Sir arthur ernest streeton

Il paesaggista australiano Sir Arthur Ernest Streeton (1867-1943) era un membro di spicco della scuola di Heidelberg, la versione australiana dell'impressionismo.

Arthur Streeton nacque a Mount Duneed, Victoria, l'8 aprile 1867. Mostrò una precoce attitudine per il disegno e, trasferitosi a Melbourne, divenne apprendista litografo. Mentre era ancora adolescente, iniziò a studiare alla National Gallery School.

Quando il pittore Tom Roberts tornò a Melbourne nel 1885, i principi impressionisti che riportò ispirarono un gruppo di giovani artisti. Questa divenne la scuola di Heidelberg (dal nome del luogo del principale campo di pittura del gruppo, affacciato sul fiume Yarra, vicino a Melbourne). Streeton si unì al gruppo nel 1886 e fu profondamente influenzato dall'impressionismo. Ma ha visto la necessità di sottolineare i valori tonali chiave per tradurre in pittura "il blu dei cieli australiani e la chiara trasparenza delle distanze australiane", e si è lanciato su una nuova rotta.

Dopo la vendita di un paesaggio nel 1888 Streeton decise di abbandonare la litografia. La sua abilità artistica è maturata rapidamente e Estate d'oro con Ancora scorre il flusso (entrambi del 1888) furono tra i suoi dipinti più importanti. Nel 1889 lui e il gruppo di Heidelberg hanno esposto "9 × 5 Impressions" - principalmente dipinti su coperchi di scatole di sigari - e il ricavato ha permesso a Streeton di proseguire la sua carriera. Gran parte del suo lavoro migliore fu svolto negli anni successivi, come il Purple Noon's Transparent Might (1896).

Nel 1898 Streeton andò a Londra. Al suo ritorno a Melbourne nel 1907 tenne una mostra di successo con buone vendite. Il suo Felix australiano risale a quest'anno. Ne è seguito uno spettacolo a Sydney e un secondo a Melbourne. Tornato a Londra, ha avuto poche difficoltà a garantire le commissioni. Il Salone di Parigi gli ha conferito la medaglia d'oro nel 1909.

Streeton si arruolò nell'esercito britannico come soldato semplice nel 1914. Dopo essere stato dichiarato invalido, all'inizio del 1918 fu incaricato dal governo australiano come artista di guerra. Dopo aver trascorso 2 anni a Melbourne e poi rivisitato a Londra, Streeton decise nel 1923 di tornare definitivamente a Victoria. Dalla sua casa nella pittoresca zona collinare a est di Melbourne, ha continuato a dipingere nel suo modo stabilito. Fu nominato cavaliere nel 1937 e morì a Olinda, Victoria, il 1 ° settembre 1943.

Streeton fu un pioniere dell'eroico impressionismo che dominò l'arte della nazione per mezzo secolo, a partire dagli anni Ottanta dell'Ottocento. In ambienti di campagna ondulata ben vestita, i suoi dipinti hanno investito le terre pastorali interne del continente con una grandezza veramente arcadica. I suoi contemporanei lo vedevano come un vero prodotto del "sole e del suolo della sua terra", ed era riconosciuto come "un tecnico naturale, dotato di virtuosismo e perfezione tecnica, inclusi il disegno corretto e il design equilibrato".

Ulteriori letture

Il commento di James Gleeson nella sua recensione ampiamente illustrata, Capolavori della pittura australiana (1969), contiene una significativa rassegna della vita e del lavoro di Streeton. Il suo ruolo nello sviluppo dell'impressionismo australiano e delle sue propaggini è descritto in dettaglio in Alan McCulloch, L'età d'oro della pittura australiana (1969). L'ascesa della scuola di Heidelberg e il ruolo di Streeton in essa sono anche raccontati da Elizabeth Young in Pittura australiana: coloniale, impressionista, contemporanea(1962), il catalogo per l'Australian Art Exhibition di Londra e Ottawa.

Fonti aggiuntive

Dutton, Geoffrey, Arthur Streeton, 1867-1943: uno schizzo biografico, Brisbane: Oz Pub. Co., 1987, stampa 1988.

Wray, Christopher, Arthur Streeton: pittore di luce, Milton, Qld.:Jacaranda, 1993. □