Scott, nocciola

Giugno 11, 1920
October 2, 1981

La pianista e cantante Hazel Dorothy Scott è nata a Port of Spain, Trinidad, da Alma Long Scott, musicista, e Thomas Scott, professore universitario. Nel 1924 suo padre ottenne una posizione di insegnante negli Stati Uniti e la famiglia si trasferì a New York City.

Scott ha iniziato a suonare il pianoforte all'età di due anni e ha debuttato a tre anni a Trinidad. Su iniziativa di sua madre, iniziò una formazione musicale formale quando la famiglia si trasferì a New York; ha fatto il suo debutto negli Stati Uniti a cinque anni al Town Hall di New York. Tre anni dopo, Scott fece un'audizione per una borsa di studio alla Juilliard School of Music. Anche se è stato deciso che era troppo giovane per entrare a scuola, il professor Paul Wagner, che ha presieduto l'audizione, è rimasto così colpito dalla sua interpretazione del Preludio in Do diesis minore di Rachmaninoff che si è offerto di prenderla come studente privato.

Il padre di Scott morì nel 1934 e sua madre accettò un lavoro come sassofonista nella band tutta al femminile di Lil Hardin Armstrong. Pochi mesi dopo, la madre di Scott decise di organizzare la sua band, la All-Woman Orchestra di Alma Long Scott, con Hazel che suonava sia il piano che la tromba. Nel 1936, all'età di sedici anni, Scott suonò con la Count Basie Orchestra alla Roseland Ballroom e in un programma radiofonico trasmesso sul Mutual Broadcasting System. All'età di diciotto anni, già un veterano della strada, Scott è apparso a Broadway nel musical Canta le notizie. Poi è diventata un'attrice cinematografica negli anni '1940 e ha interpretato se stessa in film come Qualcosa di cui gridare (1943) Ritmo di Broadway (1944), e Rhapsody in Blue (1945). Nel 1945, in un matrimonio di alto profilo, Scott sposò il rappresentante di New York Adam Clayton Powell Jr. Sebbene il matrimonio fallì rapidamente, iniziando con una separazione di diversi anni e terminando infine con il divorzio nel 1956, la coppia produsse un figlio, Adam Clayton Powell III, nel 1946.

Nel 1950 Scott ha ospitato un programma televisivo estivo, Hazel Scott, in cui si è esibita in melodie di spettacoli e in caffè preferiti, diventando la prima donna di colore a condurre il proprio programma televisivo. Tuttavia, come attivista politica che si era rifiutata di apparire davanti a un pubblico separato ed era una critica vocale del maccartismo, è stata elencata nel famigerato Canali rossi, una pubblicazione di nomi di intrattenitori che si pensava fossero coinvolti nell'attività del Partito Comunista. Il 14 settembre 1950, la Scott ha testimoniato davanti al Comitato per le attività antiamericane della Camera in difesa del suo diritto a partecipare a manifestazioni ed eventi per cause politiche. Il suo spettacolo è stato cancellato poco dopo.

Nel 1961 Scott si trasferì in Europa dopo essersi risposata, ma quando il suo matrimonio si concluse con il divorzio cinque anni dopo, tornò negli Stati Uniti. Al suo ritorno, ha fatto apparizioni come ospite in programmi televisivi come Julia con Gli audaci. Scott ha continuato a esibirsi nei club dell'area di New York fino a pochi mesi prima della sua morte di cancro nel 1981.

Guarda anche William James "Count"; Jazz; Musica negli Stati Uniti

Bibliografia

Bogle, Donald. I neri nei film e nella televisione americani. New York: Garland, 1988.

Hine, Darlene Clark, ed. Donne nere in America, 2d ed. New York: Oxford University Press, 2005.

kenya dilday (1996)
Bibliografia aggiornata