Riforma inglese

Corso irregolare. La Riforma arrivò tardi in Inghilterra e iniziò solo perché il Papa si rifiutò di annullare il matrimonio di Enrico VIII in modo che potesse risposarsi e avere un erede maschio. Henry ha rotto con il Papa nel 1533 e nel 1534, facendo pressioni sul Parlamento per sciogliere il suo matrimonio e proclamarlo capo supremo della Chiesa d'Inghilterra. Ha mantenuto la teologia, l'organizzazione ecclesiastica, i tribunali ecclesiastici e le pratiche religiose della Chiesa cattolica. Con la diffusione della Riforma nel continente, molti inglesi chiesero cambiamenti più sostanziali che potessero purificare la loro chiesa dai suoi aspetti cattolici e ritornare alla teologia e alle pratiche religiose che erano state sancite nelle Scritture. Sotto Edoardo VI questi puritani prevalsero quando l'arcivescovo di Canterbury, Thomas Cranmer, stabilì contatti con John Calvin e altri leader continentali dei movimenti protestanti che lo aiutarono a introdurre riforme protestanti come l'approvazione dei matrimoni clericali, adottando il Libro della preghiera comune per l'uso in servizi di culto e avallare i quarantadue articoli, che hanno codificato la dottrina della chiesa. Il pendolo oscillò nella direzione opposta sotto la regina Mary, una monarca cattolica che giustiziò i protestanti e costrinse altri a fuggire nel continente. Elisabetta I mantenne una dottrina protestante ma mantenne gran parte della cerimonia e della struttura del cattolicesimo. Sotto l '"Insediamento elisabettiano" i gruppi puritani iniziarono a separarsi in gruppi particolari secondo il modo e il grado di riforma che cercavano. Questo processo è continuato durante il regno dei monarchi Stuart. James I era sfavorevole verso i puritani, mentre Charles I era decisamente ostile. Ha incaricato il suo arcivescovo di Canterbury, William Laud, di imporre un anglicanesimo più elevato, o di orientamento cattolico. In risposta i puritani unirono le forze e insorsero contro di lui e conquistarono il controllo del paese entro il 1648. Il loro leader, Oliver Cromwell, era un cittadino comune che non aveva alcun diritto legittimo al trono e così istituì un commonwealth che, al momento della sua morte nel 1658, era degenerato in una dittatura militare sotto suo figlio, Richard. Alla ricerca di una certa stabilità, il Parlamento inglese ha riportato al trono il figlio di Carlo I. Il periodo tra l'adesione di Elisabetta nel 1558 e la Restaurazione di Carlo II nel 1660 è stato spesso chiamato il "Secolo Puritano" a causa della crescita, influenza e proliferazione di molti gruppi riformatori che desideravano purificare la Chiesa d'Inghilterra, sebbene in una varietà di modi e in diversi gradi. Alcuni riformatori rinunciarono alla chiesa esistente e si separarono da essa (separatisti); altri sono rimasti all'interno della Chiesa d'Inghilterra (non separatisti). Alcuni volevano che ogni congregazione avesse una completa autonomia (congregazionalisti), mentre altri volevano una chiesa più nazionale e centralizzata (presbiteriani).

Presbiteriani. Il presbiterianesimo fu introdotto in Scozia da John Knox nel 1558 e in Irlanda nel 1606 quando Giacomo I diede le terre dei ribelli cattolici irlandesi ai coloni presbiteriani scozzesi. I presbiteriani accettarono l'idea episcopaliana delle chiese cattolica e anglicana che la chiesa dovesse essere centralizzata e governata a livello nazionale. Volevano sostituire vescovi e arcivescovi con assemblee rappresentative in una disposizione gerarchica simile. In questo piano le congregazioni mantenevano una grande autonomia ma operavano secondo le linee guida stabilite dai consigli superiori, che operavano anche come corti d'appello per le decisioni prese ai livelli inferiori. Il più importante di questi consigli era il presbiterio, che era composto dai ministri locali e dai loro anziani. I sinodi abbracciavano un'area più ampia e un'Assemblea Generale ha richiamato rappresentanti della nazione. Quando i puritani controllavano l'Inghilterra, convocarono un'assemblea di teologi per incontrarsi a Westminster e raccomandare una dichiarazione di credenze e struttura ecclesiastica per tutte le chiese in Inghilterra, Scozia e Irlanda. L'Assemblea di Westminster ha raccomandato una Confessione di fede con i principi fondamentali ed essenziali della teologia, il Direttorio del culto pubblico per l'ordine dei servizi, la Forma del governo della Chiesa e il Catechismo più lungo e più breve per l'istruzione religiosa. Alla fine il Parlamento non adottò questi documenti né stabilì il Presbiterianesimo in Inghilterra e Irlanda, ma il regno separato di Scozia lo fece, implementando il rigido dogma e la gerarchia di una chiesa di stato. In Irlanda, il Presbiterianesimo rimase come una chiesa volontaria, ei suoi aderenti furono perseguitati come dissidenti dalla Chiesa anglicana, che fu ristabilita sotto Carlo II. Hanno assorbito i sentimenti della varietà di protestanti che fuggirono in Irlanda durante questo periodo di persecuzione, creando una struttura ecclesiastica più flessibile che enfatizzava l'autonomia della congregazione e consentiva variazioni nelle dottrine teologiche non essenziali.

Pellegrini congregazionali. Un gruppo separatista è andato in Olanda durante il regno di Carlo I per evitare la persecuzione in Inghilterra. Quando i membri del gruppo avevano difficoltà a guadagnarsi da vivere dignitosamente ei loro figli iniziarono ad adottare i modi olandesi, si imbarcarono sul Biancospino nel 1620 e si recarono nel Nuovo Mondo per stabilire un insediamento dove poter praticare la loro religione in isolamento. Nessun ministro ha accompagnato i coloni di Plymouth nei primi anni, ma si sono riuniti in una chiesa per pregare, leggere le Scritture e ascoltare i sermoni anche se non avevano nessuno che amministrasse i sacramenti. Un altro gruppo si stabilì a Salem. Quando i Puritani si stabilirono nelle vicinanze, la loro colonia più grande oscurò Plymouth e assorbì Salem. La distinzione tra i pellegrini separatisti ei puritani non separatisti presto svanì, e divennero indistinguibili l'uno dall'altro.

Puritani congregazionali. Rifiutando di separarsi dalla Chiesa d'Inghilterra, i puritani speravano ancora di riformare la chiesa dall'interno e si sforzarono di condurre una vita morale ed esemplare all'interno di una società inglese che temevano stesse diventando sempre più corrotta. Questi sforzi divennero più difficili sotto Carlo I, che costrinse tutti a conformarsi alla Chiesa d'Inghilterra, che stava ripristinando le precedenti pratiche cattoliche. Un gruppo di puritani decise di trasferirsi in America, praticare liberamente la propria religione e creare una società modello, una "città sulla collina", che sarebbe stata un esempio per l'Inghilterra. Nel 1629 navigarono verso la baia del Massachusetts, guidati da John Winthrop, che scelsero come governatore. Portarono con sé il loro statuto in modo che potessero governare il Commonwealth biblico senza interferenze esterne. Una grande migrazione di puritani seguì fino al 1640 quando scoppiò la guerra civile inglese ei puritani combatterono per il controllo dell'Inghilterra e della sua chiesa. Se i puritani del New England si fossero seriamente impegnati a purificare la Chiesa anglicana, sarebbero dovuti tornare in Inghilterra e farlo; la maggior parte no. In realtà erano diventati separatisti come i Pellegrini, ei due gruppi si fusero.

Battisti congregazionali. Emergenti dal movimento puritano furono i Battisti. Hanno rifiutato il battesimo dei bambini, credendo che questo sacramento dovrebbe essere il sigillo della conversione negli adulti. I battisti generali erano separatisti, eppure continuavano la convinzione anglicana che tutti avessero il libero arbitrio e la capacità di essere salvati. Nonostante la persecuzione crebbero di numero e si diffusero in tutta l'Inghilterra e, infine, nelle colonie, stabilendosi principalmente nel Rhode Island. Particolari battisti conservarono le opinioni non separatiste dei puritani, così come l'accettazione calvinista della predestinazione, e rimasero in comunione con i puritani. Il loro credo era modellato strettamente dopo la Confessione di Westminster. Si raggrupparono principalmente in Galles e da lì emigrarono in molte delle colonie americane.