L'arrivo del battello a vapore ha contribuito a questa attività. Secondo il censimento del 1820, oltre il 45% delle persone riferite di essere coinvolte nel commercio nello stato del Missouri, così come oltre il 30% di quelle manifatturiere, viveva nella contea di St. Louis. L'anno 1818 vide l'arrivo di Louis William Valentine DuBourg, vescovo della Louisiana e della Florida, che fece di St. Louis una città cattolica, così come la fondazione di quella che divenne la St. Louis University, la più antica università a ovest del Mississippi. Quando la diocesi di St. Louis fu creata nel 1826 Joseph Rosati divenne il suo primo vescovo.

William Clark perse la sua offerta nel 1820 di diventare il primo governatore dello Stato del Missouri ad Alexander McNair quando il Missouri entrò nell'Unione come stato schiavista nel 1821. La capitale si trasferì prima a St. Charles e infine a Jefferson City, ma St. Louis continuò come un importante centro di commercio e produzione nello stato. Tra le altre figure significative con collegamenti con St. Louis c'erano Thomas Hart Benton e Auguste e Pierre Chouteau. Nel 1823 la città di St. Louis cambiò la sua forma di governo, passando da un consiglio di amministrazione a un sindaco eletto.