Signori del commercio e delle piantagioni

Signori del commercio e delle piantagioni, un organo amministrativo organizzato da Carlo II nel 1675 per creare legami amministrativi più forti tra i governi coloniali e la Corona. In precedenza, la prassi costituzionale prevedeva che le province inglesi al di fuori del regno fossero a carico del Consiglio privato. A partire dal 1624, comitati speciali che consigliavano il Privy Council diressero l'amministrazione coloniale britannica. Poiché questi comitati erano di breve durata e spesso non qualificati, ne derivarono confusione e inefficienza nel controllo imperiale. Per creare un personale informato con vigore e continuità nella politica coloniale, Carlo II organizzò i Lords of Trade and Plantation, un corpo di ventuno consiglieri privati, nove dei quali detenevano "la cura immediata e l'intenzione" delle colonie, con cinque qualsiasi costituenti un quorum. I lord non avevano alcun potere formale e si limitavano a fornire consulenza al Privy Council. Ma poiché erano uomini di capacità informate e di grande capacità amministrativa, e poiché hanno servito per vent'anni con relativamente pochi cambiamenti nel personale, hanno raggiunto un'amministrazione più sistematica di qualsiasi precedente agenzia per gli affari coloniali, servendo da transizione e da modello per il Board of Trade and Plantations, che successe loro nel 1696. Tennero 857 riunioni (1675–1696) e mantennero uffici permanenti a Scotland Yard. Stabilirono anche un segretario permanente e stipendiato (Sir Robert Southwell), un assistente segretario (William Blathwayt) e uno staff amministrativo per gestire la corrispondenza coloniale; divenne un ufficio di informazioni coloniali inviando richieste a governatori e agenti coloniali (in particolare Edward Randolph) nelle colonie; raccomandò incaricati come governatori reali per incoronare colonie e preparò le loro commissioni e istruzioni; ha sviluppato la tecnica della revisione giudiziaria dei casi coloniali appellati al Privy Council; attaccò, nell'interesse dell'unità e dell'efficienza, le carte delle colonie - costringendo la resa di due e avviando procedimenti di quo warranto contro altri cinque entro il 1686 - e istituì la politica di consolidamento delle colonie (il Dominio del New England). Sebbene vigorosa nei suoi primi anni, il complotto papista (1678 - una cospirazione dei cattolici romani per uccidere Carlo II e sostituirlo con suo fratello cattolico romano, James, duca di York) diminuì l'attività e, poiché la morte prese i membri più anziani e disordini politici (1685-1689) interferirono, i Signori del Commercio divennero deboli e inefficaci. Il loro ultimo incontro fu il 18 aprile 1696, un mese prima dell'istituzione del Board of Trade.

Bibliografia

Lawson, Philip, ed. Parlamento e Impero Atlantico. Edimburgo, Scozia: Edinburgh University Press, 1995.

Lovejoy, David S. La gloriosa rivoluzione in America. Cambridge, Mass .: Harvard University Press, 1985; Middletown, Connecticut: Wesleyan University Press, 1972; 1987.

Smuts, R. Malcolm. Cultura e potere in Inghilterra, 1585–1685. New York: St.Martin's Press, 1999.

Raymond P.Stearns/sb