Sirene

Nazionalità / Cultura

greco

Pronuncia

SYE-rinz

Nomi alternativi

Nessuna

Appare in

Ovidio metamorfosi, Homer Odissea

Lignaggio

Figlie di Acheloo

Panoramica del personaggio

Le sirene erano tre creature femminili di mitologia greca il cui canto attirò gli uomini alla distruzione. Le descrizioni delle sirene variano da belle donne a mostri con corpi di uccelli e teste umane.

Le sirene erano le figlie del dio fluviale Acheloo (pronunciato ay-kee-LOH-uhs). Vivevano su un'isola dove incantavano i marinai di passaggio con le loro canzoni. Secondo alcune fonti, i marinai morirono quando le loro navi si schiantarono sugli scogli vicino all'isola. Altri dicono che i marinai sono rimasti sull'isola e hanno ascoltato il canto fino alla morte.

Solo in due occasioni le sirene non riuscirono ad incantare i marinai di passaggio. quando Jason e la Argonauti (pronunciato AHR-guh-nawts) stavano cercando il file Golden Fleece , il musicista Orfeo (pronunciato OR-fee-uhs) ha cantato in modo così rapido che nessuno dell'equipaggio ha ascoltato le sirene. Nell'epica di Omero il Odissea , l'eroe Ulisse (pronunciato oh-DIS-ee-uhs) fece sì che i suoi uomini mettessero la cera nelle orecchie in modo che non potessero sentire le sirene. Odisseo, desideroso di ascoltare il canto delle sirene, fece legare il suo equipaggio all'albero maestro in modo che non guidasse la nave verso l'isola. Alcune storie dicono che le sirene erano destinate a vivere solo finché nessun marinaio poteva resistere al loro canto; poiché Odisseo e il suo equipaggio erano in grado di passare in sicurezza, le sirene furono trasformate in rocce lungo la riva.

Sirene in pericolo

Sirenia è un ordine di mammiferi erbivori che include il lamantino, che si trova lungo le calde coste della parte orientale del Nord e Sud America, e il dugongo, che si trova vicino all'Australia e alla Nuova Guinea. I marinai che avvistavano queste creature a volte le scambiavano per sirene, creature con il busto e la testa di una donna e la coda di un pesce. Le sirene a volte sono raffigurate come sirene.

Dugonghi e lamantini sono considerati specie in via di estinzione. I lamantini si muovono lentamente e sono curiosi, quindi sono particolarmente esposti al rischio di lesioni e morte a causa di collisioni con la barca. Un tempo i dugonghi si trovavano in tutti gli oceani dell'India e del Pacifico meridionale, ma la caccia e la perdita di habitat hanno fatto diminuire notevolmente il suo numero.

Sirene nel contesto

Il mito delle sirene è un riflesso di quanto fosse importante - e allo stesso tempo pericoloso - il viaggio per mare era per gli antichi greci. Facevano affidamento sul mare sia per il commercio che per l'esplorazione. Le sirene fungevano da avvertimento ai marinai greci, ricordando loro di essere sempre consapevoli delle rocce vicine che potrebbero potenzialmente distruggere le loro navi. Il canto delle sirene potrebbe anche essere paragonato al battito ritmico del mare contro la prua di una nave, che potrebbe far addormentare un marinaio e impedirgli di evitare adeguatamente ostacoli come gli scogli.

Temi e simboli chiave

Le sirene rappresentavano sia il fascino che il pericolo della bellezza. Il pericolo nasceva dal perdere il senso dei propri doveri o dell'ambiente circostante mentre si era incantati dalle sirene. In un senso più generale, le sirene simboleggiavano le misteriose qualità delle donne per i marinai, che erano quasi sempre uomini che vivevano senza contatto femminile per giorni o settimane alla volta. Le caratteristiche simili a uccelli delle sirene le associavano anche al bel canto degli uccelli canori e ne esaltavano la natura ultraterrena.

Sirene nell'arte, nella letteratura e nella vita di tutti i giorni

Nell'arte antica, le sirene erano spesso raffigurate con teste umane e corpi di uccelli, o come donne umane con zampe di uccelli. Le raffigurazioni successive spesso sminuiscono queste caratteristiche simili a uccelli e invece raffigurano le sirene semplicemente come belle giovani donne, o anche come sirene che attirano i marinai in una tomba acquosa. Molti adattamenti dei miti di Giasone e Odisseo includono raffigurazioni delle sirene. Un'apparizione notevole delle sirene è nel film dei fratelli Coen del 2000 Fratello, dove sei?, una rivisitazione del Odissea ambientato nel sud americano durante la Grande Depressione.

Il termine "sirena" vive nei tempi moderni in due modi: primo, descrive un segnale di avvertimento forte e inevitabile, come quelli usati dalla polizia e da altri veicoli di emergenza; e in secondo luogo, è usato per descrivere una donna dalla quale gli uomini sono inevitabilmente attratti, anche quando può portare alla loro rovina.

Leggere, scrivere, pensare, discutere

Segreto delle sirene (2006) di Julia Golding è il primo romanzo dell'autore Companions Quartet serie. Il libro si concentra su Connie, una ragazzina di undici anni mandata a vivere con sua zia in una cittadina di mare britannica.