Scrittura storica: il mito di Washington

Sfondo. Anche durante la sua vita, gli americani iniziarono a mitizzare George Washington. Lo stesso Washington coltiva consapevolmente l'immagine pubblica di un cittadino repubblicano virtuoso e altruista. Questa caratterizzazione ottenne una diffusa accettazione tra gli americani della prima repubblica mentre proiettavano su Washington i tratti che desideravano per la loro nuova nazione.

Mason Locke Weems. Nel 1800 Mason Locke Weems portò la glorificazione di Washington a nuovi livelli nella sua biografia di Washington. Ordinato ministro anglicano, Weems era diventato un libraio itinerante nel 1792. In questa occupazione Weems sviluppò una sensibilità al gusto popolare, che si dimostrò utile quando scrisse una delle tante biografie popolari del primo presidente degli Stati Uniti che seguì la morte di Washington nel dicembre 1799 Weems ha rivisto e ampliato più volte quest'opera immensamente popolare, che ha attraversato circa quaranta edizioni in venticinque anni e ha plasmato in modo decisivo l'immagine popolare di Washington.

Il mito di Washington. Impiegando uno stile vivace e spesso colloquiale, Weems ha custodito la visione idealizzata di Washington che aveva già iniziato a svilupparsi durante la vita di Washington. Spesso inventava aneddoti per rendere più avvincenti le sue lodi alle virtù di Washington. La più nota di queste storie è la leggenda dell'ammissione volontaria di Washington di aver abbattuto il ciliegio di suo padre, un aneddoto senza alcun fondamento che Weems aggiunse a un'edizione successiva per dimostrare che anche da bambino Washington possedeva un'onestà straordinaria. Il punto non era solo glorificare Washington; Weems sperava di inculcare le stesse virtù ai suoi lettori.

IL CILIEGIO DI WASHINGTON

La storia più famosa su George Washington da ragazzo è stata inventata dal biografo Mason Locke Weems, che ha falsamente attribuito l'aneddoto a un lontano parente di Washington. La versione della storia di Weems è la seguente:

“Quando George,” disse lei, “aveva circa sei anni, fu nominato ricco padrone di un accetta ! di cui, come la maggior parte dei ragazzini, era smodatamente affezionato e continuava a tagliare ogni cosa che incontrava sulla sua strada. Un giorno, in giardino, dove spesso si divertiva a fare a pezzi i bastoncini di pisello di sua madre, sfortunatamente provò il filo della sua accetta sul corpo di un bel giovane ciliegio inglese, che abbaiò così terribilmente, che non ci credo l'albero ha mai avuto la meglio. La mattina dopo il vecchio signore scoprendo cosa era accaduto al suo albero, che tra l'altro era un grande favorito, entrò in casa e con molto calore chiese l'autore dispettoso, dichiarando allo stesso tempo che non l'avrebbe fatto. ha preso cinque ghinee per il suo albero. Nessuno poteva dirgli niente al riguardo. Di lì a poco George e la sua accetta fecero la loro comparsa. Giorgio, disse suo padre, sai chi ha ucciso quel bellissimo piccolo ciliegio laggiù nel giardino? ? Questo era un domanda difficile; e George vacillò sotto di essa per un momento; ma si riprese rapidamente; e guardando suo padre, con il dolce volto della giovinezza illuminato dal fascino inesprimibile della verità che conquista ogni cosa, gridò coraggiosamente: “Non posso dire una bugia, papà; sai che non posso dire una bugia. L'ho tagliato con la mia accetta. «... Corri tra le mie braccia, ragazzo carissimo, gridò suo padre nei trasporti, corri tra le mie braccia; Sono felice, George, che tu abbia ucciso il mio albero; perché mi hai pagato mille volte. Un tale atto di eroismo in mio figlio vale più di mille alberi, sebbene fioriti d'argento, e i loro frutti d'oro purissimo ".

Fonte: Mason Locke Weems, La vita di Washington, a cura di Peter S. Onuf (Armonk, NY: ME Sharpe, 1996).

Virtù privata. Oltre a rendere accessibile la storia della vita di Washington, Weems ha cercato di rendere le virtù di Washington un modello per la gente. Gli scrittori precedenti, secondo Weems, si erano concentrati troppo sugli atti pubblici di Washington, che avevano poca influenza sulla vita della maggior parte dei bambini. Al contrario, ha detto che le virtù private di Washington erano direttamente rilevanti per la condotta quotidiana, di importanza per tutti i bambini "perché in questi ogni giovane può diventare un Washington - un Washington in pietà e patriottismo, - nell'industria e nell'onore - e di conseguenza un Washington, in quello che da solo merita il nome, AUTOSTIMA E RISPETTO UNIVERSALE ". Il modo in cui Weems trattava la pietà religiosa, la benevolenza, l'industria e altri tratti degni di emulazione di Washington stabiliva obiettivi che le persone comuni potevano raggiungere nella loro vita quotidiana.