Pratica medica durante la rivoluzione

Pratica medica durante la rivoluzione. Da entrambe le parti durante la Rivoluzione americana, molti più soldati morirono di malattia che in combattimento, e molti di più morirono per le ferite di quanti ne furono uccisi. L'assassino più temuto in Nord America in questo momento era il vaiolo, che ha svolto un ruolo fondamentale nella sconfitta dell'invasione americana del Canada. Come risultato di quel disastro, nell'inverno 1776-1777 Washington istituì un requisito che imponeva a tutte le nuove reclute di sottoporsi a vaccinazioni per quella malattia prima di riferire all'esercito. Questo è stato uno dei primi casi, in tutto il mondo, di quella pratica ormai comune. Altre malattie invasero i campi militari del diciottesimo secolo, tra cui difterite, dissenteria, malaria, morbillo e persino scorbuto. La chirurgia era primitiva e, poiché i microbi e la sterilizzazione non erano ancora stati compresi, coloro che sopravvissero allo shock e al sanguinamento rischiarono infezioni letali.

Gli eserciti al tempo della Rivoluzione fornivano un chirurgo e compagni di chirurgo a livello di reggimento e uno staff medico più ampio incaricato di operare ospedali, sia quelli fissi nelle basi principali che gli ospedali da campo che accompagnavano le forze nelle operazioni militari. Il personale del reggimento ha fornito triage sul campo di battaglia e cure critiche; gli ospedali hanno condotto cure a lungo termine con uno staff di personale medico qualificato (medici, chirurghi di livello inferiore e farmacisti) integrato da civili impiegati come infermieri, inservienti, cuochi e persone che svolgono qualsiasi altra funzione di supporto appropriata. La maggior parte delle cure mediche da combattimento è arrivata dopo la fine della sparatoria. Il quartiermastro del reggimento avrebbe cercato i feriti usando i fiati e i tamburini del reggimento come barellieri. Navi navali di qualsiasi dimensione trasportavano anche un chirurgo e talvolta un assistente; i grandi squadroni, o più comunemente le loro basi, avrebbero anche navi ospedale, che molto spesso erano navi da guerra obsolete convertite.

Le pratiche mediche militari britanniche erano piuttosto convenzionali e operavano con lo svantaggio che tutte le forniture e il personale sostitutivo dovevano arrivare a tremila miglia dalle isole britanniche. Anche il contingente di tedeschi dell'Assia-Cassel aveva il proprio personale medico che gestiva un ospedale; le forze tedesche più piccole avevano disposizioni molto più modeste. Tutti i reggimenti tedeschi avevano una disposizione leggermente diversa da quella degli inglesi o degli americani. Avrebbero avuto un chirurgo per il reggimento ma fornito un compagno di chirurgo (Feldscher) per ciascuna azienda, sebbene questo individuo avesse una formazione molto inferiore rispetto alle sue controparti anglo-americane.

All'interno dell'esercito continentale il trattamento tendeva ad essere più facile perché i centri di inoculazione e gli ospedali potevano essere collocati quasi ovunque tranne che in prima linea. L'esercito ha avuto un momento molto più difficile nel creare un'amministrazione medica efficace ed efficiente. Le colonie avevano ottimi medici, compresi alcuni che si erano formati a Londra ed Edimburgo. Sebbene per molti versi i medici americani fossero più abili di quelli dell'esercito reale, mancavano di infrastrutture e di un sistema logistico in grado di fornire medicinali specializzati. Anche il Congresso continentale ha avuto difficoltà a trovare un capo adeguato per il suo programma medico. La prima scelta fu Benjamin Church del Massachusetts, che si rivelò essere una spia britannica. John Morgan successe alla Chiesa; sebbene fosse un buon dottore e amministratore, aveva una personalità abrasiva e si faceva così tanti nemici che dovette essere sollevato. Anche il terzo capo, William Shippen Jr., è stato sollevato, vittima di pugnalate alla schiena professionali. Entrambi quegli uomini erano Filadelfi. Benjamin Rush, come i suoi due predecessori un Philadelphian, si è immerso in intrighi politici e ha dovuto anche essere gettato via. Il 17 gennaio 1781 il Congresso nominò John Cochran del New Jersey, un veterano della guerra franco-indiana, e in lui trovò finalmente un capo competente che prestò servizio fino alla fine della guerra. Il capo del dipartimento medico dell'esercito continentale aveva il titolo di direttore generale.