Scandalo e tradimento

Thomas Hutchinson… 171

Benjamin Franklin ... 183

Risoluzioni della Camera dei rappresentanti, rispetto delle lettere del governatore, del luogotenente governatore e altri ... 191

Benjamin Franklin… 197

Le reazioni degli americani al tradimento di Benedict Arnold… 203

A partire dal 1765, la Gran Bretagna ha cercato di riscuotere le tasse in America per pagare i propri conti. Gli americani sono diventati sempre più arrabbiati. Affermavano che il Parlamento, l'organo legislativo della Gran Bretagna, non aveva il diritto di tassare le persone che non avevano rappresentanza in Parlamento. Gli uomini che avrebbero dovuto riscuotere le tasse furono abusati dai coloni e le loro proprietà furono danneggiate o distrutte. Un centro importante per questo tipo di attività era Boston, Massachusetts, dove la folla si ribellò per le strade e ne risultò il totale disordine. Alla fine, timorosi di perdere la presa sull'America, gli inglesi inviarono soldati armati per mantenere la pace a Boston. I bostoniani si risentirono per la presenza dei soldati e nel 1770 la tensione portò all'evento noto come il massacro di Boston, in cui cinque americani furono uccisi dai soldati britannici. La tensione continuò a crescere e le relazioni tra Gran Bretagna e America divennero più ostili.

Thomas Hutchinson (1711-1780; vedere la voce a lato su Hutchinson a p. 173) fu una figura chiave negli eventi a Boston che portarono alla guerra rivoluzionaria. Nato e cresciuto in Massachusetts, ha avuto una lunga e illustre carriera nel governo coloniale. Era stato nominato dal Parlamento a diverse alte cariche e alla fine fu nominato governatore nel 1771. La grande sfortuna di Hutchinson fu che era un lealista (era fedele a Re Giorgio e al Parlamento) ed era un conservatore (una persona che desiderava preservare la società istituzioni esistenti). Amava la sua colonia di origine ed era triste nel guardare i disordini a Boston e ascoltare i discorsi rabbiosi sulla rottura dalla madrepatria (Gran Bretagna). Tra il 1767 e il 1769, Hutchinson, suo cognato, Andrew Oliver (1706–1774) e molti altri cittadini del Massachusetts scrissero di ciò che stavano osservando in Massachusetts e inviarono le lettere ad amici in Inghilterra.

Nel 1772, lo statista coloniale Benjamin Franklin (1706–1774) si impossessò delle lettere scritte da Hutchinson e dagli altri. Quando il contenuto delle lettere è trapelato al pubblico, Hutchinson si è trovato temuto e odiato come il peggior tipo di traditore. Rimase il principale traditore d'America fino alla fine della guerra rivoluzionaria. Nel 1780, le azioni di un altro uomo ambizioso e di talento scioccarono l'America. Quell'anno, il generale Benedict Arnold (1741-1801) tradì improvvisamente il suo paese e passò dalla parte britannica.

La prima parte di questo capitolo esplora gli eventi scritti nelle scandalose lettere di Hutchinson, così chiamate perché era il più noto degli scrittori. Viene anche esaminato ciò che è accaduto dopo la loro scoperta e pubblicazione anni dopo. La vicenda delle lettere di Hutchinson illustra la tragedia che può derivare dalle decisioni di persone ben intenzionate con lealtà contrastanti. La seconda parte di questo capitolo esplora la reazione dell'America alla notizia che uno dei suoi più grandi eroi di guerra, Benedict Arnold, aveva tradito la causa dell'indipendenza.