St clair drake

John Gibbs St. Clair Drake era un antropologo sociale addestrato all'Università di Chicago. Era nato il 2 gennaio 1911 a Suffolk, in Virginia, da una madre insegnante afroamericana e da un padre nato nelle Barbados, predicatore battista e organizzatore internazionale per la Universal Negro Improvement Association di Marcus Garvey.

Dopo aver trascorso gran parte della sua giovinezza a Pittsburgh, in Pennsylvania, e Staunton, in Virginia, Drake ha frequentato l'Hampton Institute (ora Hampton University), laureandosi in biologia nel 1931. Dopo la laurea ha trascorso un anno in un programma sperimentale non laureato a Pendle Hill Quaker Graduate Center di Wallingford, Pennyslvania. I tre anni successivi insegnò biologia e inglese al Christiansburg Normal and Industrial Institute, un collegio quacchero per neri nella Virginia occidentale. Nel 1935 il suo ex mentore all'Hampton, Allison Davis, lo invitò a unirsi al suo team interrazziale di antropologi che studiavano la casta razziale e la classe sociale a Natchez, Mississippi. Quel progetto ha portato Deep South: uno studio antropologico sociale di casta e classe (Davis, Gardner e Gardner 1941).

Nel 1937 Drake iniziò gli studi universitari presso l'Università di Chicago, dove lavorò con Lloyd Warner, Robert Redfield e Fred Eggan. La partecipazione di Drake a un progetto di amministrazione dei progetti di lavoro a Chicago ha portato alla sua collaborazione con Horace Cayton, uno studente laureato in sociologia. Insieme hanno scritto il classico Black Metropolis: A Study of Negro Life in a Northern City (1945). Il progetto di ricerca di Chicago è stato anche la base per "Churches and Voluntary Associations Among Negroes in Chicago" (1940), un memorandum preparato per Gunnar Myrdal, commissionato dalla Carnegie Foundation per la produzione Un dilemma americano: il problema dei negri e la democrazia moderna (1944).

Nel 1947 condusse la sua ricerca di tesi a Cardiff, nel Galles, dove studiò una comunità composta da marinai africani e dalle loro famiglie gallesi. Drake ha esaminato le forme di azione sociale che sono sorte in risposta alla dominazione razziale e coloniale britannica (Drake 1954). Mentre era in Gran Bretagna, fece amicizia con Kwame Nkrumah (1909-1972) e altri leader del movimento indipendentista africano.

Nel 1946 Drake iniziò un mandato di ventitré anni alla Roosevelt University. Tra il 1954 e il 1965 ha perseguito interessi di ricerca applicata durante le estati e due permessi. Nel 1954 e nel 1955 collaborò con sua moglie, la sociologa Elizabeth Johns Drake (1915–1996), in uno studio sui mass media in Ghana finanziato dalla Ford Foundation. Dal 1958 al 1961 ha servito come capo del Dipartimento di Sociologia presso l'Università del Ghana. Ha anche diretto la ricerca sulle tensioni tra l'élite postcoloniale e le autorità tradizionali, e su Tema, una moderna città portuale costruita per stimolare lo sviluppo economico del Ghana. La nuova città era popolata da abitanti dei villaggi reinsediati da terre tradizionali e l'analisi di Drake di quel processo contestato era sia critica che comprensione della politica del governo. Durante i suoi anni in Africa, ha consigliato Nkrumah e ha aiutato a formare i volontari dei Peace Corps, sensibilizzandoli sui fattori culturali e politici che potrebbero influenzare il loro lavoro.

Dopo il colpo di stato militare del Ghana del 1966, l'attenzione degli studiosi di Drake si è spostata sui problemi della diaspora africana: disordini urbani e relazioni razziali negli Stati Uniti; conservazione culturale, reinterpretazione e sincretismo nei Caraibi; modelli di adattamento e resistenza nella diaspora africana; e la storia intellettuale dei neri nell'antropologia e negli studi sui neri. Nel 1969 si è trasferito alla Stanford University per dirigere il suo programma di studi africani e afroamericani. Dopo il ritiro nel 1976, ha prodotto il due volumi Black Folk Here and There: An Essay in History and Anthropology (1987, 1990), nella tradizione di WEB Du Bois Black Folk allora e adesso (1939). In questo suo ultimo grande lavoro, Drake ha esaminato la storia culturale e intellettuale del pregiudizio antiblack nella diaspora precoloniale del Vecchio Mondo e nella diaspora coloniale che si è formata all'interno delle società di piantagione del Nuovo Mondo. Ha presentato un'analisi simbolica e testuale insieme a una storia intellettuale e sociologia della conoscenza sullo stato degli africani sub-sahariani nell'antico Egitto e nella più ampia valle del fiume Nilo, nel Medio Oriente islamico e giudaico, nell'Europa mediterranea e nella cristianità dell'Europa settentrionale. Ha spiegato i principali cambiamenti durante il XVI secolo che hanno portato alla nascita della schiavitù razziale. In questo libro, insieme a una serie di saggi fondamentali, ha presentato un paradigma per lo studio della diaspora africana.

Influenzato dal vendicazionismo nero, dal panafricanismo, dai quaccheri e dai socialisti e comunisti dell'era della depressione, Drake era un intellettuale attivista. Ha organizzato mezzadri e fittavoli nel Mississippi e lavoratori disoccupati a Chicago. Ha condotto una campagna contro la politica di rinnovamento urbano dell'Università di Chicago negli anni '1950 e ha consigliato i membri dello Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC) negli anni '1960. È stato anche uno dei fondatori dell'American Society for African Culture e dell'American Negro Leadership Conference on Africa. Morì il 14 giugno 1990.