Spese, federali

Spese, federali. La Costituzione degli Stati Uniti prevede, nell'Articolo I, Sezione 9, che "non sarà prelevato denaro dal Tesoro, ma in conseguenza degli stanziamenti effettuati dalla legge; e un regolare rendiconto e conto delle entrate e delle spese di tutto il denaro pubblico sarà pubblicato di volta in volta. " Non ci sono limitazioni costituzionali sull'ammontare delle spese federali. Sono stati compiuti diversi sforzi per approvare un emendamento al pareggio di bilancio, ma tutti hanno fallito. Sebbene il Congresso sia limitato dalla Costituzione a tassare "per pagare i debiti e provvedere alla difesa comune e al benessere generale degli Stati Uniti", in pratica è stato dimostrato che il denaro derivato dal governo federale dalla tassazione o dal prestito può essere speso per qualsiasi scopo per il quale è stato reso disponibile da un atto del Congresso.

Quando il governo federale iniziò la sua attività in base alla Costituzione, le sue funzioni erano relativamente poche e le sue spese ridotte. Con l'aggiunta di nuove funzioni e l'ampliamento di vecchie funzioni, le spese federali aumentarono notevolmente. Così, nel 1791 - quando i soldi venivano spesi solo per l'esercito, gli interessi sul debito pubblico, le pensioni, le relazioni estere e gli stipendi del personale governativo - le spese ammontavano a soli $ 3, 097, 000. Ma nell'anno fiscale 2000 - con importi notevolmente maggiori spesi per gli scopi di cui sopra

tavolo

Spese federali
Media annuale
Periodo (in milioni)
FONTE: World Almanac (2001).
1789-1800 $ 5.7
1811-1820 23.9
1831-1840 24.4
1851-1860 60.1
1876-1880 255
1896-1900 457
1916-1920 8, 065
1926-1930 3, 182
1936-1940 10, 192
1941-1945 66, 037
1946-1950 42, 334
Per anno
1955 $ 64, 569
1960 76, 539
1965 96, 506
1970 194, 968
1975 332, 332
1976 371, 779
1977 409, 203
1978 458, 729
1979 503, 464
1980 590, 920
1981 678, 209
1982 745, 706
1983 808, 327
1984 851, 781
1985 946, 316
1986 990, 231
1987 1, 003, 804
1988 1, 063, 318
1989 1, 144, 020
1990 1, 251, 776
1991 1, 323, 757
1992 1, 380, 794
1993 1, 408, 532
1994 1, 460, 553
1995 1, 515, 412
1996 1, 560, 094
1997 1, 600, 911
1998 1, 652, 224
1999 1, 704, 942
2000 1, 788, 045
2001 1, 863, 039

e grandi somme spese anche per articoli come sussidi agricoli, previdenza sociale, aiuti alla disoccupazione, ricerca spaziale ed esplorazione, benefici per i veterani e istruzione: la spesa netta ammontava a $ 1, 788, 045, 000, 000. Considerando che la spesa pro capite nel 1791 era solo di 76 centesimi, nel 2001 era superiore a $ 6.

Le guerre sono state il fattore principale nell'aumento delle spese federali. La guerra civile è costata al governo federale quasi 13 miliardi di dollari; Prima guerra mondiale, 112 miliardi di dollari; e la seconda guerra mondiale, 664 miliardi di dollari. Dopo ogni guerra in cui gli Stati Uniti hanno partecipato, le spese federali sono diminuite notevolmente ma non sono riuscite a scendere nemmeno vicino al livello prebellico. Ad esempio, le spese federali nel 1916, appena prima che gli Stati Uniti entrassero nella prima guerra mondiale, ammontarono a $ 724, 413. Dopo un picco di produzione in tempo di guerra di $ 000, 18, 939 nell'anno fiscale 532, le spese annuali non scesero mai più al di sotto $ 000, 1919, 3, 000, più di quattro volte la cifra prebellica. Durante la guerra del Vietnam (000-000) le spese federali aumentarono enormemente, quasi triplicando da circa $ 1962 miliardi nel 1973 a $ 87.8 miliardi nel 1962. Le spese federali aumentarono a $ 246.5 miliardi l'anno successivo e non scesero mai più sotto i $ 1973 miliardi.

La più grande percentuale del bilancio federale dalla seconda guerra mondiale è stata assegnata alla difesa nazionale. Tuttavia, anche se la produzione in dollari per la difesa nazionale è aumentata vertiginosamente (da $ 50 miliardi nel 1965 a $ 281.2 miliardi nel 2000), la percentuale della spesa nazionale totale destinata alla difesa ha cominciato a diminuire molto prima della fine della Guerra Fredda nel 1989-1990. Da un'altezza del 41.9% nel 1965, la spesa per la difesa è scesa al 29.4% del bilancio nazionale nel 1974 al 15.1% nel 2000). Se la spesa per la difesa è stata gradualmente ridotta, il costo dell'indebitamento della nazione è aumentato drasticamente. Nel 1980, il debito nazionale era di 909 miliardi di dollari. Dai primi anni '1980 alla metà degli anni '1990, gli Stati Uniti hanno registrato disavanzi annuali superiori a $ 100 miliardi. Per tre anni consecutivi, dal 1998 al 2000, un'economia robusta e il controllo della spesa hanno mandato brevemente in nero il bilancio e il debito pubblico è stato leggermente ridotto. Ma gli effetti combinati di una recessione nel 2001 e gli attacchi terroristici di quell'anno hanno riportato il governo a una politica di spesa in deficit. Nel 2001, il debito nazionale era salito a $ 5.8 trilioni. Il semplice pagamento degli interessi su quel debito è costato al governo federale 362.1 miliardi di dollari, effettuando il pagamento degli interessi la più grande spesa singola del governo del debito nazionale (19.4 per cento delle sue spese totali).

Bibliografia

Ippolito, Dennis S. Eredità incerte: la politica del bilancio federale da Roosevelt a Reagan. Charlottesville: University Press of Virginia, 1990.

Kahn, Jonathan. Budgeting Democracy: State Building and Citizenship in America, 1890-1928. Ithaca, NY: Cornell University Press, 1997.

Ott, David J. e Attiat F. Ott, Politica di bilancio federale. Washington, DC: Brookings Institution, 1977.

Selvaggio, James D. Bilanci equilibrati e politica americana. Ithaca, NY: Cornell University Press, 1988.

Harold W.caccia/ag; ar