Roger bacon

Circa 1214/1220 - Circa 1292
filosofo naturale

Metodo sperimentale. Uno dei primi sostenitori dell'utilizzo di un'osservazione diretta e accurata e della relativa analisi matematica per testare le teorie dei primi scienziati, Roger Bacon scrisse anche importanti lavori sulla logica, la semantica e la semiotica.

Istruzione e carriera. Poco si sa della vita di Bacon. Alcuni studiosi ritengono che sia nato intorno al 1220, mentre altri collocano la sua data di nascita intorno al 1214. Studiò all'Università di Oxford e poi iniziò una carriera come professore di filosofia all'Università di Parigi intorno al 1237. Per circa un decennio tenne conferenze su Aristotele e testi pseudo-aristotelici, e sulla logica “nuova”, più complessa della vecchia logica aristotelica. Gli studiosi del tredicesimo secolo impiegarono la nuova logica per sviluppare a logica al giorno d'oggi (logica moderna), che ha coinvolto alcuni nuovi metodi di semantica. Intorno al 1248 Bacon lasciò l'insegnamento e per i successivi nove anni dedicò le sue risorse finanziarie allo studio delle lingue, esperimenti e "libri di segreti" (lavori su argomenti come l'alchimia, la medicina e l'arte statale). Nel 1280 Bacon produsse la sua edizione uno dei libri di segreti più noti, lo pseudo-aristotelico Secretum secretorum (The Secret of Secrets), opera di educazione politica per un principe, che comprende anche una sezione medica e scientifica.

Lavori scientifici. Dopo essere diventato un frate francescano nel 1257 circa, Bacon continuò i suoi studi e durante gli anni 1260 pubblicò il suo lavorare di più (Great Work) e scritti correlati, inclusi il naturale (Common Account of Natural Things), il suo schema per un'enciclopedia delle scienze. Il suo lavorare di più è in sette parti, che coprono la situazione accademica del tempo, la filosofia e la teologia, il linguaggio, le applicazioni della matematica, l'ottica, la scienza sperimentale e la filosofia morale. La sezione sull'ottica include una descrizione fisiologica completa dell'occhio e del nervo ottico e descrive una "scienza della visione separata" attraverso la quale e senza la quale non è possibile conoscere altre scienze. Cioè, considerava l'ottica la chiave per una scienza universale perché la visione consente allo scienziato di testare la teoria con l'esperienza. La sezione sulla scienza sperimentale sottolinea ancora una volta la necessità di testare la teoria con l'osservazione. Bacon ha anche applicato un approccio pratico alle sue idee sulla medicina, e ha cercato di mettere l'educazione su basi scientifiche e sperimentali, sperando di realizzare la riforma morale e religiosa della società e della chiesa.