Rami di combattimento dell’esercito: aviazione

Filiali di combattimento dell'esercito: aviazione. Il ramo di combattimento dell'aviazione dell'esercito è costituito da quegli aerei così essenziali per le operazioni quotidiane delle forze di terra da essere posti sotto il comando e il controllo di un comandante di terra. Negli Stati Uniti, l'aviazione dell'esercito moderno risale agli sforzi dell'artiglieria da campo per ottenere un'osservazione aerea adeguata appena prima della seconda guerra mondiale. Il Dipartimento della Guerra approvò il programma di postazione aerea di osservazione il 6 giugno 1942. Ciascun battaglione di artiglieria da campo ricevette una sezione aerea di artiglieria di due aerei leggeri, di solito L-4, pilotati e mantenuti da artiglieri da campo. Alla fine, sezioni aeree di forza variabile si unirono a tutti i gradi del personale di artiglieria da campo, dalla divisione al livello del teatro. Il Department of Air Training presso la Field Artillery School, Fort Sill, Oklahoma, ha fornito una formazione avanzata per i piloti di artiglieria da campo e i meccanici dell'aviazione. I posti di osservazione aerea, come l'esercito designò l'aereo, erano i più importanti nel fornire il fuoco osservato per l'artiglieria da campo e il trasporto per i comandanti e gli ufficiali di stato maggiore nella zona di battaglia.

Il successo del programma portò il Dipartimento della Guerra ad estenderlo agli altri rami di combattimento di terra nel luglio 1945. Ribattezzato Aviazione leggera Army Ground Forces, ricevette la sanzione legislativa nel National Security Act del 1947, che creò anche un'Air Force indipendente. Nel 1949 il Dipartimento dell'Esercito ribattezzò il programma Aviazione dell'Esercito. Solo nel 1983 la specialità divenne un ramo separato dell'esercito.

Durante la fine degli anni '1940, l'esercito ottenne un numero limitato di elicotteri e un velivolo ad ala fissa leggermente più grande. L'esercito ha utilizzato elicotteri durante la guerra di Corea per eseguire l'evacuazione in prima linea dei soldati feriti. Una controversia con l'Air Force sull'acquisto di elicotteri da carico, tuttavia, ritardò fino al dicembre 1952 lo spiegamento della prima delle due compagnie di elicotteri da trasporto che alla fine videro il servizio in Corea. Durante questo periodo, l'esercito ampliò la sua base di addestramento per l'aviazione. Nel gennaio 1953 il Department of Air Training divenne la Army Aviation School. Si è trasferito a Fort Rucker, Alabama, nel 1954. All'indomani della guerra, l'esercito ha sperimentato elicotteri armati. Lo sviluppo di elicotteri a turbina rese possibile la creazione di una divisione di aeromobili, raccomandata dal Consiglio Howze nel 1962.

Dopo aver testato il concetto, l'esercito schierò la 1a divisione di cavalleria (Airmobile) in Vietnam durante l'estate del 1965. Gli elicotteri diedero all'esercito americano una grande flessibilità tattica, ma non erano sufficienti di per sé per vincere la guerra. I piloti dell'esercito hanno perfezionato le tecniche di evacuazione aeromedica e sviluppato nuove abilità nel volo notturno e in qualsiasi condizione atmosferica. L'elicottero armato si è dimostrato un'arma di supporto al fuoco ravvicinato e nelle fasi calanti della guerra del Vietnam ha dimostrato la capacità di uccidere i carri armati quando equipaggiato con razzi anti-corazza.

Questo sviluppo e l'invenzione di tecniche che permettevano agli elicotteri di sopravvivere in aree con significative difese antiaeree furono tra i fattori che portarono l'esercito ad adottare la sua dottrina di battaglia Air-Land. Gli elicotteri hanno svolto un ruolo significativo nelle operazioni post-Vietnam a Grenada, Panama e Somalia.
[Vedi anche Airborne Warfare; Aerei da trasporto e rifornimento.]

Bibliografia

Christopher CS Cheng, Air Mobility: The Development of a Doctrine, 1994.
Edgar F. Raines, Jr., "Maytag Messerschmidts" e "Biscuit Bombers": The Origins of Modern Army Aviation during World War II, di prossima pubblicazione.

Edgar F. Raines, Jr.