Punto quattro programma

Il punto quattro era un programma di aiuti esteri per assistere i poveri nei cosiddetti paesi sottosviluppati. Nel suo secondo discorso inaugurale nel 1949, il presidente Harry S. Truman ha chiesto questo "nuovo e audace programma" come parte di uno sforzo globale per promuovere la pace e la libertà. Invitando altre nazioni a partecipare, ha chiesto che il programma sia uno "sforzo mondiale" per il raggiungimento di "pace, abbondanza e libertà" attraverso l'assistenza tecnica, investimenti esteri privati ​​e una maggiore produzione. Nella prima fase della Guerra Fredda, e sulla scia della Dottrina Truman, del Piano Marshall e della creazione dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, il punto quattro è stato concepito come un'offerta alle nazioni emergenti per decidere contro il comunismo - per diventare neutro o non allineato. Sebbene Truman sostenesse questo programma radicale ma non definito, era passato quasi sei mesi prima che chiedesse al Congresso gli stanziamenti iniziali di 45 milioni di dollari. Poi il Congresso impiegò fino alla fine di maggio 1950 per approvare il punto quattro come Atto per lo sviluppo internazionale. Per il primo anno sono stati stanziati solo 29.9 milioni di dollari. Senza condizioni stabili, accordi commerciali e garanzie, le imprese erano riluttanti a investire, in particolare nei paesi che avevano più bisogno di capitali stranieri. Nel 1952 e 1953, l'Amministrazione per la cooperazione tecnica, che ha implementato il punto quattro, ha ricevuto poco più di 300 milioni di dollari per fornire assistenza tecnica. Nel 1954, il punto quattro era supervisionato dalla Foreign Operations Administration e il suo budget aveva raggiunto i 400 milioni di dollari. Centinaia di tecnici di Point Four hanno visitato dozzine di nazioni impoverite e migliaia di studenti di questi paesi sono stati invitati a studiare negli Stati Uniti. Come il Piano Marshall, il punto quattro era diretto dagli Stati Uniti e non dalle Nazioni Unite. Ciò ha portato a critiche di indebita influenza americana negli affari interni dei paesi in via di sviluppo. Gli ideali ambiziosi proclamati da Truman si scontravano con le realtà della Guerra Fredda e della Guerra di Corea (1950-1953), ed erano in gran parte incompatibili con l'orientamento al profitto degli affari privati.

Bibliografia

Bingham, Jonathan B. Diplomazia a maniche corte: punto 4 in azione. New York: John Doyle, 1954.

MichaelNiente