Povero, enoch

Povero, enoch. (1736-1780). Generale continentale. Massachusetts e New Hampshire. Pronipote di un immigrato inglese che si stabilì a Newbury, Massachusetts, fu allevato nella fattoria di famiglia a North Andover, Massachusetts, ebbe poca istruzione e fu apprendista presso un ebanista. Nel 1755 prese parte alla spedizione del colonnello John Winslow in Acadia. Intorno al 1760 si trasferì a Exeter, nel New Hampshire, dove si stabilì come commerciante e costruttore navale. Dopo aver ricoperto vari incarichi pubblici ed essere stato eletto per partecipare a due congressi provinciali del New Hampshire, il 24 maggio 1775 fu nominato colonnello del secondo reggimento del New Hampshire. La prima missione del suo reggimento era costruire zattere antincendio per proteggere Exeter e lavorare sulle difese costiere. Poor allora condusse le sue forze sulle linee di Boston, si trasferì a New York City nella primavera del 1776 e fu successivamente inviato a rafforzare le forze che si ritiravano sul lago Champlain. Nel consiglio di guerra del 5 luglio 1776, si oppose all'abbandono di Crown Point e organizzò una protesta di ventuno ufficiali di grado sul campo (tra cui John Stark e William Maxwell) a Washington quando Schuyler decise saggiamente che il posto era insostenibile. Era presidente della corte marziale che assolse Moses Hazen e ordinò l'arresto di Benedict Arnold. Nel dicembre 1776 andò a sud per unirsi all'esercito di Washington per le operazioni a Trenton e Princeton, e il 21 febbraio 1777 fu promosso generale di brigata. Sebbene il suo record fosse stato buono come molti altri promossi al grado di ufficiale generale, doveva il suo avanzamento in parte a una disputa tra fazioni provocata dalla brusca partenza dal comando del colonnello John Stark a causa di quello che pensava fosse l'inetto processo di promozione del Congresso.

Dopo gli sconcertanti movimenti britannici che hanno preceduto la campagna di Filadelfia, la sua brigata e quella di Varnum furono staccate a Peekskill. Poor successivamente prese parte alle operazioni a Ticonderoga il 5 luglio 1777. La sua brigata di ottocento uomini avanzò sulla destra americana per aprire la seconda battaglia di Saratoga il 7 ottobre 1777, e gli uomini si comportarono bene. Riunì quindi a Washington per i quartieri invernali a Valley Forge e ebbe un ruolo di primo piano nell'azione a Barren Hill il 20 maggio 1778. Come parte del comando di Charles Lee, marciò con le prime truppe a lasciare Valley Forge per la campagna di Monmouth, e lui guidò uno degli ultimi movimenti della battaglia del 28 giugno.

Durante l'inverno 1779-1780, la sua brigata fu assegnata a Danbury, nel Connecticut. Ordinato di unirsi alla spedizione di Sullivan contro gli Irochesi, le sue truppe occuparono un posto di rilievo nella battaglia di Newtown, New York, il 29 agosto 1779, che fu l'unica azione importante della campagna. Nel 1780 la sua brigata fu incorporata nella divisione di fanteria leggera di Lafayette. Morì l'8 settembre 1780 a Paramus, nel New Jersey, di tifo (allora chiamato febbre putrida).