Seconda guerra mondiale, guerra aerea contro la Germania

Seconda guerra mondiale, guerra aerea contro la Germania. Alla vigilia della seconda guerra mondiale, l'aviazione tedesca (GAF) era la più potente del mondo. Però,

è stato progettato principalmente per il supporto diretto degli eserciti di terra, una circostanza che l'avrebbe paralizzato nella sua imminente battaglia con la British Royal Air Force (RAF) e le US Army Air Forces (USAAF).

La strategia globale degli alleati per la guerra nell'Europa occidentale prevedeva un assalto in forza lanciato dalla Gran Bretagna come base e mirato al cuore della Germania. Alla Conferenza di Casablanca nel gennaio 1943, la RAF e l'USAAF hanno reso la superiorità aerea alleata una priorità assoluta. Per paralizzare la produzione di aerei di Adolf Hitler, l'USAAF concentrò i suoi primi sforzi di bombardamento sugli aerei tedeschi e sugli impianti portanti. Il suo sforzo durante il 1943 fu deludente, tuttavia, principalmente a causa delle gravi perdite subite dalle forze di bombardieri che operavano sulla Germania al di fuori della portata dei combattenti di scorta. Tra febbraio e maggio 1944, i combattenti di scorta a lungo raggio iniziarono ad accompagnare i bombardieri statunitensi fino ai loro obiettivi e ritorno. Sebbene la produzione di aerei tedeschi continuò ad aumentare fino al settembre 1944, il GAF non poté fare un uso efficace del numero crescente di velivoli a causa di (1) la perdita di piloti GAF esperti causata dal tentativo di fermare l'offensiva dei bombardamenti, e (2) una grave carenza di benzina a partire dal maggio 1944, che rese difficile anche l'addestramento di nuovi piloti GAF.

Alla fine del 1944, le forze dei bombardieri USAAF si concentrarono sugli impianti petroliferi sintetici e sulla rete di trasporto della Germania.

Il GAF, già così indebolito nel giugno 1944 da non poter opporsi agli sbarchi in Normandia, cadde allo sbando. Disperatamente in inferiorità numerica rispetto alle forze combinate di USAAF e RAF, e sottoposte ad attacchi incessanti di giorno e di notte, il GAF aveva perso la battaglia. Nemmeno l'introduzione del nuovo caccia a reazione ad alta velocità (Messerschmitt 262) potrebbe arginare la marea.

L'incapacità dell'alto comando tedesco, incluso Adolf Hitler, di vedere il GAF come qualcosa di più di un braccio di supporto dell'esercito ha contribuito in modo misurabile alla vittoria degli alleati nell'aria. Nonostante la minaccia rappresentata dai bombardamenti alleati dal 1940 in poi, era la fine del 1942 prima che si facesse qualsiasi serio sforzo per aumentare le dimensioni e le capacità del GAF. Quindi, quando sono state applicate enormi energie al compito, l'accumulo di USAAF e RAF ha già superato quello della Germania, mentre i bombardamenti alleati delle fabbriche di aerei e delle fonti di carburante hanno ulteriormente ostacolato gli sforzi tedeschi. Con la distruzione del trasporto di superficie tra e all'interno delle sue basi e fabbriche durante l'inverno 1944-45, il GAF non poteva che offrire una resistenza simbolica.

Bibliografia

Crane, Conrad C. Bombe, città e civili: strategia per la potenza aerea americana nella seconda guerra mondiale. Lawrence: University Press of Kansas, 1993.

Craven, Wesley F. e James L. Cate, eds. Le forze aeree dell'esercito nella seconda guerra mondiale. Washington, DC: Office of Air Force History, 1983.

Hooten, ER Aquila in fiamme: la caduta della Luftwaffe. Londra: armi e armature, 1997.

Schaffer, Ronald. Wings of Judgment: American Bombing in World War II. New York: Oxford University Press, 1985.

Sherry, Michael S. The Rise of American Air Power: The Creation of Armageddon. New Haven, Connecticut: Yale University Press, 1987.

DavidMacIsaac/ar