Sir francis nicholson

Sir Francis Nicholson (1655-1728) era governatore coloniale di numerose colonie: New York, Virginia, Maryland, Nuova Scozia e Carolina del Sud.

Francis Nicholson è nato il 12 novembre 1655 nello Yorkshire, in Inghilterra. Entrato nell'esercito nel 1679, ha trascorso diversi anni come corriere e aiutante del governatore di Tangeri in Africa occidentale. Nel 1686 andò in America, dove divenne membro del Council of the Dominion of New England. Nel 1688 fu nominato luogotenente governatore di New York.

Nicholson andò in Virginia nel 1690 per governare in nome del governatore assente. Studiò laboriosamente i problemi di frontiera, incoraggiò il servizio postale e aiutò il reverendo James Blair a fondare il College of William and Mary. Nel 1692 tornò in Inghilterra.

Ritornato nelle colonie come governatore del Maryland nel 1694, Nicholson era così attivo negli affari della chiesa e nell'istruzione che un rapporto esagerato affermava che fosse responsabile della fondazione di 2 università e 28 chiese. La sua popolarità iniziale diminuì e gli ultimi anni della sua amministrazione furono segnati da aspri litigi personali.

Nicholson tornò in Virginia come governatore nel 1698. Il suo temperamento violento e i suoi metodi dittatoriali lo allontanarono da molti dei leader della colonia. Era attivo nel reprimere la pirateria, nel trasferire la capitale da Jamestown a Williamsburg e nel migliorare l'efficienza delle operazioni governative. I suoi nemici politici costrinsero il suo richiamo nel 1705. Nel 1706 Nicholson fu eletto membro della Royal Society. Ora colonnello, si offrì volontario nel 1709 per accompagnare un attacco al Canada. Le sue energiche attività portarono i governatori del nord a sollecitare che comandasse la spedizione, ma il piano fallì quando le truppe dall'Inghilterra non arrivarono.

Su richiesta del Massachusetts, Nicholson, ora generale di brigata, ricevette il comando della spedizione che portò alla vittoria incruenta a Port Royal, in Nuova Scozia. Nominato governatore della Nuova Scozia nel 1713, Nicholson dedicò poco tempo alla provincia ma si occupò di indagare sulla finanza coloniale, il contrabbando, i premi in denaro e gli affari educativi. I suoi metodi bruschi irritarono altri funzionari. Dopo l'adesione di Giorgio I, è tornato in Inghilterra, dove ha agito come una sorta di consulente non ufficiale del Board of Trade.

Nel 1720 Nicholson tornò in America come governatore della nuova colonia reale del Sud Carolina. La sua amministrazione aveva molto da raccomandare, ma ha alienato i commercianti di Charleston che hanno presentato una petizione per il suo richiamo perché non si è opposto all'emissione di carta moneta. In cattive condizioni di salute, ha chiesto il proprio richiamo nel 1725. Morì il 5 marzo 1728.

Ulteriori letture

Non esiste una biografia completa di Nicholson. Per informazioni sulla sua vita e per il contesto storico vedere Charles M. Andrews, Il periodo coloniale della storia americana (4 voll., 1934-1938) e Wesley Frank Craven, Le colonie in transizione, 1660-1713 (1968). □