Scuola di pittura del fiume Hudson

Teorie dell'Arte . Gli artisti americani iniziarono ad allontanarsi dagli standard artistici tradizionali ed esplorare il pensiero romantico, che enfatizzava l'intensa espressione di emozioni tumultuose e suggeriva che il sentimento individuale e nazionale avrebbe plasmato il lavoro di un artista. La carriera del pittore Washington Allston rifletteva le mutevoli correnti teoriche che hanno plasmato l'arte americana all'inizio del XIX secolo. Dopo un periodo di viaggi e studi in Europa dal 1801 al 1804, Allston tornò negli Stati Uniti e lottò nella sua pittura per conciliare le due maggiori scuole di pensiero artistico. Da un lato c'era lo standard tradizionale della pittura rappresentato dal lavoro di Sir Joshua Reynolds, un inglese

artista che ha affermato che un dipinto dovrebbe riprodurre fedelmente la natura così come è stata vista dall'artista e dovrebbe anche portare un chiaro messaggio morale. Per i tradizionalisti come Reynolds le rappresentazioni di eventi storici o biblici erano le più alte della pittura, seguite dai paesaggi; i ritratti erano la forma più bassa perché le immagini di un individuo non potevano trasmettere alcun messaggio morale più elevato a meno che il soggetto non fosse particolarmente degno di imitazione. D'altra parte, Allston era anche interessato alla nuova teoria artistica romantica di Samuel Taylor Coleridge, il quale sosteneva che l'arte dovrebbe riflettere le percezioni soggettive dell'artista degli oggetti naturali. Nel corso della sua carriera Allston ha lottato con questi due punti di vista, cercando di trovare uno stile di pittura che fornisse un significato morale universale, riflettendo anche i sentimenti e le impressioni soggettive che Allston ha sperimentato mentre considerava l'oggetto della pittura. I dipinti successivi di Allston erano paesaggi poeticamente suggestivi che conciliavano in una certa misura il suo interesse per il romanticismo con il suo desiderio di produrre rappresentazioni accurate della natura.

Bellezza e sublimità. Allston ha fortemente influenzato i suoi successori negli Stati Uniti, che hanno lottato con conflitti simili. Diversi pittori, guidati dal pensatore inglese Edmund Burke tra il bello e il sublime nella natura e nell'arte. Belle immagini, come giardini, fiori o boschetti ordinati, trasmettevano un senso di armonia e pace; immagini sublimi, come montagne o cascate, producevano sentimenti violenti di forza o forza. Lo scenario dell'area della valle del fiume Hudson ha offerto ai pittori una vasta gamma di modelli di entrambi i tipi. Artisti americani come Cole furono anche influenzati dall'idea romantica che la percezione dell'artista della natura riflettesse la sua identità nazionale così come i suoi pensieri e sentimenti individuali. Un artista americano porterebbe così alla sua pittura un modo particolarmente americano di vedere e rappresentare gli oggetti. Secondo questa teoria il paesaggio americano, preso dal panico dell'artista americano, si tradurrebbe in un'arte che sarebbe tipicamente e unicamente americana.

Cole. I dipinti di Thomas Cole, che attingevano fortemente alle immagini prese dalla valle del fiume Hudson, furono gli esempi più famosi di questa scuola di pensiero. Il successo dei suoi primi dipinti e paesaggi biblici, incluso Espulsione dal Giardino dell'Eden (1827-1828) e Mattina soleggiata sul fiume Hudson (1827), portò a Cole abbastanza soldi per permettergli di viaggiare in Europa per studiare arte. Dopo essere tornato nel 1833 Cole si stabilì nella valle del fiume Hudson e iniziò a dipingere paesaggi, utilizzando il paesaggio intorno a lui come ispirazione e soggetto di una varietà di dipinti, tra cui Il corso dell'Impero con Il viaggio della vita (1830-1840) serie. Cole era particolarmente dotato per i paesaggi, sembrava quasi trasformare le impostazioni fisiche in personaggi viventi nel suo lavoro. In Manfred (1833), basato su George Gordon, la poesia di Lord Byron con lo stesso nome, Cole usò l'immagine di un'enorme cascata per trasmettere il potere esplosivo e appassionato del poema. Cole ha espresso le sue convinzioni sullo scenario americano in un saggio del 1836 pubblicato su American Rivista mensile; Nonostante la mancanza di associazioni storiche del paesaggio americcano, sosteneva Cole, “la grande lotta per la libertà ha santificato molti luoghi, e molte montagne, ruscelli e rocce hanno la loro leggenda, degna della penna del poeta o della matita del pittore. Ma americano

le associazioni non appartengono tanto al passato quanto al presente e al futuro. " Con i suoi dipinti Cole sperava di ispirare gli osservatori ai sogni del futuro americano e al rispetto per il passato americano.

Durand. Un altro artista solitamente associato alla Hudson River School era Asher Durand, incisore e pittore. Come incisore, Durand ha svolto un ruolo importante nella divulgazione delle opere dei pittori americani. Durand si specializzò nella pittura di paesaggio sebbene, come Cole, dipinse anche opere bibliche e storiche. I suoi dipinti tendevano al bello, mentre Cole tendeva a privilegiare soggetti più sublimi; se Cole vedeva la natura come una forza impressionante in sé, Durand la vedeva come un luogo benevolo dell'attività umana. Uno dei dipinti più famosi di Durand era Spiriti affini (1849), dipinto dopo la morte di Cole nel 1848, che ritrae Cole e il suo caro amico, il poeta William Cullen Bryant, come piccole figure che si contrappongono alla grandiosità delle montagne di Catskill.