Shoup, David

Shoup, David (1904-1983), generale e comandante del Corpo dei Marines. Figlio di un contadino dell'Indiana, Shoup si laureò alla DePauw University nel 1926 con una commissione ROTC. Dopo un mese come tenente nella riserva dell'esercito degli Stati Uniti, è stato trasferito ai Marines. Ha servito come servizio di spedizione a Tientsin, in Cina, nel 1927–28, e tornò in Cina con vari compiti, 1934–36. Nel 1941, ha accompagnato una brigata della Marina in Islanda.

Nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale, il colonnello Shoup fu ferito due volte in azione e vinse la medaglia d'onore del Congresso per aver radunato le sue truppe e aver guidato una carica all'atollo di Betio, Tarawa, nelle isole Gilbert nel 1943. Era capo di stato maggiore del 2a Divisione Marine nelle battaglie di Saipan e Tinian.

Dopo la guerra, Shoup ha ricoperto posizioni logistiche, fiscali e di addestramento. Nel 1956, guidò un'indagine sull'annegamento di sei reclute marine in una marcia notturna disciplinare a Parris Island, nella Carolina del Sud. Il presidente Dwight D. Eisenhower lo ha nominato comandante del Corpo dei Marines nel 1960. Sempre schietto, Shoup ha criticato i tentativi di indottrinare le truppe con l'anticomunismo, ha castigato i servizi per aver enfatizzato eccessivamente i propri interessi, si è opposto all'introduzione di forze di terra statunitensi nelle crisi con Cuba nel 1961 e 1962, e sconsigliato un massiccio accumulo di forze statunitensi in Vietnam. In pensione dopo il 1963, divenne un critico schietto della guerra del Vietnam.
[Vedi anche Cuba, Coinvolgimento militare degli Stati Uniti in; Seconda guerra mondiale, operazioni navali statunitensi nel Pacifico.]

Bibliografia

David M. Shoup, The Marines in China, 1927-1928, 1987.
Robert Buzzanco e Asad Ismij, Informed Dissent: Three Generals and the Viet Nam War, 1988.

John Whiteclay Chambers II