Smith v. Oregon occupazione

SMITH V. OREGON OCCUPAZIONE (Divisione per l'occupazione, Dipartimento delle risorse umane dell'Oregon et al. contro Smith et al., 494 US 872,1990). Alfred Smith e Galen Black furono licenziati perché avevano ingerito l'allucinogeno illegale peyote per scopi sacramentali durante una cerimonia religiosa dei nativi americani. Quando gli uomini hanno chiesto l'indennità di disoccupazione, la Divisione per l'occupazione ha negato i sussidi perché erano stati licenziati per "cattiva condotta". La Corte Suprema dell'Oregon ha ritenuto che la negazione violasse i diritti degli uomini ai sensi del Primo Emendamento, che protegge il "libero esercizio" della religione.

In un parere scritto dal giudice Antonin Scalia, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato, ritenendo che la clausola del libero esercizio consente agli stati di vietare l'uso sacramentale del peyote e di negare l'indennità di disoccupazione alle persone dimesse per tale uso. La Corte ha argomentato che la clausola non esonera un individuo dal rispetto di una legge neutrale non particolarmente finalizzata alla condotta religiosa. La Corte ha citato il caso del 1879 di Reynolds v. Stati Uniti, che ha sostenuto la criminalizzazione della poligamia, anche se applicata agli individui la cui religione lo richiedeva.

Quattro giudici (Harry Blackmun, WJ Brennan, Jr., Thurgood Marshall e Sandra Day O'Connor) non erano d'accordo, sostenendo che l'opinione ignorava il precedente che richiedeva al governo, a meno che non potesse mostrare un interesse convincente altrimenti, per accogliere attività religiosamente motivate. fabbro segnò così uno spostamento nella giurisprudenza del libero esercizio dal richiedere una sistemazione governativa dell'attività religiosa verso un'enfasi sulla neutralità formale del governo. Come ha ammesso la Corte, questo cambiamento ha posto le religioni minoritarie "in relativo svantaggio", perché l'accordo deve essere ottenuto nel processo politico piuttosto che attraverso i tribunali.

fabbro è stato al centro di molte critiche. L'avversario più schietto della decisione in Corte è il giudice David Souter, entrato a far parte della Corte l'anno successivo Fabbro. Souter ha scritto un concorso separato nel caso del 1993 di Chiesa del Lukumi Babalu Aye v. Città di Hialeah per sostenerlo fabbro dovrebbe essere capovolto.

Bibliografia

McConnell, Michael W. "Revisionismo di esercizio libero e fabbro Decisione." University of Chicago Law Review 57 (1990): 1109–1153. McConnell è un importante critico di Fabbro.

Rotunda, Ronald D. e John E. Nowak. Trattato di diritto costituzionale: sostanza e procedura. 3d ed. Volume 5. St. Paul, Minn .: West, 1999. Buona panoramica della giurisprudenza sulla libertà di religione.

KentGreenfield