Repubblica di Novgorod

Tipo di governo

La Repubblica di Novgorod è emersa dallo scompiglio della Rus 'di Kiev, all'inizio del XII secolo, ma l'economia guidata dal commercio di questa città commerciale ha promosso un'indipendenza di mente e un'avversione all'autocrazia che ha portato a una nuova forma di repubblica feudale. Suo veche, o un'assemblea di tutti i maschi liberi, selezionò un principe per governare Novgorod, e organismi simili si riunirono nelle città più piccole della repubblica per scegliere i loro dirigenti locali.

sfondo

La città che ha dato il nome alla Repubblica di Novgorod è uno dei più antichi insediamenti urbani del regno slavo. La sua posizione strategica sul fiume Volkhov ne fece un importante collegamento su una rotta commerciale che collegava la Scandinavia alle ricchezze dell'Impero bizantino a sud. Quando Kiev emerse come il centro del potere nella regione, Novgorod spesso si schierò dalla parte e, a volte, ospitò principi della linea Rurikid di Kiev Rus durante i periodi di crisi dinastica. Quando furono vittoriosi, quei principi di Kiev Rus 'concessero a Novgorod crescenti privilegi per quanto riguarda il commercio e l'autogoverno, che portarono alla sua mossa per la completa sovranità. Nel 1136 la classe dei proprietari terrieri d'élite di Novgorod chiese e ottenne il diritto di nominare il proprio principe, invece di accettare uno degli eredi del gran principe a Kiev.

Struttura governativa

La più alta autorità politica nella Repubblica di Novgorod era la veche, che era aperta a tutti i residenti maschi liberi nel regno, ma di solito includeva solo quelli a distanza udibile dai rintocchi dalla sua grande campana. Teoricamente, la campana del veche potrebbe essere suonata da qualsiasi uomo libero che desideri convocare un'assemblea. I suoi partecipanti hanno eletto il equipaggio (sindaco) e tysyatsky (comandante della milizia). Quando Novgorod iniziò ad affermarsi, il veche votò per limitare i poteri del principe mediante un vero e proprio contratto. Al principe era consentito non più di cinquanta uomini nel suo seguito militare, era vincolato per giuramento a rispettare tutte le leggi di Novgorod e gli era proibito possedere terreni o esercitare il commercio.

Il veche era dominato dal boiardi (i più grandi proprietari terrieri) e ha votato su tutte le questioni relative a Novgorod, comprese questioni di guerra, alleanze e trattati commerciali con altre nazioni. Ha anche eletto i posadnik tra i propri ranghi, e nel corso del tempo i compiti del posadnik più anziano sono arrivati ​​a includere la responsabilità per la milizia; nel frattempo, il tysyatsky ha assunto le funzioni di capo della polizia. A Novgorod l'arcivescovo ha servito come capo del ramo esecutivo. Ha supervisionato il tesoro repubblicano, ha condotto le relazioni estere e ha avuto il potere di perseguire i reati.

Nel 1291 le autorità locali di Novgorod attuarono una serie di riforme che stabilirono saldamente la città come centro di una repubblica indipendente. Fu creato un consiglio supremo, chiamato consiglio dei signori. I suoi membri erano il rappresentante del principe, l'arcivescovo di Novgorod e diversi posadnik e tysyatski. Nel corso dei due secoli successivi, il consiglio dei signori crebbe in numero fino a una cinquantina, ma il suo funzionamento effettivo rimane non documentato e, quindi, perso nella storia. La sua funzione principale era probabilmente la risoluzione tranquilla delle controversie che si verificavano tra una o più fazioni o famiglie economiche. Nello stesso anno, nel 1291, Novgorod fu riorganizzata in cinque distretti, ognuno dei quali aveva il proprio veche e posadnik. Le regioni esterne di Novgorod erano organizzate in modo simile in quinte, usando il termine russo per un quintile, pyatiny. Questi si estendevano a nord e ad ovest e includevano Ladoga, Oreshek, Pskov, Staraya Russa e Torzhok.

Partiti politici e fazioni

Il potere politico di Novgorod era radicato nella classe boiardi, i più grandi proprietari terrieri dell'impero e da cui furono scelti i posadnik e i tysyatski. Fino al 1236 i principi di Novgorod provenivano dalla linea Rurikid, ma quell'anno i veche votarono per invitare Alexander Nevsky (1220–1263 circa) a governare e guidare uno sforzo militare per respingere una doppia minaccia da scandinavi e tedeschi. Nevsky discendeva dalla linea principesca che governava Vladimir, un'altra città di Kievan Rus '.

Eventi principali

Nel 1240 Nevsky, diciannovenne, respinse l'esercito svedese. Due anni dopo, sconfisse i Cavalieri Teutonici tedeschi in uno dei conflitti più leggendari e irregolari d'Europa. Nella battaglia del lago Peipus, gli umili fanti di Nevsky furono vittoriosi su cavalieri in armatura impressionante a cavallo. Considerato uno dei più grandi eroi della storia russa, Nevsky rafforzò la Repubblica di Novgorod attraverso abili accordi di politica estera sia con gli scandinavi che con i mongoli dell'est, che avevano decimato gran parte di ciò che restava della Russia di Kiev.

La Repubblica di Novgorod terminò quando si occupò di questioni di successione familiare tra i principi di Mosca, che era emerso come un nuovo e forte centro urbano nella Russia medievale nel 1400. Una serie di scontri armati iniziati nel 1456 costrinse le autorità di Novgorod a rinunciare alcuni dei loro poteri sovrani a Mosca, e quando Novgorod tentò di allearsi con una crescente forza politica dall'altra parte, la Lituania-Polonia, fu schiacciata nella battaglia di Shelon nel 1471. Il suo periodo di autonomia terminò per sempre nel 1478, quando Ivan III Vasilyevich (1440–1505), il gran principe di Mosca, ordinò che la campana veche fosse rimossa.

Conseguenze

Il complicato sistema di proprietà terriere che i boiardi della Repubblica di Novgorod usavano per mantenere il potere resistette dopo il 1478, e nel giro di vent'anni fu codificato in tutta la Russia come un sistema di locazione che limitava severamente i servi (contadini) che lavoravano la terra. La servitù della servitù, spesso paragonata alla schiavitù per le restrizioni che poneva alla libertà di movimento e al potenziale di guadagno dei lavoratori agricoli, finì nel 1861. I disordini sociali che si verificarono dopo questo furono una causa diretta della rivoluzione bolscevica nel 1917. Questo divenne il mondo primo stato comunista, la Russia sovietica e la radice sapere in "sovietico" si ricollega al termine veche.

Dvornik, Francis. Gli slavi nella storia e nella civiltà europea. Piscataway, NJ: Rutgers University Press, 1992.

Moss, Walter G. Una storia della Russia. 2 voll. New York: McGraw-Hill, 1997.

Thompson, Michael. W. Novgorod il Grande. Londra: Evelyn, Adams e Mackay, 1967.