Premi, decorazioni e riconoscimenti

Premi, decorazioni e riconoscimenti. Una delle più antiche tradizioni nella professione delle armi è il riconoscimento di imprese eroiche di armi contro un nemico armato. Gli antichi greci assegnarono corone, coppie romane e dischi decorativi. Questa antica tradizione è continuata nel sistema di premi e decorazioni degli Stati Uniti, che comprende sei medaglie che riconoscono l'eroismo sul campo di battaglia. A questi si aggiungono altri due tipi di premi, uno che riconosce il servizio meritorio che è una risposta all'importanza dell'efficienza amministrativa e logistica nella guerra moderna; l'altro riconoscendo la partecipazione a campagne e il completamento di tour all'estero.

Il sistema di decorazioni americano iniziò nel 1782, quando George Washington istituì il Badge of Military Merit per riconoscere "casi di insolita galanteria", nonché "straordinaria fedeltà" e "servizio essenziale". La vera decorazione era un pezzo di stoffa viola a forma di cuore cucito al cappotto dell'uniforme del destinatario. In gran parte dimenticato dopo la guerra rivoluzionaria, questa decorazione fu ripresa dal Dipartimento della Guerra come il Purple Heart nel 1932, il 200 ° anniversario del compleanno di Washington. Nella sua nuova forma, questa decorazione riconosce il personale militare ferito o ucciso in combattimento e non costituisce di per sé un premio per un'azione eroica.

Il più alto riconoscimento americano per la galanteria, la Medal of Honor (spesso chiamata erroneamente Medal of Honor del Congresso), è stata istituita durante la Guerra Civile. In origine, era usato per riconoscere sia la galanteria in combattimento che la prestazione meritoria, ma alla fine del diciannovesimo secolo lo standard per l'assegnazione di questa medaglia era diventato "galanteria e intrepidità evidenti a rischio di una vita al di sopra e al di là del richiamo del dovere".

Durante la prima guerra mondiale furono aggiunte altre due decorazioni per l'eroismo. Il Distinguished Service Cross (Army), il Navy Cross e l'Air Force Cross (aggiunto nel 1960) riconoscono tutti un coraggio che non è all'altezza di quello richiesto per la Medal of Honor. La seconda medaglia, la Silver Star, viene assegnata da tutti i servizi per la galanteria che è meno degna di nota di quella richiesta per una croce di servizio.

Infine, ci sono altre tre decorazioni che riconoscono diversi gradi di galanteria in combattimento: la Distinguished Flying Cross (autorizzata dal Congresso nel 1926); la Bronze Star (autorizzata con ordinanza esecutiva nel 1944); e la Air Medal (istituita per ordine esecutivo nel 1942). Tutte e tre queste medaglie possono anche essere utilizzate per riconoscere un servizio eccezionale o risultati speciali che non implicano necessariamente coraggio di fronte a un nemico armato. Quando la Bronze Star viene assegnata per un'azione eroica, viene indossata con un piccolo dispositivo a "V" in bronzo che rappresenta il valore. Senza la V, la Bronze Star riconosce il servizio meritorio a sostegno delle operazioni di combattimento. I premi multipli di tutte le decorazioni sono indicati attraverso un sistema di piccoli grappoli metallici di quercia e stelle che vengono apposte alle medaglie.

Oltre alle medaglie che riconoscono l'eroismo in combattimento, ogni servizio ha una decorazione per l'eroismo e il rischio della vita al di fuori del combattimento: la medaglia del soldato, la medaglia della marina e del corpo dei marines e la medaglia dell'aviatore.

Le moderne unità di combattimento divennero sempre più dipendenti dalle forze di supporto, il cui personale arrivò a superare di quasi dieci a uno quelli in comando di combattimento. Inoltre, durante la Guerra Fredda, gli equipaggi che gestivano sistemi di armi strategiche hanno sopportato lunghe ore di allerta o di pattuglia senza praticamente alcuna possibilità di compiere un'eroica impresa di armi. La necessità di riconoscere i contributi del personale in servizio in ruoli non di combattimento ha dato origine a una seconda serie di decorazioni militari.

Il premio di grado più alto in questo secondo set è la Medaglia per il servizio distinto della difesa, conferita dal segretario alla difesa. Appena sotto questa decorazione si trovano la Army Distinguished Service Medal (DSM) e la Navy DSM, istituite dal Congresso rispettivamente nel 1918 e 1919; una versione dell'aeronautica è stata aggiunta nel 1960. Queste medaglie richiedono "un servizio particolarmente meritorio al governo in un dovere di grande responsabilità". A completare questa serie di premi ci sono molte altre decorazioni del Dipartimento della Difesa e medaglie per il servizio militare che riconoscono livelli inferiori di realizzazione e servizio meritorio. Infine, l'Air Force Combat Readiness Medal è stata istituita per riconoscere il sacrificio dei membri del servizio che hanno speso gran parte, se non tutta, della loro carriera professionale in ruoli legati alla deterrenza della guerra nucleare.

L'espansione dei requisiti di servizio all'estero degli Stati Uniti è stata accompagnata da un costante aumento del numero di decorazioni che riconoscono fattori come la partecipazione a una campagna e il completamento di un dispiegamento all'estero, anche in tempo di pace. Ciò iniziò nel 1898, quando la Medaglia Dewey fu autorizzata per coloro che parteciparono alla battaglia della baia di Manila. Un'altra forma di premio partecipativo è la citazione di unità, che riconosce coloro che servono in un'unità che ha compiuto la sua missione in modo superiore. Un esempio di questo tipo di premio è il Presidential Unit Citation.

Le medaglie sono solitamente indossate solo in occasioni cerimoniali. Per la routine quotidiana, ogni medaglia viene fornita con un piccolo campione oblungo che corrisponde al motivo del nastro di sospensione.

Il commento di Napoleone sull'effetto che i soldati rischiano la vita per un piccolo pezzo di nastro colorato indica l'estrema importanza che i militari attribuiscono alle sue decorazioni per l'eroismo da combattimento. Tuttavia, i criteri per l'assegnazione delle medaglie sono altamente soggettivi. Le controversie relative alle decorazioni militari statunitensi possono essere fatte risalire fino alla Guerra Civile, quando la Medal of Honor fu assegnata in circostanze discutibili in diverse occasioni. Durante la seconda guerra mondiale, il numero di decorazioni assegnate sollevava seri dubbi sul significato delle medaglie. Nel corso di questa guerra, l'esercito (che comprendeva ancora le Army Air Forces, AAF) ha distribuito un totale di 1,800,739 medaglie. Di questi, 1,314,000, ovvero il 73%, andarono al personale dell'AAF, sebbene rappresentassero solo il 28% del personale totale dell'esercito. Problemi simili si sono verificati fino alla Guerra del Golfo Persico del 1991.

Poiché il rapporto tra forze di supporto e forze di combattimento è aumentato notevolmente nel ventesimo secolo, sono proliferati nuovi premi per riconoscere e motivare il personale di supporto, inclinando il sistema di premi e decorazioni verso il servizio meritorio e la mera partecipazione ad attività militari. Verso la metà degli anni '1990, la situazione era arrivata al punto in cui le medaglie che riconoscevano il servizio di combattimento eroico spesso venivano perse tra le molteplici file di nastri indossate da praticamente ogni membro in carriera delle forze armate, la stragrande maggioranza dei quali non era mai stata sottoposta al fuoco nemico . Il sistema statunitense di premi e decorazioni aveva ceduto gran parte della sua tradizionale funzione di riconoscimento a coloro che hanno dimostrato uno straordinario coraggio in combattimento.
[Vedi anche Commemorazione e Rito Pubblico; Ideali, militari; Insegne; Uniformi.]

Bibliografia

Robert E. Wyllie, Ordini, decorazioni e insegne, militari e civili, 1921.
Robert Werlich, Ordini e decorazioni di tutte le nazioni: antico e moderno; Civile e militare, 1964.
Evans E. Kerrigan, Medaglie e decorazioni della guerra americana, 1990.

Donald Baucom