Silliman sr., Benjamin (1779-1864)

Scienziato ed educatore

Yale. Benjamin Silliman Sr. è nato nel Connecticut nel 1779, nel bel mezzo della rivoluzione americana. Al momento della sua nascita gli inglesi tenevano prigioniero di guerra suo padre, Gold Selleck Silliman. Sua madre, Mary Fish Noyes Silliman, gli ha impartito in gioventù la sua devota fede evangelica. Dopo aver ricevuto la sua prima educazione dal suo pastore, Andrew Eliot, entrò nello Yale College nel 1792, laureandosi nel 1796. Dopo un breve periodo di lavoro nella fattoria di famiglia e insegnando al liceo, Silliman tornò a New Haven per studiare legge sotto la guida di due avvocati locali. Fu ammesso alla professione forense nel 1802.

Carriera scientifica. Il futuro di Silliman, tuttavia, non includeva una carriera legale. Durante il suo ultimo anno di studi ha anche lavorato come tutor universitario a Yale. Alla fine del periodo e subito dopo la sua ammissione al bar, il presidente Timothy Dwight gli ha offerto un posto come professore di chimica al college. Silliman non era completamente qualificato per il posto, ma all'inizio del diciannovesimo secolo quasi nessun americano era qualificato da una formazione accademica formale per insegnare le scienze, comunemente chiamate storia naturale o filosofia naturale. Piuttosto che importare qualcuno dall'Europa, Dwight scelse di assumere Silliman, che era un uomo di Yale e un cristiano evangelico impegnato. Uno degli scopi principali di Dwight nell'introdurre un curriculum scientifico a Yale era presentare una risposta cristiana all'Illuminismo dimostrando la compatibilità della fede cristiana con la comprensione scientifica.

Imparare il suo mestiere. Il college nominò formalmente Silliman professore di chimica e mineralogia nel settembre 1802, ma non assunse l'incarico per due anni. Per qualificarlo per la posizione Dwight lo mandò a Filadelfia per frequentare lezioni di chimica, geologia, mineralogia e medicina. Iniziò a insegnare a Yale nel 1804 ma apparentemente trovò la sua preparazione inadeguata. Per proseguire gli studi, oltre che per acquistare libri e attrezzature scientifiche per il college, Silliman andò in Inghilterra, dove divise la maggior parte del suo tempo tra lo studio con un chimico londinese e la partecipazione a lezioni di medicina a Edimburgo. Il maggio 1806 segnò l'inizio del suo servizio attivo come professore a Yale, incarico che mantenne fino al 1853.

Servizio professionale. Silliman non ha fatto grandi scoperte scientifiche nella sua carriera, ma ha esercitato una notevole influenza come educatore. Il Bowdoin College gli conferì una laurea ad honorem in medicina per il suo ruolo nella creazione della Yale Medical School, che fu aperta nel 1818. Negli anni 1840, con suo figlio Benjamin Silliman Jr., fondò un laboratorio privato che fu infine incorporato a Yale come il Sheffield Scientific School. La fondazione di Sheffield ha segnato l'inizio dell'istruzione scientifica universitaria negli Stati Uniti. Alcuni degli studenti di Silliman, tra cui Amos Eaton, Edward Hitchcock, Charles Upham Shepard, James Dwight Dana e Denison Olmsted, divennero famosi uomini di scienza.

Diffondere la scienza. Silliman ha anche fatto di più per rendere popolare la scienza nel periodo prebellico di qualsiasi altra persona. Uno dei suoi ex studenti e assistenti di laboratorio, Josiah Holbrook, iniziò il movimento del liceo negli anni venti dell'Ottocento. Holbrook voleva rendere l'istruzione scientifica ampiamente disponibile alle classi lavoratrici. Il metodo che ideò per raggiungere questo obiettivo fu il liceo, un istituto locale che offriva conferenze pubbliche gratuite tenute da noti scienziati e altri studiosi e forniva biblioteche e sale di lettura con pubblicazioni utili. Dotato della capacità di comunicare conoscenze scientifiche a laici di tutte le classi, Silliman ha viaggiato molto nel circuito del liceo per vent'anni, diventando una specie di celebrità nazionale. Ancora nel 1820, quando aveva sessantasei anni, Silliman si recò a New Orleans per tenere una serie di dodici conferenze sulla geologia. Il New Orleans Picayune ha riferito di aver attirato uno dei "pubblici più grandi, intelligenti e alla moda mai visti riuniti in questa città".

Comunità scientifica americana. Infine, Silliman ha svolto un ruolo significativo nella creazione della comunità scientifica americana. Ciò ottenne principalmente attraverso la rivista che fondò nel 1818. Tra il 1810 e il 1815 Silliman aveva contribuito con articoli al American Mineralogical Journal. Lo scopo principale di quella rivista, tuttavia, era diffondere il lavoro dei mineralogisti e dei geologi europei a un pubblico americano. Quando le condizioni di salute dell'editore e con esso del giornale fallirono, una rete di corrispondenti dal Maine alla Carolina del Sud incoraggiò Silliman ad avviare una nuova pubblicazione. Uno di quei corrispondenti scrisse nel marzo 1818 che "Al momento c'è una disposizione insolita a coltivare la Scienza Naturale - pervade tutti i ranghi - Sono lieto di vedere che intendi guidare la scienza in uno dei suoi oggetti più importanti, vale a dire. il miglioramento delle arti " Per "miglioramento delle arti" lo scrittore intendeva l'applicazione della scienza all'innovazione tecnologica. Con il sostegno finanziario di George Gibbs (anche lui uno dei principali sostenitori dell'istruzione scientifica a Yale), il American Journal of Science, in particolare di mineralogia, geologia e altri rami di storia naturale; Comprese anche l'agricoltura e le arti ornamentali e utili iniziò nel 1818. Silliman fu l'unico editore del giornale per vent'anni; suo figlio gli successe.

Il diario di Silliman. A differenza del suo predecessore, l'American Journal of Science (popolarmente noto come Silliman's Journal) ha cercato di diffondere il lavoro dei naturalisti americani. Nella sua conclusione al primo volume Silliman ha scritto della sua visione della scienza come forza unificante in un periodo di dissenso politico e conflitto settoriale. Sperava "in non piccola misura di nutrire un patriottismo allargato, conquistando la mente del pubblico dalle odiose asperità del partito". In altre parole, sperava che l'orgoglio per i risultati scientifici avrebbe aiutato i cittadini degli Stati Uniti a formare un'identità nazionale che avrebbe annullato le loro lealtà locali, settoriali e politiche. Entrambi i file American Journal of Science e la comunità scientifica americana fiorì durante il periodo prebellico, in gran parte grazie al lavoro di Benjamin Silliman Sr. Silliman, la speranza per l'unità nazionale, tuttavia, fu delusa dall'inizio della guerra civile. Ha seguito da vicino il progresso degli eserciti dell'Unione, ma non ha vissuto abbastanza per vedere la guerra conclusa e la nazione riunita. Morì il 24 novembre 1864.