Simone, nina (waymon, eunice kathleen)

Febbraio 21, 1933
21 aprile 2003

Nata a Tryon, nella Carolina del Nord, la cantante Nina Simone è stata incoraggiata a studiare pianoforte e organo a partire dall'età di tre anni da sua madre, un ministro metodista nero ordinato. Presto fu in grado di suonare gli inni all'organo a orecchio, e all'età di sei anni divenne la pianista regolare nella chiesa della sua famiglia. Ha studiato privatamente, oltre che alla Asheville (NC) High School, per diventare una pianista classica. Ha studiato anche al Curtis Institute of Music di Philadelphia (1950–1953) e alla Juilliard School di New York (1954–1956). La carriera di cantante di Simone, durata quasi quattro decenni e più di quaranta album, è arrivata quasi per caso: durante un impegno in un nightclub del 1954 ad Atlantic City, nel New Jersey, fu informata che oltre a suonare il piano avrebbe dovuto cantare. Per l'occasione ha adottato il nome d'arte Nina Simone, che ha segnato l'inizio della sua carriera di cantante jazz.

Fin dall'inizio, Simone si è arrabbiata per le restrizioni dell'etichetta "cantante jazz", e in effetti, il suo stile maturo ha integrato le tecniche del pianoforte classico con un repertorio tratto da fonti varie come il blues e la musica folk, come in Jazz come suonato (1958). All'inizio della sua carriera iniziò anche ad affrontare i problemi razziali negli Stati Uniti. Nel 1963, arrabbiata per la morte di Medgar Evers e il bombardamento di una chiesa afro-americana a Birmingham, in Alabama, compose il suo primo inno per i diritti civili, "Mississippi Goddam", e durante il decennio successivo gran parte del suo lavoro fu esplicitamente dedicato a il movimento per i diritti civili, cantato con la sua voce forte e chiara. Nel 1963 ha composto "Four Women" con Langston Hughes. Le sue altre canzoni popolari di questo periodo includono "Young, Gifted e Black", "Old Jim Crow" e "Don't Let Me Be Misundersnown". Negli anni '1970 Simone ha continuato a esibirsi a livello internazionale e ha registrato l'album Baltimora nel 1978. A partire dalla fine degli anni '1970 ha diviso il suo tempo tra Los Angeles e la Svizzera. Negli anni più recenti ha vissuto a Parigi, ma ha continuato ad apparire regolarmente a New York. Nel 1987 ha rilasciato Let It Be Me. La sua autobiografia, Metto un incantesimo su di te, è stato pubblicato nel 1991. Nel 2003 Nina Simone è morta in Francia dopo una lunga malattia.

Guarda anche Cantanti Jazz

Bibliografia

Grieske, Tony. "La leggenda del jazz, la voce dei diritti civili Nina Simone muore." Hollywood Reporter, 22 aprile 2003, pag. 6.

Powell, Allison, con Nina Simone. "L'anima americana di Nina Simone." Colloquio 27, n. 1 (gennaio 1997): 76-80.

Simone, Nina. Metto un incantesimo su di te. New York: Pantheon Books, 1991.

Sischy, Ingrid, con Elton John. "Nina Simone: Remembering a Fiery Trailblazer of Song and Freedom." Colloquio 33, n. 7 (agosto 2003): 108.

rosita m. sabbie (1996)
Aggiornato dall'editore 2005