Richelieu, armand-jean du plessis de

Nato: 9 settembre 1585
Parigi, Francia
Morto: 4 dicembre 1642
Parigi, Francia

Cardinale e statista francese

Il cardinale Richelieu si dedicò a garantire la leadership francese in Europa e ad aumentare il potere di re Luigi XIII (1601–1643) in Francia.

vita in anticipo

Armand-Jean du Plessis de Richelieu nacque il 9 settembre 1585 a Parigi, quarto dei cinque figli di François du Plessis, signore di Richelieu, e Suzanne de La Porte. Suo padre era il capo dell'amministrazione centrale del re Enrico III (1551–1589) e servì anche Enrico IV (1553–1610) prima di morire nel 1590 di febbre. Sua madre è stata costretta a trasferire la famiglia a casa della suocera. Armand, che per tutta la vita soffrì di diverse malattie, tornò a Parigi per studiare al College de Navarre, da cui passò ad un'accademia militare. La famiglia prevedeva che suo fratello Alfonso diventasse vescovo di Luçon, in Francia, ma Alfonso decise di diventare monaco. Poiché avrebbe aiutato la famiglia, Armand si offrì volontario per prendere il posto di suo fratello e nel 1603 iniziò a studiare religione. Andò a Roma nel 1607 e fu nominato vescovo dal papa. Rientra a Parigi e si laurea in teologia (studi religiosi).

Carriera come vescovo

Nel 1608 Richelieu arrivò a Luçon e iniziò le sue funzioni di vescovo. Nel 1614 fu eletto rappresentante della religione negli Stati Generali (la legislatura). Su suggerimento di Maria de 'Medici (1573-1642), che era a capo di un consiglio che governava per conto del suo giovane figlio Luigi XIII, Richelieu fu scelto per parlare all'ultima sessione delle Tenute. Tornò quindi a Luçon, ma un anno dopo tornò a Parigi e fu nominato segretario di stato per gli affari esteri e la guerra. Ha ricoperto la carica per soli cinque mesi prima che Luigi XIII prendesse il potere nell'aprile 1617 e licenziò i membri dello staff di sua madre. Nel 1618 Richelieu fu mandato in esilio nella città di Avignone, in Francia.

Alcuni dei consiglieri di Luigi XIII credevano che Richelieu avrebbe avuto un'influenza calmante sulla madre del re, quindi il re lo richiamò nel marzo 1619 e gli ordinò di riprendere a servirla. Richelieu ha contribuito a risolvere diverse controversie tra il re e sua madre. La regina madre voleva che il re aiutasse Richelieu a diventare cardinale; sperava di controllare la politica reale attraverso l'influenza che Richelieu avrebbe avuto come membro del consiglio del re. La resistenza del re e dei suoi ministri si sbriciolò gradualmente; nel settembre 1622 il papa nominò cardinale Richelieu, e nell'aprile 1624 il re chiamò Richelieu al suo consiglio.

Posizione come ministro

Richelieu rimase il principale ministro del re fino alla sua morte, e fu nominato duca nel 1631. Gradualmente costituì nel consiglio un gruppo di uomini, le sue "creature", che erano leali a lui e al re. Questi uomini lo tenevano informato di possibili minacce contro il re, dandogli il tempo di sventare qualsiasi tentativo di acquisizione. Ha anche fatto affidamento sulla sua famiglia, che ha ampliato organizzando con cura i matrimoni delle sue nipoti e cugini in grandi famiglie. Ha chiarito che era leale al re.

Molti cattolici, compresa la regina madre, consideravano gli ugonotti (protestanti francesi, che si opponevano a molte decisioni prese dal papa e ponevano meno enfasi sulle cerimonie rispetto ai cattolici) come il nemico e insistevano affinché fossero affrontati. Richelieu fu d'accordo con loro fino a un certo punto, rilevando la città ugonotta di La Rochelle, in Francia, e collaborando a un programma di riforme. Ma permise agli ugonotti di continuare a praticare la loro religione fintanto che rimasero fedeli al re, e il suo consiglio a Luigi XIII su altre questioni fece sì che la regina madre rompesse definitivamente con Richelieu nel 1630. Il re quindi rimosse il suo popolo dalla sua corte .

Politica estera

Richelieu voleva che la Francia diventasse la potenza principale in Europa. Sapeva che il paese alla fine avrebbe dovuto entrare in guerra con la Spagna, che all'epoca faceva parte dell'impero asburgico (un impero che era composto da parti degli attuali paesi di Austria, Repubblica Ceca, Ungheria, Croazia e altri). Mentre riorganizzava l'esercito francese e istituiva una marina, Richelieu incoraggiava la resistenza tedesca all'imperatore asburgico a Vienna, immaginando che questo avrebbe fatto guadagnare tempo ai francesi mentre il re asburgico in Spagna focalizzava la sua attenzione sul controllo della Germania. Diede anche denaro alla Repubblica olandese e al re guerriero svedese Gustavo Adolfo (Gustavo II; 1594–1632) per aiutarli nella loro lotta contro gli Asburgo. Alla fine la Francia fu trascinata in guerra, che era ancora in corso quando Richelieu morì il 4 dicembre 1642, dopo aver servito il suo paese al meglio delle sue capacità.

Per maggiori informazioni

Bergin, Joseph. L'ascesa di Richelieu. New Haven, CT: Yale University Press, 1991.

Glossop, Pat. Cardinale Richelieu. New York: Chelsea House, 1990.

Servo, Robert. Richelieu. New York: Longman, 1991. Ristampa, 2000.

Levi, Anthony. Il cardinale Richelieu e il Making of France. New York: Carroll & Graf, 2000.