Riis, giacobbe (1848-1914)

Reporter e fotografo

Esperienza di prima mano. Nato a Ribe, in Danimarca, Jacob Riis emigrò a New York nel maggio 1870 in un momento in cui gli Stati Uniti erano in crisi economica. Anche se sapeva parlare e leggere l'inglese e aveva lavorato come apprendista falegname a Copenhagen, trovava difficile trovare lavoro. Ha provato a scavare in Pennsylvania, e dopo essere quasi morto di fame è tornato a New York, dove ha vissuto in alloggi affollati gestiti dalla polizia. Queste prime esperienze di povertà fecero una forte impressione sul giovane che portò con sé per il resto della sua vita.

Reporter. Riis trovò lavoro con un giornale di Long Island nel 1873 e presto comprò e vendette un piccolo giornale a Brooklyn. Tornò in Danimarca dove sposò una fidanzata d'infanzia nel 1876. Tornato a New York, trovò lavoro nel 1878 presso il New York Tribune per venticinque dollari a settimana. Assegnato alla polizia, a sfornare articoli nella piccola sala stampa al 301 di Mulberry Street, Riis ha trovato la sua vocazione. L'edificio era circondato da case popolari e Riis è stato in grado di tradurre le scene miserabili in storie di interesse umano che non incolpavano le vittime della loro stessa angoscia. Infuso dal desiderio di aiutare, ha scritto storie vive di sofferenza e speranza.

Riformatore. Riis accompagnava spesso i membri del Comitato Drexel, nominato nel 1884 per esaminare le condizioni pericolose nelle case popolari. La città approvò lo Small Park Act del 1887 per demolire gli edifici e creare parchi, ma dopo che la politica cittadina bloccò qualsiasi azione seria, Riis iniziò a fotografare case popolari sovraffollate e consegnare le immagini al consiglio di sanità. Ha portato una pubblicità incessante alla difficile situazione dei poveri nel Lower East Side di New York, facendo una crociata per i cortili delle scuole, migliori condizioni di lavoro e restrizioni sulla vendita di liquori. Il suo "How the Other Half Lives", stampato con le sue fotografie nel numero di dicembre 1889 di Scribner's, è stato pubblicato come libro l'anno successivo. In una cultura che era ancora orientata intorno alla parola stampata, Riis ha mostrato il potere della fotografia documentaria nel plasmare l'opinione pubblica. Non solo Come vive l'altra metà causando una significativa protesta pubblica, portò Riis all'attenzione del politico riformista emergente Theodore Roosevelt. Riis divenne un buon amico di Roosevelt e in seguito il suo biografo.

Successi. Nel 1890 Riis fece domanda per un posto presso il Sole della sera. Sebbene l'editore Charles A. Dana fosse cinico sull'effettuare la riforma, ciononostante pagava a Riis cinquanta dollari a settimana e gli forniva un assistente. Nel 1891 Riis scrisse la sua più grande storia, un'esposizione alle impurità, comprese le acque reflue grezze, nel Croton Reservoir di New York. Come risultato delle sue indagini e delle pressioni del consiglio della sanità, New York City ha acquistato le proprietà che circondano la sua fornitura d'acqua. Nel 1892 Riis pubblicato I figli dei poveri, una vivida descrizione di come la povertà ha influenzato la vita dei giovani abitanti delle città. Continuò i suoi attacchi alla corruzione nel dipartimento di polizia e nel 1894 fu nominata una commissione per indagare. Quando Roosevelt fu nominato presidente della commissione di polizia nel 1895, Riis lo portò in un tour delle peggiori aree colpite dalla criminalità e dalla povertà di New York City. Roosevelt ha speso $ 10,000 per nuovi rifugi e ha chiuso gli orribili alloggi della polizia. Un parco fu costruito sul sito della baraccopoli di Mulberry Bend nel 1895.

Primo Muckraker. Riis lasciò temporaneamente il lavoro di giornale nel 1899 per viaggiare in tutto il paese tenendo conferenze sulla riforma urbana. È stato un precursore dei muckrakers, un gruppo di giornalisti che scrivevano di corruzione civica, avidità aziendale e apatia nazionale. Nonostante tutto il tempo che ha trascorso negli inferi delle città, Riis non si è mai disilluso né ha perso la speranza di una riforma. Morì all'età di sessantacinque anni dopo anni di malattie cardiache il 26 maggio 1914.