Putnam, Rufus

Putnam, Rufus. (1738–1824). Generale e ingegnere continentale. Massachusetts. Putnam è nato a Sutton, nel Massachusetts. Suo padre morì quando aveva sette anni; dopo che sua madre si è risposata, il ragazzo è stato allevato dai parenti. Nel 1754 fu apprendista presso un mulino a Brookfield. Tre anni dopo si arruolò come soldato semplice nel servizio provinciale del Massachusetts durante la guerra franco-indiana. Era un sergente nel 1759 e un guardiamarina nel 1760. Alto un metro e ottanta e noto per la sua forza e attività, aveva "una peculiare espressione obliqua" causata da una ferita all'occhio infantile (DAB). Gli mancava l'istruzione formale, ma i suoi sforzi di autoeducazione completavano la sua formazione pratica, che mise a frutto nella costruzione di opere difensive intorno al lago Champlain. Tornato a Brookfield dopo la guerra, coltivò, costruì mulini e, dopo aver imparato da solo la geometria, si manteneva come geometra quando scoppiò la guerra. Nel 1773 aiutò a sondare le terre concesse ai veterani lungo il fiume Mississippi.

Aveva appena compiuto trentasette anni quando divenne tenente colonnello del reggimento del Massachusetts del colonnello David Brewer il 19 maggio 1775. Divenne coinvolto nell'ingegneria militare durante l'assedio di Boston e fece il prezioso suggerimento di utilizzare telai in legno (lampadari) per risolvere il problema di erigere fortificazioni su terreno ghiacciato, una tecnica che contribuì al successo americano a Dorchester Heights il 4-5 marzo 1776. Nel frattempo, il 1 ° gennaio 1776 fu nominato tenente colonnello della ventiduesima fanteria continentale (Connecticut). aveva lavorato alle difese di New York City, il 5 agosto il Congresso lo ha promosso colonnello e lo ha nominato ingegnere capo ad interim. Putman si dimise da questa nomina quando il Congresso non avrebbe istituito un corpo di ingegneri, ma nel novembre 1776 accettò una commissione come colonnello del quinto reggimento del Massachusetts per il 1777. Servì a Saratoga sotto Horatio Gates, nella prima brigata del Massachusetts di John Nixon, ma non vide azione importante. Ha prestato servizio nelle Hudson Highlands per gran parte del resto della guerra, lavorando sulle difese di West Point e dei suoi posti di supporto. Il 7 gennaio 1783 fu nominato generale di brigata. Putnam è stato prominente nel presentare le lamentele degli ufficiali alle autorità statali e della Confederazione, e in giugno ha presieduto il consiglio degli ufficiali che ha inquadrato la petizione di Newburgh chiedendo al Congresso di prendere alcune disposizioni definitive per dare ai veterani taglie sulla terra nel territorio dell'Ohio, qualcosa che il Congresso ha rifiutato fare. Il 3 novembre 1783 si ritirò dall'esercito. "Come soldato era coraggioso e pieno di risorse, ma non era né un grande stratega né un eminente ingegnere militare" (DAB). Era limitato dalla sua mancanza di istruzione, in particolare in matematica.

Tra l'estate del 1784 e l'autunno del 1785, Putnam esaminò le terre del Maine (allora una parte del Massachusetts) e amministrò la loro vendita come sovrintendente statale dei sondaggi delle terre orientali. All'inizio del 1786 lui e Benjamin Tupper presero l'iniziativa di organizzare la Ohio Company of Associates, una società per azioni che attirò molti veterani interessati a trasferirsi a ovest. Il Congresso vendette alla compagnia 1.5 milioni di acri sulla riva nord del fiume Ohio nel 1787. Putnam raggiunse Adelphia (poi Marietta, Ohio) il 7 aprile 1788 come sovrintendente della compagnia. Il presidente Washington lo nominò giudice per il territorio del Nordovest nel marzo 1790. In qualità di generale di brigata nell'esercito regolare (4 maggio 1792), prese parte ai negoziati sui trattati indiani e partecipò alle operazioni di Anthony Wayne. Divenne il primo geometra generale delle terre federali in Ohio, ricoprendo questo incarico dal 1 ° ottobre 1796 fino al 1803. Morì a Marietta il 4 maggio 1824.