Skene, philip

Skene, philip. (1725-1810). Lealista. Nato a Londra il 9 gennaio 1725, Skene entrò nel primo reggimento reale nel 1741 e fu nelle battaglie di Cartagena, Porto Bello, Dettingen, Fontenoy e Culloden, dove fu ferito. Nel 1750 fu promosso a tenente e nel 1756 a capitano. Servì sotto William Lord Howe nel fallito attacco a Ticonderoga nel 1758, rimanendo nuovamente ferito. L'anno successivo agì con grande eroismo durante la cattura di Ticonderoga da parte del generale Jeffrey Amherst e prevenne l'esplosione della polveriera del forte. Per questa azione fu promosso a maggiore e prese parte alle successive operazioni contro Martinica e L'Avana. Nel 1762 fu nominato rettore maresciallo dell'Avana.

Con il sostegno di Amherst, Skene nel 1759 ricevette la prima di numerose concessioni di terreni che alla fine sarebbero arrivate a cinquantamila acri sul lago Champlain. Nel 1763 portò a Wood Creek 270 veterani della campagna cubana, stabilendoli come suoi inquilini. Ha fondato Skenesboro (in seguito Whitehall), New York, nel 1765 ed è stato nominato colonnello della milizia nel 1768, vendendo la commissione del suo ufficiale britannico l'anno successivo. Parte del suo dominio risiedeva negli Hampshire Grants (più tardi nel Vermont) e nella controversia tra New York ei coloni della regione, Skene si schierò con New York. In questa materia condivise la causa con Philip Schuyler, che aveva conosciuto durante le campagne del 1758. Nel 1774 aveva un fiorente impero di piccole terre selvagge con segherie, fonderie e cantieri navali, e pianificò di porre fine alla disputa sulla terra nelle Montagne Verdi creando una nuova colonia con sede a Skenesboro. Skene andò in Inghilterra quell'anno, ottenendo la nomina a luogotenente governatore di Ticonderoga e Crown Point come primo passo verso la creazione di una nuova provincia.

Ma gli eventi hanno interferito con i suoi piani. Dopo che Ethan Allen catturò Ticonderoga il 10 maggio 1775, inviò una forza per impadronirsi di Skenesboro, facendo prigionieri il figlio e le figlie di Skene. Quando Skene sbarcò a Filadelfia nel giugno 1775, fu immediatamente arrestato e mandato in internamento nel Connecticut. Fu scambiato nell'ottobre 1776 e tornò in Inghilterra, poi tornò per unirsi all'offensiva di Burgoyne sul lago Champlain. Sebbene si aspettasse di assumere le sue funzioni di governatore della regione, divenne il principale consigliere lealista di Burgoyne e in questa veste - molto risentito dagli altri lealisti - prese parte alle successive operazioni militari. Skene diede a Burgoyne due consigli disastrosi: che la maggior parte dei newyorkesi erano fedeli alla corona e si sarebbero sollevati per unirsi a Burgoyne mentre avanzava, e che le forze britanniche avrebbero dovuto marciare via terra verso l'Hudson via Skenesboro piuttosto che prendere la via più rapida e facile sul lago George. Molti contemporanei si convinsero che Skene avesse fatto quest'ultima raccomandazione affinché le forze di Burgoyne costruissero una strada da Ticonderoga a Skenesboro. Il percorso militare successivo attraverso i boschi e le paludi divenne noto come Skene's Road. Ha accompagnato il raid di Bennington nell'agosto 1777 e ha mostrato coraggio personale nella parte di quell'operazione nota come la sconfitta di Breymann, fuggendo nella confusione e trovando la via del ritorno alla forza principale di Burgoyne.

Skene fu rilasciato sulla parola nel 1778 e tornò in Inghilterra. L'anno successivo New York ha confiscato la sua proprietà, per la quale ha ricevuto £ 20,350 dalla corona. Skene trascorse il resto della sua vita in Inghilterra, morendo lì il 9 giugno 1810.